Una guida pratica ai dispositivi di energia libera                                                                                                Autore: Patrick J. Kelly

 

3: Immobili Pulsati Sistemi

I dispositivi ad impulsi di cui finora hanno avuto parti in movimento, ma la rotazione o fluttuanti campi magnetici possono essere creati senza parti in movimento. Un esempio di questo è:

 

Armatura Magnetica di Charles Flynn.

Un altro dispositivo di questo tipo viene da Charles Flynn. La tecnica di applicazione di variazioni magnetiche al flusso magnetico generato da un magnete permanente è illustrato in dettaglio nei brevetti di Charles Flynn che sono inclusi in appendice. Nel suo brevetto che mostra le tecniche per la produzione di moto lineare, movimento alternato, movimento circolare e conversione di potenza, e dà una notevole quantità di descrizione e spiegazione su ciascuno, il suo brevetto principale contenente un centinaio di illustrazioni. Prendere una domanda a caso:

Afferma che un miglioramento sostanziale del flusso magnetico possono essere ottenuti con l'uso di una disposizione simile
:

 

 

 

 

 

 

Qui, un armatura laminato ferro dolce ha un potente magnete permanente posizionato nel suo centro e sei bobina sono avvolte in posizioni indicate. Il flusso magnetico dal magnete permanente lambisce entrambi i lati del telaio.

 

 

 

 

I dettagli completi di brevetto di questo sistema di Charles Flynn sono nell'appendice.

 

 

 

Armatura Magnetica di Lawrence Tseung.

Lawrence Tseung ha recentemente prodotto un sottile design utilizzando principi molto simili. Egli prende un armatura magnetica di stile simile e inserisce un magnete permanente in uno dei bracci dell'armatura. Poi si applica taglienti CC impulsi a una bobine avvolta su un lato dell'armatura e trae energia da una bobina avvolta sul lato dell'armatura.

 

Egli mostra che tre distinte modalità operative per i dispositivi come segue:

 

 

Commenti Lawrence su tre possibili disposizioni. Il primo mostrata sopra è la situazione standard trasformatore commerciale dove c'è un armatura in ferro da spessori coibentata per ridurre le "correnti parassite" che altrimenti circolano intorno all'interno della armatura perpendicolarmente alla pulsazione utile magnetico che collega l'due bobine sui lati opposti della armatura. Come è ampiamente noto, mai questo tipo di disposizione ha una potenza maggiore della potenza in ingresso.

Tuttavia, tale disposizione può essere variata in molti modi diversi. Lawrence ha scelto di rimuovere una sezione di armatura e di sostituirlo con un magnete permanente come mostrato nello schema seguente. Ciò altera la situazione molto considerevolmente il magnete permanente provoca una circolazione continua di flusso magnetico attorno alla prima armatura qualsiasi tensione alternata viene applicata alla bobina di input. Se la potenza pulsante viene applicato nella direzione sbagliata come mostrato qui, dove gli impulsi in ingresso generare flusso magnetico che si oppone al flusso magnetico che scorre già in armatura dal magnete permanente, allora l'uscita è effettivamente inferiore a quello che sarebbe stato senza l'magnete permanente
.

 

 

Tuttavia, se la bobina di ingresso viene pulsata in modo che la corrente che fluisce nella bobina produce un campo magnetico che rafforza il campo magnetico del magnete permanente, allora è possibile che la potenza di uscita per superare la potenza di ingresso. Il "coefficiente di prestazione" o "COP" del dispositivo è la quantità di potenza di uscita divisa per la quantità di potenza di ingresso, che l'utente deve mettere a fare funzionare il dispositivo. In questo caso il valore COP può essere maggiore di uno:

 

 

Come sconvolge alcuni puristi, forse va detto che, mentre un segnale onda quadra viene applicato all'ingresso di ciascuna delle illustrazioni precedenti, l'uscita non sarà un'onda quadra sebbene sia mostrato così per chiarezza. Invece, le bobine di ingresso e uscita converte l'onda quadra ad una bassa qualità un'onda sinusoidale che diventa solo un'onda sinusoidale pura della frequenza degli impulsi corrisponde esattamente alla frequenza di risonanza di uscita dell'avvolgimento. Display dell'oscilloscopio mostrato qui è una tipica forma d'onda di potenza, che ha circa 390.000 di questi impulsi al secondo.

Vi è un limite a questo come la quantità di flusso magnetico che qualsiasi particolare armatura può portare è determinato dal materiale di cui è fatto. Ferro è il materiale più comune per armaturas di questo tipo e ha un punto di saturazione molto preciso. Se il magnete permanente è così forte che provoca la saturazione del materiale di armatura prima della pulsazione ingresso è applicato, quindi non vi può essere alcun effetto positivo da CC pulsare come mostrato. Questo è solo buon senso ma chiarisce che il magnete scelto non deve essere troppo forte per le dimensioni della armatura, e perché che dovrebbe essere.

Come esempio di questo, una delle persone replicano progettazione di Lawrence scoprì che non ha ottenuto alcun guadagno di potenza a tutti e così ha chiesto Lawrence per un consiglio. Lawrence gli consigliò di omettere il magnete e vedere cosa è successo. Lo ha fatto e subito ottenuto l'output standard, dimostrando che sia il suo arrangiamento di ingresso e uscita di misura il suo sistema sia funzionato perfettamente. E poi gli venne in mente che la pila di tre magneti che stava usando in armatura erano semplicemente troppo forte, così ha ridotto lo stack di soli due magneti e immediatamente ottenuto una performance di COP = 1.5 (potenza di uscita 50% in più l'ingresso potenza)
.

 

 

 

I Trasformatori di Thane Heins.

Thane ha sviluppato, testato e applicato per un brevetto per una disposizione del trasformatore in cui la potenza di uscita del suo prototipo può essere trenta volte maggiore della potenza in ingresso. Si raggiunge questo utilizzando un doppio nucleo cifra di otto trasformatore toroidale. Il suo CA2594905 brevetto canadese si intitola "Bi-Toroide Transformer" e datato 18 gennaio 2009. L'abstract dice: L'invenzione fornisce un mezzo per aumentare l'efficienza del trasformatore di sopra del 100%. Il trasformatore è costituito da una singola bobina primaria e due bobine secondarie.

Il flusso magnetico è mille volte più facile attraverso il ferro piuttosto che attraverso l'aria. A causa di questo fatto trasformatori sono generalmente costruiti su un telaio di ferro o un materiale simile magnetica. Il funzionamento di un trasformatore è niente come semplice come l'insegnamento scolastico suggerirebbe. Tuttavia, lasciando eccitazione parametrica parte per il momento, consideriamo gli effetti del flusso magnetico.

Il modo in cui dallo scaffale trasformatori lavorano in questo momento è come questo.

 

 

Quando un impulso di potenza in ingresso viene recapitato a bobina 1 (chiamato "avvolgimento primario"), si crea un'onda magnetica che passa intorno al telaio o "giogo" del trasformatore, passando attraverso bobina 2 (chiamata "avvolgimento secondario") e di nuovo a bobina 1 di nuovo come mostrato dalle frecce blu. Questo impulso magnetico genera una potenza elettrica in bobina 2, che scorre attraverso il carico elettrico (illuminazione, riscaldamento, la carica della batteria, display video, o altro) che fornisce con la potenza che deve operare.

Questo è tutto bene, ma il problema è che, quando l'impulso in bobina 2 finiture, ma genera anche un impulso magnetico, e purtroppo, che impulsi magnetici corre nella direzione opposta, opponendosi alla operazione di bobina 1 e facendolo dover amplificarlo di potenza di ingresso al fine di superare questo flusso magnetico nella direzione opposta, qui illustrato dalle frecce rosse:

 

 

Questo è ciò che rende attuali "esperti" scientifici dicono che l'efficienza elettrica di un trasformatore sarà sempre inferiore al 100%. Questo effetto è causato dal percorso magnetico essendo simmetrica. Come il flusso di energia elettrica, il flusso magnetico passa lungo ogni possibile percorso. Se il percorso magnetico ha una bassa resistenza magnetica (generalmente a causa di avere una grande area in sezione trasversale), allora il flusso magnetico attraverso tale percorso sarà grande. Così, di fronte più percorsi, il flusso magnetico percorrere tutti in proporzione a quanto bene ciascun percorso è per trasportare il magnetismo.

Thane Heins ha fatto uso di questo fatto facendo un trasformatore come questo:

 

 

 

 

Questo stile di trasformatore ha flussi magnetici piuttosto complicate quando è in funzione, anche se lo schema di cui sopra mostra solo alcuni dei percorsi di flusso generati quando la bobina ingresso "bobina 1" viene impulsato. Il risultato davvero interessante è visto quando l'impulso di ingresso taglia fuori e ci aspettiamo di ritorno flusso magnetico da bobina 2 e bobina 3.   Quello che succede è questo:

 

 

 

Si supponga che la bobina 2 e la bobina 3 sono identici. Il flusso magnetico inverso che esce bobina 2 incontra subito un incrocio con un percorso essendo molto più facile da usare rispetto all'altro.  Come risultato, la maggior parte di quel flusso magnetico segue il percorso ampia, e solo una piccola percentuale fluisce attraverso il percorso stretto.  L'ampio flusso di percorso incontra e si oppone da un grande flusso identico proveniente dalla bobina 3, e questi flussi efficacemente annullano a vicenda.  Questo produce un grande miglioramento rispetto un trasformatore normale.   Ma, il piccolo flusso raggiunge l'ingresso alla bobina 1 incontra due percorsi identici, e solo uno di quei percorsi va alla bobina 1, in modo che il flusso si divide con mezza andando verso la bobina 3 e mezza passando bobina 1. che dimezza la forza della già piccola percentuale di quella originale, indesiderati flusso magnetico inverso in bobina 1.   Le altre piste metà nel flusso ridotto da 3 bobine e quei due metà si annullano a vicenda.  L'effetto complessivo è un veramente notevole miglioramento delle prestazioni del trasformatore nel suo complesso.

 

Nel documento brevettuale, Thane cita una prova del prototipo che aveva una bobina avvolgimento primario con resistenza 2,5 ohm, portando 0,29 watt di potenza.  La bobina secondaria 1 ha avuto un avvolgimento con resistenza 2.9 Ohm, ricevendo 0,18 watt di potenza. Il carico resistivo 1 era di 180 ohm, ricevendo 11,25 watt di potenza.  La bobina secondaria 2 aveva un avvolgimento con resistenza 2,5 ohm, e ha ricevuto 0,06 watt di potenza.   Carico resistivo 2 è stato di 1 Ohm, ricevendo 0,02 watt di potenza. In generale, la potenza in ingresso era 0,29 watt e la potenza di uscita 11,51 watt, che è un COP di 39,6 e mentre il documento non menziona direttamente, la bobina primaria dovrebbe essere guidata alla sua frequenza di risonanza.

 

Una variante di questa disposizione è quello di collegare un toroide esterno alla disposizione bi-toroide esistente, in questo modo:

 

 

 

Questo prototipo, come si può vedere, è abbastanza semplice costruzione, ma, data una potenza di ingresso 106.9 milliwatt, che produce una potenza di uscita di 403,3 milliwatt, che è 3,77 volte maggiore.

Questo è qualcosa che deve essere considerato con attenzione. Scienza convenzionale dire che "non esiste una cosa come un pasto gratuito" e con trasformatore, si otterrà meno energia elettrica da esso che ci metti dentro. Bene, questa costruzione semplice ricerca dimostra che questo non è il caso, il che dimostra che alcune delle dichiarazioni dogmatiche fatte da scienziati presenti al giorno sono completamente sbagliate.

 

Al https://youtu.be/-LBnnL4v8MQ?list=PLkH1zLdXy1Sy3_St1tUwtY_6qiusDkyG9 Thane Mostra un video dove egli costruisce la sua bi-toroide da tre toroidi ordinari tenuti insieme con fascette:

 

 

 

 

 

Thane passa poi a dimostrare le prestazioni di questa combinazione:

 

 

 

Il LED associato con l'alimentazione vengono nutrito all'avvolgimento primario è così basso che la luce non è visibile. La produzione è accesa in maniera così potente che la fotocamera ha difficoltà a visualizzarla. Il carico fittizio è un singolo resistore inserito attraverso l'avvolgimento di terza e c'è una differenza di maggiori prestazioni, quando esso è inserito nel luogo. Questo video dimostra molto chiaramente la differenza causata dall'utilizzo di un trasformatore toroidale-bi.

Questa modifica semplice ed elegante del trasformatore umile, si trasforma in un free-energy dispositivo che aumenta la potenza utilizzata per guidare e uscite di potenza molto maggiore. Congratulazioni sono dovuti a Thane per questa tecnica.

Al momento ci sono tre video che mostrano come questo trasformatore funziona
:

http://www.youtube.com/watch?v=RbRPCt1-WwQ , http://www.youtube.com/watch?v=5KfwiXJ8apk  e

http://www.youtube.com/watch?v=GcAYhM0LX9A&playnext=1&videos=JjwIlLxS9jQ&feature=sub

 

 

 

 

Transformers del Professor Markov

Il professor Gennady Markov, direttore generale della STC "Virus" e autore di numerose invenzioni e scoperte, ha ricevuto un brevetto internazionale per un nuovo design trasformatore che ha creato. Il suo lavoro comporta una nuova legge nel campo della fisica e ingegneria elettrica. Egli dice: Nel 1831 Faraday scoprì l'induzione elettromagnetica. Poi le sue idee sono state ulteriormente sviluppate da Maxwell. Per più di 160 anni dopo che, nessuno avanzata elettrodinamica fondamentali da parte di anche un solo passo. Otto anni fa, ho fatto domanda per un brevetto internazionale, valido in 20 paesi, come avevo creato un trasformatore, che ha già ricevuto quattro brevetti russi. La mia scoperta è stata fatta nonostante le "leggi" del grande fisico Faraday che ha detto che "i flussi magnetici in un circuito magnetico dovrebbero essere combinati separatamente con il conseguente spostamento del flusso combinato in una sola direzione. Solo allora si può avere un trasformatore di lavoro ".

 

Ho osato fare il contrario: prendere una bobina con due avvolgimenti identici e operare verso l'altro. Questo crea flussi magnetici uguali, muovendo verso l'altro, che si annullano a vicenda, ma non distruggere l'altro come Faraday e Maxwell rivendicati. Ho determinato una nuova legge: 'Il principio di sovrapposizione di campi magnetici in materiali ferromagnetici'. La sovrapposizione - è l'aggiunta di campi magnetici. L'essenza della legge è che i campi magnetici vengono aggiunti, si annullano a vicenda, ma non vengono distrutti. E qui la parte importante è "non vengono distrutti" e che è il fatto chiave su cui si basa la mia legge.

 

Ho scritto un articolo su questo argomento, che è stato pubblicato sulla rivista "Applied Physics". Ho dimostrato un trasformatore in una mostra internazionale in Cina, dove ha causato un grande interesse tra gli scienziati e altri esperti. Tale trasformatore ha prestazioni eccellenti e in realtà, può alzare o abbassare la tensione senza bisogno di un avvolgimento secondario. La mia nuova legge ci permette, da un lato, di creare trasformatori ad alta potenza, dove il peso e le dimensioni per unità di capacità è di 20 a 30 volte inferiore rispetto a trasformatori convenzionali Faraday. In secondo luogo, ho creato un trasformatore che, nonostante le sue grandi dimensioni e capacità di alimentazione-gestione, in grado di operare a frequenze fino a diversi megahertz (al momento attuale, un trasformatore convenzionale funziona a frequenze di solo 30-50 Hertz, e se li si opera a 100 Hz o superiore, il metallo si surriscalda e il trasformatore si rompe). Mia trasformatore può operare in modo sicuro a frequenze di milioni di Hertz.

 

Trasformatori convenzionali tendono ad essere molto ingombranti, poiché contengono una grande quantità di ferro con il peso di un trasformatore 4 MW norma essere 3670 Kg. Il mio 4 trasformatore MW pesa un totale di 370 kg. Quando si costruisce un nuovo trasformatore è possibile utilizzare qualsiasi qualità di acciaio di qualità e non ci sono praticamente senza restrizioni sulla gamma di frequenze in cui può operare. A differenza trasformatori convenzionali, un nuovo trasformatore può essere trasportato dal luogo di produzione al punto di utilizzo abbastanza facilmente. Questo nuovo design trasformatore ci offre una grande opportunità per creare una nuova generazione di tecnologia.

 

Si prega di notare che il trasformatore non funziona a basse frequenze. La gamma di frequenza è 10 kHz a 40 MHz, e la tensione deve essere di almeno 40 volt.

 

Qui è la maggior parte del brevetto EP del professor Markov 844.626:

 

 

Domanda di brevetto EP 0844,626             27 Maggio 1998              Inventore: Gennady A. Markov

 

TRASFORMATORE

 

Astratto

Diversi tipi di trasformatori sono proposte che possono essere utilizzati come principale materiale di ingegneria elettrica di centrali elettriche, sottostazioni, linee elettriche, in radiotecnica, nei dispositivi per la misurazione, il controllo e la regolazione automatica. Al centro dell'invenzione risiede il principio cui l'avvolgimento primario è costituito da due sezioni ferita e collegati tra di loro in modo tale che durante il funzionamento del trasformatore, il flusso magnetico creato da una parte dell'avvolgimento primario compensa il flusso magnetico creato dall'altra parte dell'avvolgimento primario.

 

I comprende trasformatore (Fig.2) un circuito magnetico, un avvolgimento primario costituito da due sezioni aventi un identico numero di spire, avvolto in una direzione su un nucleo del circuito magnetico. Gli avvolgimenti delle due sezioni sono collegate tra loro da loro uscite, mentre gli ingressi degli avvolgimenti servono come ingressi per l'alimentazione. L'avvolgimento secondario è avvolto sul primario sullo stesso nucleo del circuito magnetico, un carico RH è collegato al secondario.

 

Le forme di realizzazione sviluppate del trasformatore si distinguono in quanto le sezioni dell'avvolgimento primario sono avvolte su un nucleo del circuito magnetico (3 realizzazioni) o su due nuclei di un circuito magnetico (4 forme di realizzazione), dal fatto che la direzione in cui le sezioni dell'avvolgimento sono avvolti è diverso (in una o direzioni opposte), e di conseguenza vi è un diverso collegamento degli avvolgimenti, e si distinguono anche per la presenza di un avvolgimento secondario (in una forma di realizzazione non c'è secondario).


Descrizione:

 

Sfondo arte

Trasformatori sono convertitori statici elettromagnetici di energia elettrica che hanno due o più avvolgimenti accoppiamento induttivo e sono progettati per la conversione di una corrente alternata sinusoidale di una tensione in corrente alternata di un'altra tensione con la stessa frequenza.

 

Il principio di funzionamento di un trasformatore si basa sull'effetto di induzione elettromagnetica trovata da M. Faraday nel 1831 (BN Sergeenko, VM Kiselev, NA Akimova. Macchine elettriche. Transformers. Bar ". Vysshaya Shkola," Mosca, 1989). In conformità con caratteristiche specifiche di costruzione e l'uso, trasformatori possono essere suddivisi in alimentazione, saldatura, di misura e trasformatori speciali.

 

Trasformatori di potenza, che sono un elemento necessario di una rete potenza industriale, hanno raggiunto l'uso più diffuso. Trasformatori hanno due parti fondamentali: un circuito magnetico e avvolgimenti. Inoltre, trasformatori ad alta potenza hanno un sistema di raffreddamento. Il circuito magnetico è la base strutturale per montaggio e fissaggio avvolgimenti, rubinetti e altri elementi di un trasformatore, e servono per l'amplificazione dell'accoppiamento magnetico tra gli avvolgimenti.

 

La parte del circuito magnetico su cui sono disposti gli avvolgimenti, viene chiamato 'core', la parte rimanente, chiudendo il circuito magnetico, è chiamato il 'giogo'. Gli avvolgimenti di un trasformatore servono a creare un campo magnetico per mezzo del quale energia elettrica è erogata. L'avvolgimento del trasformatore elettrico a cui viene alimentato viene chiamato avvolgimento primario, mentre l'avvolgimento da cui potenza viene presa viene chiamato avvolgimento secondario.

 

Invenzioni note riguardano la realizzazione di trasformatori speciali o con modifiche di particolari elementi strutturali del trasformatore; realizzazione di circuiti magnetici determinati materiali e il loro aspetto strutturale, il collegamento dei circuiti magnetici tra loro in cui vi è un numero di circuiti magnetici n, l'uso di diversi tipi di sistemi di isolamento e raffreddamento, realizzazione di avvolgimenti, elementi aggiuntivi per migliorare immunità ai disturbi.

 

Un trasformatore per i veicoli è noto [PCT (WO), 93/14508]. La piccola dimensione, trasformatore luce, comprende un nucleo di ferro-shell tipo su cui sono avvolte ad accoppiamento induttivo avvolgimenti di ingresso e uscita. Un elemento magnetico con uno spazio d'aria è prevista tra gli avvolgimenti di ingresso e uscita, mentre un elemento magnetico creando forte accoppiamento magnetico si trova tra gli avvolgimenti di uscita. L'elemento è disposto in un 5d gap circondato dal nucleo e consiste di un circuito magnetico senza lacune ed una piastra isolante tenendo il circuito magnetico e isolandolo dal nucleo e avvolgimenti.

 

Un trasformatore è noto [PCT (WO), 93/16479], in cui il nucleo è costituito da filo ferromagnetico. Viene proposto un nucleo avvolto a spirale in filo ferromagnetico. Il nucleo è utilizzato in un sensore di corrente differenziale in un interruttore per aprire un circuito che opera in presenza di un cortocircuito verso massa. Il filo è avvolto in ferromagnetica spirale, le spire dei quali sono parallele tra loro e si estendono per l'intera lunghezza del nucleo. Quest'ultima è posizionata vicino alle linee di corrente, con monitoraggio di corto circuito in esso, in cui entrambe le linee sono collegate ad una fonte di alimentazione. Le correnti a fluire in direzioni opposte. Il nucleo interagisce con un campo magnetico creato da quelle correnti. Quando viene utilizzato un filo ferromagnetico, è possibile aumentare notevolmente la superficie del nucleo senza aumentare la sua sezione trasversale, e quindi le dimensioni.

 

Un trasformatore è noto [RU, C1, 2.041.514] consistente in uno o più nuclei striscia realizzate in lega magnetica comprendenti silicio, boro, ferro e più avvolgimenti induttivamente accoppiato al nucleo, in cui la lega magnetico comprende inoltre rame e uno o più componenti scelto dal gruppo costituito da niobio, tantalio, tungsteno, molibdeno, cromo, e vanadio, con il seguente rapporto degli elementi in lega, atomi percento: rame - 0,5-2,0; uno o più componenti del gruppo costituito da niobio, tantalio, tungsteno, molibdeno, cromo, vanadio - 2-5; silicio - 5-18; boro - 4-12; ferro - equilibrio.

 

Un trasformatore è noto [PCT (WO), 93/18529] composto da 3 o 4 tipi di unità di isolamento con un avvolgimento. Trasformatori di questo tipo sono facilmente assemblati con piccolo dispendio di tempo.

 

Un trasformatore di corrente con isolamento striscia è noto [RU, C1, 2.046.425] consistente in un unico-turn o multi-turn avvolgimenti primario e secondario, che si trovano in una schermata di smorzamento e hanno terminali. In cui gli avvolgimenti sono fissati per mezzo di sostegno inserimento e boccole di collegamento e sono coperti con composti epossidici. Il trasformatore è inoltre dotato di boccole isolanti, uno schermo che è posto sul primario e morsetti di supporto. Boccole isolanti sono montati in slot semi-ovale dei morsetti, lo schermo di smorzamento è fatta aperta e si compone di due parti, con un cuscinetto isolante montato nello spazio tra le due parti, e le boccole di supporto inserimento sono montati su boccole isolanti in modo adattabile per fissare lo schermo smorzamento.

 

Un trasformatore ad alta tensione è nota (RU, C1, 2.035.776] comprendente un involucro di porcellana montato su uno zoccolo in cui una porzione attiva racchiuso nell'alloggiamento, è posizionata sulla compressione messaggi. La porzione attiva è costituito da un circuito magnetico rettangolare miscelato con gioghi , core superiori e inferiori orizzontali su cui sono posizionati gli avvolgimenti Al fine di ridurre l'immunità ai disturbi del trasformatore è provvista di schermi aggiuntivi -. un mezzo, quelle superiori e inferiori, e uno schermo capacitivo.

 

Una tortuosa per un trasformatore ad alta tensione è noto [PCT (WO), 93/18528]. Un elemento di collegamento è fissato alla porzione conduttrice dell'avvolgimento per migliorare le proprietà meccaniche, ed un secondo elemento di collegamento è collegato al suddetto elemento di collegamento per mezzo di elementi isolanti. Tale, un avvolgimento può essere usato come un avvolgimento di bassa tensione con un piccolo numero di spire in trasformatori a secco con una resina versata sopra loro.

 

Un pesante trasformatore corrente è noto [RU, C1, 2.027.238] comprendente un avvolgimento primario disposto su un nucleo toroidale e un avvolgimento secondario comprende l'avvolgimento primario. In cui l'avvolgimento secondario è costituito da un fascio di conduttori flessibili posizionati nella cavità interna del toro in sezioni N, e dal lato esterno del toro in N-1 sezioni, dove N è il numero di spire dell'avvolgimento secondario, in cui il fascio è disposto in uno o più strati sul lato esterno del toro.

 

Tuttavia, tutti i trasformatori noti sono costruiti secondo un principio, in particolare - fornire energia elettrica al primario e prendendo energia elettrica dal secondario, e tutti hanno questi inconvenienti: multigiro avvolgimenti secondari di trasformatori step-up , che operano tuttavia in una gamma di frequenza piuttosto stretta (50-400 Hz); la gamma di frequenza limitata dei trasformatori essendo collegati con perdite nel circuito magnetico a frequenze più alte; elevata resistenza degli avvolgimenti, cioè la necessità che la condizione a vuoto del trasformatore essere preso in considerazione durante i calcoli del numero di spire dell'avvolgimento secondario di ottenere una tensione di uscita predeterminata; la complessità della costruzione dei trasformatori quando tutti i possibili tipi di elementi aggiuntivi, isolamento ecc sono utilizzati per ridurre i suddetti inconvenienti..

 

La Divulgazione dell'Invenzione

Alla base dell'invenzione risiede l'obiettivo di creare un tale trasformatore in cui la possibilità di avvolgimento secondario con filo, tra cui fili con una sezione trasversale uguale alla sezione dell'avvolgimento primario, si realizza, e la riduzione del numero di spire dell'avvolgimento secondario del trasformatore ad alta tensione e ampliamento del numero di varianti di trasformatori esistenti sono raggiunti.

 

Questo scopo è raggiunto in che una costruzione di un trasformatore è proposto che comprende un circuito magnetico, almeno due avvolgimenti, ingressi per un alimentatore, prese per un carico, in cui l'avvolgimento primario è costituito da due sezioni con identico numero di spire, sezioni essendo collegati tra loro in un circuito in serie.

 

Un trasformatore è proposto in cui due sezioni di un avvolgimento primario sono avvolti in una direzione su un nucleo del circuito magnetico, le sezioni sono collegati in un circuito in serie mediante collegamento delle uscite degli avvolgimenti, e il punto della loro connessione funge una uscita per il carico, mentre gli ingressi degli avvolgimenti delle sezioni servono come ingressi per l'alimentazione.

 

Il risultato tecnico è raggiunto mediante la creazione di un trasformatore, due sezioni dell'avvolgimento primario del quale sono avvolte in una direzione su un nucleo del circuito magnetico, le uscite degli avvolgimenti delle sezioni sono collegati in un circuito in serie, mentre gli ingressi della sezione avvolgimenti servono come ingressi per l'alimentazione. L'avvolgimento secondario è avvolto sullo stesso nucleo del circuito magnetico, sulle sezioni dell'avvolgimento primario.

 

Il risultato tecnico suddetto viene ottenuta creando un trasformatore, due sezioni dell'avvolgimento primario di cui sono avvolti in direzioni opposte su un nucleo del circuito magnetico, l'uscita dell'avvolgimento della prima sezione e l'ingresso dell'avvolgimento del secondo sezione sono collegati tra loro in un circuito in serie, mentre l'ingresso dell'avvolgimento della prima sezione e l'uscita dell'avvolgimento della seconda sezione servono come ingressi per l'alimentazione. L'avvolgimento secondario è avvolto sullo stesso nucleo del circuito magnetico sopra sezioni dell'avvolgimento primario.

 

L'oggetto indicato viene ottenuta creando un trasformatore in cui entrambe le sezioni dell'avvolgimento primario sono avvolti in una direzione su due nuclei di un circuito magnetico, l'uscita dell'avvolgimento della prima sezione e l'ingresso dell'avvolgimento della seconda sezione sono collegati tra loro in un circuito in serie, mentre l'ingresso dell'avvolgimento della prima sezione e l'uscita dell'avvolgimento della seconda sezione servono come ingressi per l'alimentazione. L'avvolgimento secondario è avvolto su entrambe le sezioni dell'avvolgimento primario, comprendente entrambi i core del circuito magnetico. Lo stesso risultato tecnico si ottiene creando un trasformatore in cui entrambe le sezioni dell'avvolgimento primario sono avvolti in direzioni opposte su due nuclei di un circuito magnetico, le uscite degli avvolgimenti delle sezioni sono collegate tra loro in un circuito in serie, mentre gli ingressi degli avvolgimenti delle sezioni servono come ingressi per l'alimentazione. L'avvolgimento secondario è avvolto su entrambe le sezioni dell'avvolgimento primario, comprendente entrambi i core del circuito magnetico.

 

Lo stesso risultato tecnico è raggiunto quando entrambe le sezioni dell'avvolgimento primario sono avvolti in una direzione su due nuclei di un circuito magnetico, dove l'ingresso dell'avvolgimento della prima sezione è collegato all'uscita dell'avvolgimento della seconda sezione, la uscita dell'avvolgimento della prima sezione è collegata all'ingresso dell'avvolgimento della seconda sezione, i punti di collegamento loro servono come ingressi per l'alimentazione. L'avvolgimento secondario è avvolto su entrambe le sezioni dell'avvolgimento primario, comprendente entrambi i core del circuito magnetico.

 

L'oggetto indicato viene ottenuta creando un trasformatore in cui due sezioni dell'avvolgimento primario sono avvolti in direzioni opposte su due nuclei di un circuito magnetico, entrambe le sezioni sono collegate tra loro da collegamento degli ingressi e delle uscite della stessa, rispettivamente, ei punti della loro connessione servire come ingressi per l'alimentazione. L'avvolgimento secondario è avvolto su entrambe le sezioni dell'avvolgimento primario, comprendente entrambi i core del circuito magnetico.

 

I seguenti sta alla base della presente invenzione: sezioni dell'avvolgimento primario sono avvolti e collegati tra loro in modo tale che il flusso magnetico creato da una di tali sezioni durante il funzionamento del trasformatore compensa il flusso magnetico creato dalla altra sezione dell'avvolgimento primario.

 

Se le due sezioni del primario del trasformatore proposto sono collegati ad una rete a corrente alternata con una tensione U1, poi un io corrente scorrerà lungo il loro. La forza magnetomotrice di una sezione del iow1 avvolgimento causa della corrente crea io alternata F1 flusso magnetico nel circuito magnetico del trasformatore. Analogamente, un iow2 forza magnetomotrice, che è uguale alla mmf della prima sezione iow1, appare nella seconda sezione dell'avvolgimento. Poiché le sezioni sono collegate tra loro in un circuito in serie, il flusso magnetico alternato F2 appare nella seconda sezione del contatore primario e diretto al flusso magnetico F1 compenserà il flusso magnetico della prima sezione F1. Tuttavia, a causa della induzione della mmf permeabilità delle modifiche circuito magnetico.

 

Quando la corrente di rete scende durante semicicli, ripristino della permeabilità che avviene nel circuito magnetico, e di conseguenza, una forza elettromotrice (fem) è indotta negli avvolgimenti primario e secondario. In cui, durante un semiperiodo della corrente nell'avvolgimento primario, la tensione nell'avvolgimento secondario passa attraverso un intero periodo.

 

Nel caso in cui entrambi gli avvolgimenti sono avvolti in direzioni opposte con identico numero di giri, ma sono collegati tra loro in un circuito in serie opponendosi conduttori (l'uscita dell'avvolgimento della prima sezione e l'ingresso dell'avvolgimento del secondo sezione), il flusso magnetico nel primario io sarà anche pari a zero, cioè lo stesso risultato tecnico può essere raggiunto come nel caso in cui gli avvolgimenti di entrambe le sezioni sono avvolti in una direzione. Quando RH è collegato al secondario, la forma della tensione non cambia. La tensione di uscita dipende da un aumento del numero di spire dell'avvolgimento secondario rispetto al numero di spire dell'avvolgimento primario.

 

Tale realizzazione dei risultati trasformatore proposti:

1) una riduzione del numero di spire dell'avvolgimento secondario da 10 a 20 volte, e, di conseguenza, le dimensioni del trasformatore sono ridotti;

2) la possibilità di avvolgimento secondario con un filo spesso di sezione uguale alla sezione trasversale del filo nel primario;

3) l'avvolgimento secondario con un numero di giri maggiore o inferiore al numero di spire dell'avvolgimento primario, a seconda della necessità di una alta tensione all'uscita del trasformatore.

 

 

Breve descrizione dei disegni

Il trovato verrà spiegata da una descrizione di esempi concreti della sua forma di realizzazione e dai disegni allegati in cui:

 

 

Fig.1 mostra il dispositivo in fase di brevetto - un trasformatore secondo l'invenzione (circuito);

 

 

 

 

 

 

 

 

Fig.2 mostra un'altra forma di realizzazione del trasformatore secondo l'invenzione (circuito);

 

 

 

 

 

 

Fig.3 mostra una delle forme di realizzazione del trasformatore secondo l'invenzione (circuito);

 

 

 

 

Fig.4 mostra un'altra forma di realizzazione del trasformatore secondo l'invenzione (circuito);

 

 

 

Fig.5 mostra un'altra forma di realizzazione del trasformatore secondo l'invenzione (circuito);

 

 

 

Fig.6 mostra una delle forme di realizzazione del trasformatore secondo l'invenzione (circuito);

 

 

 

 

 

Fig.7 mostra una delle forme di realizzazione del trasformatore secondo l'invenzione (circuito);

 

 

 

 

 

 

Fig.8 mostra una dipendenza stilizzata dell'aumento di corrente e tensione negli avvolgimenti primario e secondario di un trasformatore con un circuito magnetico ferrite; Fig.9 mostra una dipendenza stilizzata dell'aumento di corrente e tensione negli avvolgimenti primario e secondario di lamiera.

 

 

 

 

Migliori Varianti di realizzare l'invenzione

 

 

 

Un trasformatore secondo l'invenzione, secondo la realizzazione mostrata in Fig.1 comprende un circuito magnetico 1, un primo tratto 2 di un avvolgimento primario, una seconda sezione 3 del primario, a1 e x1 - l'input e l'output di l'avvolgimento della prima sezione, a2 e x2 - dentro e fuori dell'avvolgimento della seconda sezione dell'avvolgimento primario, RH1 - la resistenza di un carico collegato alla prima sezione, RH2 - la resistenza di un carico collegato seconda sezione dell'avvolgimento primario. Le due sezioni dell'avvolgimento primario sono avvolto sul circuito magnetico 1: la prima sezione 2, la seconda sezione 3 di esso in una direzione, e hanno un numero identico di giri. Le uscite x1 e x2 degli avvolgimenti sono collegati tra loro in un circuito in serie, mentre gli ingressi a1 e a2 degli avvolgimenti sono collegati separatamente ad un alimentatore. Una resistenza di carico è collegato in parallelo a ciascuna sezione dell'avvolgimento: RH1 nel percorso della corrente dalla rete di alimentazione alla prima sezione dell'avvolgimento e al punto di connessione degli avvolgimenti delle sezioni, e RH2 corrispondentemente al secondo sezione dell'avvolgimento primario.

 

 

 

 

 

Un trasformatore secondo l'invenzione secondo la realizzazione mostrata in Fig.2 è fatto simile al trasformatore secondo la realizzazione illustrata in Fig.1.   Una distinzione è in presenza di avvolgimento secondario 4, che viene avvolto in un terzo strato sulle sezioni 2 e 3 del primario sullo stesso nucleo del circuito magnetico 1.   A e X indicano l'entrata e di uscita (in e fuori della fase) dell'avvolgimento secondario, RH - la resistenza del carico collegato alla porta A e X dell'avvolgimento secondario.

 

 

 

 

 

 

Un trasformatore secondo il trovato secondo la forma di realizzazione secondo la Fig.3 è fatto simile al trasformatore secondo la realizzazione illustrata in Fig.2.   Una distinzione è che le sezioni dell'avvolgimento primario sono avvolti in direzioni opposte. L'uscita dell'avvolgimento della prima sezione x1 e l'ingresso dell'avvolgimento della seconda sezione a2 sono collegati tra loro in un circuito in serie, l'altro porta delle sezioni a1 e x2 servono come ingressi per l'alimentazione.

 

 

 

Un trasformatore secondo l'invenzione secondo la realizzazione mostrata in Fig.4 è fatto simile al trasformatore secondo la realizzazione illustrata in Fig.2.  Una distinzione è che le sezioni dell'avvolgimento primario 2 e 3 sono avvolti su due conduttori del circuito magnetico 1.   Le sezioni sono collegate tra loro mediante conduttori opposti - il fuori l'avvolgimento della prima sezione e in dell'avvolgimento della seconda sezione.   Avvolgimento secondario 4 è avvolta su entrambe le sezioni del primario e comprende sia conduttori del circuito magnetico.

 

 

 

 

 

 

Un trasformatore secondo l'invenzione secondo la realizzazione mostrata in Fig.5 è fatto simile al trasformatore secondo la realizzazione mostrata in Fig.4.  Una distinzione è che le due sezioni del primario sono avvolti in direzioni opposte, le uscite x1 e x2 degli avvolgimenti delle sezioni sono collegati tra loro in un circuito in serie, mentre gli ingressi a1 e degli avvolgimenti delle sezioni servire come ingressi per l'alimentazione.

 

 

 

 

 

 

Un trasformatore secondo la realizzazione illustrata in Fig.6, è fatto simile al trasformatore secondo la realizzazione mostrata in Fig.4.  Una distinzione è che l'in della prima sezione a1 e dalla seconda sezione x2, e anche l'uscita della prima sezione x1 e l'ingresso della seconda sezione a2 sono collegate tra loro, e le punte dei loro connessione servire come ingressi per l'alimentazione.

 

 

 

Un trasformatore secondo la realizzazione mostrata in Fig.7, in accordo con l'invenzione, è fatto simile al trasformatore secondo la realizzazione illustrata in Fig.6.   Una distinzione è che le sezioni sono avvolti in direzioni opposte, dagli ingressi a1 e a2 e dalle uscite x1 e x2 gli avvolgimenti delle sezioni sono collegate tra loro, ed i punti di collegamento loro servono come ingressi per l'alimentazione.

 

 

 

Il principio di funzionamento del trasformatore proposta secondo la realizzazione mostrata in Fig.1 è il seguente:

 

1. Circuito aperto (senza carico)

Gli ingressi a1 e a2 degli avvolgimenti delle sezioni 2 e 3 sono collegate separatamente ad un alimentatore U (non mostrato), le uscite x1 e x2 degli avvolgimenti delle stesse sezioni sono collegate tra loro in un circuito in serie. A i flussi di corrente attraverso gli avvolgimenti di quelle sezioni, questa corrente provoca una forza magnetomotrice MMF in ciascuna sezione dell'avvolgimento che è pari a iw.  Poiché i flussi in ciascuna sezione sono uguali e diretto in direzioni opposte sono reciprocamente compensati e l'inversione della magnetizzazione del nucleo non si verifica, ma come conseguenza del mantenimento del principio della sovrapposizione di campi magnetici in un circuito magnetico, quest'ultimo interagisce con i campi a livello microscopico che provoca interazione sottolineato di una struttura di dominio e un cambiamento nella permeabilità magnetica del materiale del circuito magnetico.

 

Quindi, una variazione della corrente che passa attraverso le sezioni dell'avvolgimento primario in maggiore comporta una variazione della permeabilità, mentre una traslazione di quest'ultimo provoca una fem appaia in queste bobine tra il punto di collegamento delle sezioni e gli ingressi degli avvolgimenti, ma spostata di fase nel tempo rispetto al passaggio di corrente dalla sorgente di alimentazione. A causa di questo, la tensione all'uscita del trasformatore è aumentata di 10 a 20 volte con realtà solo avvolgimento primario.

 

2. Modalità di funzionamento (con un carico collegato)

La resistenza di carico RH1 è collegato nel percorso della corrente i dalla rete elettrica U alla prima sezione 2 dell'avvolgimento e al punto di collegamento delle uscite delle sezioni, la resistenza di carico RH2 è collegata conseguenza alla seconda sezione 3 dell'avvolgimento. La corrente i dalla rete elettrica viene fatta passare attraverso il circuito chiuso formato, in cui la corrente i primaria è aumentata in ogni ciclo proporzionalmente al carico di umidità relativa, che si traduce in un cambiamento della fem nel loop - un aumento della fem.

 

Ad una resistenza di carico basso (pari alla resistenza dell'avvolgimento) la tensione U sarà pari alla caduta di tensione sull'avvolgimento, quando la resistenza di carico tende ad aumentare all'infinito, la tensione secondaria U aumenterà proporzionalmente, a seguito di che la fem all'uscita del trasformatore aumenterà decine di volte quando c'è un avvolgimento primario.

 

Il principio di funzionamento del trasformatore secondo realizzazioni mostrate in Fig.2 per Fig.7 è simile al principio di funzionamento del trasformatore secondo la realizzazione illustrata in Fig.1.  Una distinzione risiede nella presenza di un avvolgimento secondario 4.  Poiché l'avvolgimento primario del MMF in tali forme di realizzazione rimane aperto, una fem a vuoto è sempre ivi indotta, cioè una corrente induttanza non viene creato nell'avvolgimento e tutte le energia MMF è fornito come una fem dell'avvolgimento secondario. In tali condizioni, l'intensità del campo elettrico per unità di lunghezza del conduttore dell'avvolgimento nell'avvolgimento secondario può superare di dieci volte, l'intensità del campo elettrico nel primario, che è impostato dalla alimentazione. Come risultato l'avvolgimento secondario può avere meno giri rispetto all'avvolgimento primario, mentre la tensione è decine di volte superiore alla tensione di rete. In cui la forma della tensione e della corrente nell'avvolgimento secondario ripete la forma della tensione e della corrente nell'avvolgimento primario.

 

 

Fig.8 mostra una dipendenza stilizzata dell'aumento di corrente e tensione negli avvolgimenti primario e secondario di un trasformatore con un circuito magnetico in ferrite. Va notato che il mu permeabilità delle modifiche circuitali magnetici con tempo nel modo seguente con una forma sinusoidale di corrente: aumenta da 0 a pi / 4, poi da pi / 4 a pi / 2 scende, e da pi / 2 a PI 3/4 alla velocità di ripristino della permeabilità aumenta ancora e da pi 3/4 a PI restauro di mu è più lento.  Come risultato di tale cambiamento della permeabilità magnetica, un EMF viene indotta nell'avvolgimento secondario ad una frequenza raddoppiata e c'è un periodo completo della corrente secondaria per un semiperiodo della corrente nell'avvolgimento primario.

 

Fig.9 mostra una dipendenza stilizzata di un aumento di corrente e tensione negli avvolgimenti primario e secondario di un trasformatore con un circuito magnetico in lamiera d'acciaio. Con questo tipo di circuito magnetico vi è un cambiamento della forma della curva di corrente primaria e secondaria da pi / 6 a pi / 4 mentre viene mantenuta la forma della corrente.

 

Il rapporto di trasformazione per ogni tipo di trasformatore è stato determinato sperimentalmente. Esempi concreti del funzionamento di diversi tipi di trasformatori sono riportati di seguito al fine di comprendere meglio l'invenzione. Gli stessi risultati sono stati ottenuti con realizzazioni di trasformatori per le quali non sono forniti esempi..

 

Esempio 1.

M600HH-8 K100-60-15 anelli di ferrite sono state usate come il circuito magnetico. Due sezioni dell'avvolgimento primario, uno sopra l'altro, sono stati avvolti su un nucleo del circuito magnetico assemblato da quattro anelli. Le uscite degli avvolgimenti di entrambe le sezioni sono stati collegati in un circuito in serie, una resistenza di carico RH è collegato in parallelo a ciascuna sezione - un'estremità al punto di collegamento delle sezioni, l'altro - agli ingressi delle sezioni, gli ingressi di gli avvolgimenti di ciascuna sezione sono stati collegati alla rete elettrica. Il numero di avvolgimenti in sezioni era identico e pari a 60. Il rapporto di trasformazione per questo trasformatore è 11. I risultati della misurazione della tensione all'uscita del trasformatore sono presentati nella Tabella 1, Esempio 1. Risultati simili sono stati ottenuti quando il trasformatore è stato realizzato con un circuito magnetico a forma di U ferrite.

 

Esempio 2.

Un circuito magnetico ad anello in lamiera di acciaio e progettata per una potenza di 2,5 kW è stato utilizzato come il circuito magnetico. Due sezioni dell'avvolgimento primario erano avvolte sul nucleo del circuito magnetico, in cui entrambe le sezioni sono state avvolte in una direzione con le uscite collegate in un circuito in serie, gli ingressi delle sezioni collegate all'alimentazione. Un avvolgimento secondario è stato avvolto sul primario (la direzione in cui è avvolto non influenza il funzionamento del trasformatore). Il rapporto di trasformazione è stato determinato sperimentalmente e pari a 5. Il numero di giri di una sezione del primario era 110, il numero di spire dell'avvolgimento secondario era pari a 110, il diametro dei fili nel primario e secondario avvolgimenti era identico e pari a 1,2 mm. Un carico è stato collegato ai conduttori dell'avvolgimento secondario. La tensione è stata misurata in ingresso dell'avvolgimento primario e in uscita dell'avvolgimento secondario, cioè sul carico. I risultati delle misurazioni sono riportati nella Tabella 1, Esempio 2.

 

Esempio 3.

Ferriti a U sono state usate come il circuito magnetico. Il circuito magnetico è stato assemblato da quattro unità. Due sezioni dell'avvolgimento primario sono stati avvolti su due conduttori del circuito magnetico, ogni sezione su un core. Le sezioni sono state avvolte in direzioni opposte, ma con un numero identico di giri. Il numero totale di spire dell'avvolgimento primario era 120. Le uscite degli avvolgimenti delle sezioni sono stati collegati in un circuito in serie, gli ingressi sono stati collegati ad un alimentatore. Un avvolgimento secondario, che comprende entrambi i core, è stata liquidata sul primario. Il numero di spire dell'avvolgimento secondario era 120. Il rapporto di trasformazione è stato determinato e trovato uguale a 10. I risultati sono riportati in Tabella 1, Esempio 3.

 

Esempio 4.

Un circuito magnetico a forma di U in lamiera di acciaio è stato utilizzato come il circuito magnetico. Due sezioni dell'avvolgimento primario sono stati avvolti su entrambi i conduttori del circuito magnetico, ogni sezione su un core. Le sezioni sono state avvolte in una direzione, il numero di spire in ogni sezione era 120. L'uscita dell'avvolgimento della prima sezione e l'ingresso dell'avvolgimento della seconda sezione, e anche l'ingresso dell'avvolgimento della prima sezione e l'uscita dell'avvolgimento della seconda sezione sono stati collegati tra loro, ed i punti di collegamento loro erano collegate alla rete elettrica. L'avvolgimento secondario è stato avvolto sull'avvolgimento primario, il numero di spire dell'avvolgimento secondario era 120. Il rapporto di trasformazione di questo trasformatore è 8.5. I risultati della misurazione sono presentati nella Tabella 1, Esempio 4.

 

 

 

 

Applicabilità Industriale

Campioni di tutti i tipi di trasformatori sono state fatte e hanno lavorato per da tre a cinque anni. Tutti questi esempi sono stati testati e possono servire come materiale di ingegneria elettrica in pratica di laboratorio e nelle imprese industriali.

 

 

 

 

Un trasformatore di Lenz-legge-libera

Questo è un estratto da un documento del gennaio 2014 da un autore anonimo il cui ID è "Jack Noskills". Egli dice: Questo breve articolo descrive un metodo semplice come costruire un trasformatore risonante Lenz-libera-Law. Lenz legge non è violato, ma viene utilizzato per creare il trasformatore più efficiente. Senza legge Lenz questa configurazione non poteva funzionare.

 

Prima alcuni semplici test vengono presentati che costituisce fondamento del dispositivo. Poi sulla base dei risultati di questi test ho costruito il trasformatore che ha confermato i miei risultati dei test. E 'importante capire il metodo che vi darà la comprensione. Quando si capisce che, si può costruire utilizzando diversi componenti che ho usato.

 

 

 

1. L'effetto di condensatori in LC-circuiti risonanti

Il valore del condensatore in un LC-circuito risonante parallelo controlla il livello di attenuazione blocca banda. Un valore basso di C rende la zona di risonanza più piccola e più ripida attenuazione. Un alto valore di C rende la zona più ampia risonanza e il livello di attenuazione inferiore. Quando si indaga gli effetti di risonanza, è consigliabile iniziare con un alto valore di C. Ho usato 440 nF a 2000 nF.

 

In qualsiasi Serie risonante LC circuito la risposta in frequenza presenta una tacca alla frequenza di risonanza. La risposta in frequenza è opposto a quello in un circuito parallelo LC-. 

 

Per ottenere il massimo effetto è quindi meglio avere alto livello di attenuazione ad un parallelo LC-circuito primario (basso C) e un livello di amplificazione alto a LC-circuito secondario (anche basso C).

 

Il "fattore Q" è la reattanza induttiva di una bobina diviso per la sua resistenza CC. Il fattore Q determina l'aumento di risonanza in un circuito risonante e quindi maggiore è il fattore Q è, maggiore è la potenza sarà. In una bobina, la resistenza CC può essere minimizzata utilizzando spessa fili e meno giri. Reattanza induttiva può essere massimizzata con una maggiore frequenza di risonanza che è controllata dai componenti L e C del circuito. Valori L e C più basso produce un aumento della frequenza di risonanza.

 

C'è un sacco di informazioni sul fattore Q sul web. Volevo solo mettere una breve introduzione a Q-Factor qui in modo che si capirà che una risonanza LC-circuito ad alta Q può essere pericoloso.

 

 

 

2. Due tipi di induttanze

Qualsiasi semplice spirale elicoidale avvolta su un nucleo influenza solo un'altra bobina elicoidale che è stato avvolto sotto o sopra di esso. Se due bobine sono affiancati tra loro c'è poca interazione tra loro. Chiamiamo questo campo 'induttanza locale'.

 

Una bobina avvolta su un nucleo ad anello chiuso colpisce ogni bobina sullo stesso nucleo e la bobina ha anche una induttanza molto superiore una bobina in aria-core. Questo significa che il campo locale scompare? No, non è così. Questo effetto può essere usato per fare una semplice unità sopra il dispositivo.

 

 

 

3. Sperimentazione di core a circuito chiuso

Ho usato le parti e di forma da bassa potenza, laminato trasformatori ferro e mettere insieme le parti E. Ho usato una bobina primaria e di elevata induttanza e alimentato AC attraverso di essa. Le piastre E scattarono insieme e siamo stati in questo modo, anche dopo l'accensione è stato scollegato. Ho provato diverse volte, a volte la forza era forte e, talvolta, non ha attaccato insieme a tutti. La forza chiaramente dipendeva la forma d'onda ingresso CA. Quando ho separato le piastre E sono rimasti non più insieme, quindi qualcosa è stato interrotto nel nucleo. Mentre i nuclei sono stati fissati tra loro non avevano alcun effetto magnetici esterni e un altro pezzo di ferro non avrebbe aderire al nucleo. Ciò ha dimostrato perpetua effetto titolare movimento di Ed Leedskalnin..

 

Conclusione: C'è qualcosa muoversi all'interno del nucleo e nucleo ha zero resistenza a tale flusso. Chiamiamo il flusso di "corrente magnetica".

 

Poi mettere tre bobine identiche sul nucleo, uno aveva un carico collegato ad esso e gli altri sono stati lasciati non connessi. Ho applicato CA al primario. C'era stessa tensione in entrambe le bobine di uscita. Il cortocircuito una bobina di uscita causata potenza cominciarono a fluire nel primario e allo stesso tempo tensione sceso a metà in bobina di uscita scollegato. Di seguito, la conclusione apparentemente poco importante ed evidente può essere effettuato:

 

Conclusione: Una bobina secondaria crea anche magnetici attuali e diverse bobine secondarie influenzano l'un l'altro in modo opposto

 

Successivamente, ho collegato vari punti nel nucleo di ferro. I punti che ho usato per il test sono mostrati qui:

 

Figura 1. E-I core con bobine e punti di sonda.

 

Quando il ferro è stato collegato tra i punti 1 e 2, non vi è stato alcun effetto. Quando è collegato tra i punti 2 e 3 ci fu un effetto notevole: un suono e una sorta di vibrazione quando il ferro si avvicinò al nucleo che prese quando entrambe le estremità toccato il cuore. Quando è collegato tra i punti 4 e 5 si è lo stesso effetto ma più forte. In questo caso la potenza del nucleo caduto mentre l'ingresso di alimentazione è rimasto lo stesso. 

 

Conclusione: la corrente magnetica all'interno del nucleo vuole ciclo a se stesso attraverso ogni percorso possibile che può.   

 

Per la prova successiva ho usato un nucleo nanoperm, e sono finita bobine di circa 50 giri sia il primario e il secondario. Il primario è alimentato con corrente alternata dalla uscita di un amplificatore audio e il secondario è stato collegato ad un altoparlante. Poi ho giocato un po 'di musica dal PC attraverso l'amplificatore audio. Ho sentito la musica e le frequenze più alte sono attenuate mentre le frequenze più basse suonavano bene. Quello che io avevo era un filtro audio analogico passa-basso. 

 

Conclusione: Ci può essere tutte le frequenze attive nella bobina di uscita allo stesso tempo. Perciò, non può essere attuali magnetici attivi contemporaneamente a tutte le frequenze nel nucleo.

 

Sulla base di questi semplici test ho poi raggiunto la seguente conclusione generale:

 

In un nucleo ad anello chiuso può esserci una corrente che scorre magnetico che varia con il tempo quando il nucleo è eccitato con corrente elettrica alternata. La corrente magnetica ha somma / sottrazione proprietà e ha anche una proprietà moto perpetuo. Esso può essere modellato come una sinusoide e onde sinusoidali può essere manipolato a nostro vantaggio. 

 

 

 

 

4. Con due bobine in un circuito risonante LC-

 

Qui di seguito sono le immagini di CI nuclei sagomati e EI forma che mostrano come le bobine devono essere avvolte. Tutti bobine sono avvolte nella stessa direzione e collegati dalle estremità. Quando le bobine vengono utilizzati in questo modo il loro anello chiuso correnti magnetiche si annullano a vicenda e solo un campo di induttanza locale rimane. Ecco perché vi è una frequenza di risonanza ma molto superiore altrimenti possibile. Per esempio, ho usato due 160 bobine di svolta e la frequenza di risonanza è stato tra i 12-13 kHz. Una bobina di 20 giri nel mio nanoperm blocchi del nucleo tutto sopra 1,5 kHz. E posso spingere 260 watt dal mio amplificatore audio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 2. C-I ed E-installo risonanza.

 

 

 

Ora si potrebbe pensare che questo è di alcuna utilità. Se vi è una bobina di raccolta potere allora non raccogliere nulla come correnti magnetiche all'interno del nucleo vengono annullati. Ma se queste due bobine sono utilizzate come uscite e sono azionati da una bobina primaria che viene avvolto su entrambi il risultato è che viene generata energia. Entrambe le uscite saranno quindi esattamente nella stessa fase e quando collegato correttamente amplificano reciprocamente mentre il circuito primario non vede una cosa come le correnti magnetiche opposizione di fase si annullano a vicenda - vedere Figura 3.

 

 

 

Figura 3. C-I e E-I con primario in cima.

 

La bobina primaria è infatti un solenoide, non ha spire magnetiche ed ha bassa induttanza. Bobine secondarie formare anelli chiusi e hanno maggiore induttanza. Le bobine più secondari che sono utilizzati, la corrente più magnetica (in fase corretta) saranno circolando all'interno del nucleo. Don Smith ha chiamato questo 'flusso magnetico risonanza'.

 

Spesso filo multi filo (non di tipo Litz!) Dovrebbe funzionare meglio, pochi giri e un condensatore. Ma qualsiasi spessore di filo farà.

 

Attenzione: Iniziare con fili di piccolo diametro, qualcosa sotto 0,5 millimetri. Non ho ancora testato fili grossi ma si verificherà aumento di risonanza. Inoltre, è meglio iniziare con basso-Q circuiti risonanti come non si vuole kilovolt generati vicino a te.

 

Tuning è ora facile. Prima si effettua una LC-circuito parallelo utilizzando avvolgimenti secondari, si veda la Figura 2. Per il nucleo è possibile utilizzare una forma toroidale, pezzi di nucleo CI o EI. I pezzi di forma EI dovrebbero essere il più efficiente. Successivo trovare la frequenza di risonanza del circuito LC che avete appena creato. Ora scollegare le bobine secondarie e fare lo stesso per il vostro bobina primaria. Regolare il numero di giri nella bobina primaria o quantità di capacità fino ad ottenere una stretta frequenza di risonanza abbastanza nell'abbinamento primaria con frequenza di risonanza della bobina secondaria che avete appena trovato.

 

Ora collegare il carico e alimentare la bobina primaria con un onda sinusoidale pura AC. Gli impulsi non funzionano perché un impulso onda quadra contiene tutte le frequenze, che a sua volta crea correnti magnetiche a tutte le frequenze con conseguente caos totale del flusso magnetico all'interno del nucleo. L'ingresso ha sicuramente essere un'onda sinusoidale pura.

 

Ci deve essere amplificatori esecuzione in LC-circuito primario in modo che il condensatore primario è pieno. Se si ottiene la risonanza, ma vede alcun potere quindi provare a utilizzare una frequenza più alta.

 

Se si utilizza EI o tipo CI core, assicurarsi che non vi siano vuoti d'aria tra i pezzi che formano il nucleo. Ci deve essere un circuito magnetico chiuso nel nucleo. Utilizzando un LED come carico ovviamente non funziona perché impedisce aumento risonante LC-circuito di uscita. Sospetto che EI funziona meglio quando dimensioni centrali sono tali che l'area centrale della gamba centrale è doppio rispetto a quello delle gambe esterne. Correnti magnetici creati dalle bobine secondarie devono essere uguali in modo che la loro somma è sempre zero.

 

Permeabilità del nucleo non ha importanza e si può usare ferro o di ferrite. È necessario utilizzare una frequenza che è entro i limiti di ciò che il materiale di base in grado di gestire. Il materiale Nanoperm che ho usato in grado di gestire frequenze fino a 1 MHz.

 

 

5. I miei risultati

La mia fonte di ingresso era un amplificatore audio, mi aspetto che emette potenza a 5 volt, ma io davvero non lo so. Non posso misurare come non ho metri. Ho usato l'editor audio GoldWave per creare un ingresso a onda sinusoidale. Ha una bella analizzatore di espressioni che ti permette di fare cicli di frequenza facilmente. GoldWave è un software scaricabile gratuitamente da www.goldwave.com.

 

Ho usato un nucleo M-088 Nanoperm da Magnetec (μ era 80.000) con 0,3 millimetri di legare.  Per prima cosa ho avuto circa 160 giri in ciascuna secondario e 20 metri avvolti nel primario, circa 120 giri o giù di lì (troppo ma che era la mia ipotesi iniziale). Ho dovuto usare alto numero di giri perché la mia voce è stata limitata al di sotto di 20 kHz. Sono stato fortunato a trovare adeguate L e combinazioni C così ho potuto vedere un assaggio dell'azione di risonanza.

 

Dal momento che non ho metri ho usato lampade alogene. Ho messo un 5 watt lampadina 12 volt nelle lampadine da 12 volt primari e 10 watt e 8 watt in uscita. Ho fatto una spazzata e la frequenza ha attraversato il dolce potenza di uscita posto aumentato. Alla frequenza di risonanza da qualche parte tra 12 - 13 kHz c'era luce affatto nel alogeno primario, ma entrambe le lampadine uscita erano accese a circa la metà della luminosità.

 

Ora che ho capito, ho ridotto il numero di spire nelle bobine secondarie per la metà e ha cambiato la capacità da 440nF a 1000nF. La frequenza di risonanza in uscita cambiato un po ', ma dato che la zona di risonanza era largo non faceva una differenza notevole. Ora ho più luce, la luminosità quasi pieno e alogeni erano troppo caldo al tatto. Ancora nessuna luce visibile nel bulbo lato primario.

 

Così che cosa ho appena fatto? Resistenza CC sceso a metà in bobine di uscita così il loro fattore Q è stato raddoppiato dando doppio aumento risonante LC-circuito di uscita. Raffreddare!

 

Ho osservato la stessa azione nel LC-circuito primario. Ci ho usato 40 metri di filo nel primario e ho ottenuto molto meno potenza. In questo caso il fattore Q è sceso a metà che spiega i risultati piacevolmente.

 

 

6. Cose da provare dopo una replica di successo

Avvolgimenti Bi-filar dovrebbero abbassare il valore totale di L e quindi può essere utilizzata una maggiore frequenza di risonanza. In uscita ci potrebbe essere avvolgimenti bi-filar senza condensatori perché condensatori ad alta tensione sono costosi e pericolosi quando vengono caricati. Quindi inserire un corretto condensatore in LC-circuito primario a sintonizzarsi.

 

 

 

La Schermato Trasformatore di David Klingelhoefer

David Klingelhofer è stato colpito con i disegni trasformatore Thane Heins e così ha iniziato a sperimentare con variazioni e miglioramenti al progetto, mentre Thane passato verso il design del motore. Design di David si chiama "Device Gabriele" e utilizza un M-416 size 'Nanoperm' toroide 150 x 130 x 30 mm Disponibile da Magnetec GmbH http://www.magnetec.us/shop/details.php?id=73&kategorie=5&main_kat=&start=50&nr che si avvolge con 300 piedi (92 metri) di AWG # 16 filo di rame smaltato, che è 1,29 millimetri di diametro. Questo filo è stato utilizzato principalmente perché era in mano al momento. Il toroide ferita forma la bobina secondaria ed è avvolto in modo generalmente noto come CCW per Counter-orario. Per questo, il filo passa sopra il toroide, giù attraverso il foro, la parte esterna e continua sul lato destro del primo turno. Il toroide si presenta così:

 

 

 

La caratteristica molto particolare del progetto è che questa alta permeabilità toroide è ora racchiuso in pezzi a forma di mezza ciambella di acciaio laminato a freddo:

 

 

David colloca questa schermata acciaio tra gli avvolgimenti primario e secondario del trasformatore. In superficie, sembra impossibile per il dispositivo di funzionare, ma funziona, le migliori prestazioni essendo una potenza di 480 watt per un ingresso di 60 watt che è COP = 8.   I valori reali sono un ingresso di 0.5A a 120V e una potenza di 4A a 120V. Ogni trasformatore ha un limite e tale limite viene raggiunto quando il potere magnetico che scorre attraverso il toroide raggiunge l'importo massimo che può gestire toroide.

 

Tuttavia, la costruzione del toroide è completato dalle due metà pezzi-toroide acciaio essere connessi insieme in un modo che non consente il flusso di corrente elettrica tra loro, eventualmente, incollati con resina epossidica. Infine, circa 400 piedi (122 metri) dello stesso AWG # 16 filo è avvolto intorno al guscio di acciaio.

 

La parte critica di questa disposizione è lo spessore della piastra metallica. Nel suo brevetto 433.702, Tesla discute l'uso di tale guscio protettivo con l'intenzione di ritardare la risposta del secondario al campo magnetico dell'avvolgimento primario. Per questo, la schermatura deve saturare esattamente la giusta lunghezza di tempo e Tesla afferma che la sperimentazione è necessaria per determinare lo spessore dello scudo. Ha usato fili di ferro o isolati lamiere sottili o strisce per costruire il suo scudo.

 

A mio parere, il ferro è necessario invece che di acciaio come magnetizza acciaio in modo permanente (a meno che non sia in acciaio inossidabile di buona qualità), mentre il ferro non diventa permanentemente magnetizzato, ma dobbiamo andare con la raccomandazione di quelle persone che hanno costruito e testato questo disegno, e trovano acciaio per lavorare bene in uso, anche se è specificato come acciaio "laminato a freddo". In questo disegno non è la stessa di quella del requisito Tesla in quanto l'obiettivo è quello di catturare il campo magnetico di ritorno va dalla bobina secondaria indietro nella bobina primaria in cui si oppone la potenza di ingresso.

 

 

 

L'alta Potenza Generatore Immobili di Clemente Figuera

Nel 2012 un collaboratore che utilizza l'ID 'Wonju-Bajac' iniziato un forum per studiare il lavoro di Clemente Figuera presso http://www.overunity.com/12794/re-inventing-the-wheel-part1-clemente_figuera-the-infinite-energy-achine/#.UXu9gzcQHqU  e membro 'hanlon1492' ha contribuito enormemente con la produzione di traduzioni in inglese dei brevetti di Figuera.

 

Clemente Figuera delle Isole Canarie è morto nel 1908. Egli era un individuo altamente rispettato, un ingegnere e professore universitario. Egli ottenne diversi brevetti ed era conosciuto a Nikola Tesla. Disegno di Figuera è molto semplice nella struttura.

 

Nel 1902 il Daily Mail ha annunciato che Mr. Figuera, un ingegnere forestale nelle Isole Canarie e per molti anni professore di fisica al College di St. Augustine, Las Palmas, aveva inventato un generatore che ha non richiesto nessun combustibile. Señor Figuera ha costruito un apparato grezzo mediante il quale, nonostante la piccola dimensione ed è difetti, ottiene 550 volt, che egli utilizza in casa sua per scopi di illuminazione e per l'azionamento di un motore di potenza 20.

 

Il dispositivo Figuera presenta come un trasformatore complicato, ma in realtà, non lo è. Invece, è due serie di sette elettromagneti opposti con una bobina di uscita posizionato tra ciascuna coppia contrapposta di elettromagneti. La posizione fisica degli elettromagneti e bobine di uscita è importante in quanto sono posizionati molto vicini l'uno all'altro e non sono indotte campi magnetici tra elettromagneti adiacenti e tra le bobine di uscita a causa della loro prossimità.

 

I due gruppi di elettromagneti sono avvolti con molto bassa resistenza, fili ad alta corrente o, eventualmente, anche con un foglio di spessore. Le informazioni fornite nel brevetto Figuera afferma che gli elettromagneti saranno di cui al brevetto con le lettere "N" e "S" ed ora si pensa che queste due lettere sono volutamente fuorvianti come le persone tendono a pensare a quelle lettere si riferiscono a "polo nord magnetico" e "polo magnetico Sud" mentre, in realtà, gli elettromagneti quasi certamente oppongono, cioè con poli Nord fronte all'altro o eventualmente, con poli sud fronte all'altro. La disposizione si crede di essere in questo modo se visto dall'alto:

 

 

Questa disposizione crea una parete magnetica Bloch (o punto magneticamente nullo) al centro delle bobine di uscita gialli e la posizione di detto punto di equilibrio magnetico è molto facilmente spostato se l'alimentazione delle due serie di elettromagneti viene alterato leggermente e qualsiasi movimento di quel punto equilibrio magnetico genera un'uscita elettrica sostanziale causa l'alterazione delle linee magnetiche di taglio delle spire di filo in bobine uscita giallo. Mentre il disegno mostrato sopra indica un piccolo spazio tra le elettromagneti e bobine di uscita, è affatto certo che tale lacuna è necessaria e mentre avvolgimento delle tre bobine è più conveniente se sono separati, quando ferita ed essendo assemblato, loro nuclei possono anche essere uniti per formare un percorso magnetico continuo.

 

Un'altra cosa che ha confuso le persone (me compreso), è il disegno di brevetto, che si presenta come un commutatore elettrico, ma che non fa parte del progetto generatore Figuera. Ecco come si presenta:

 

 

 

 

Le linee tratteggiate indicano i collegamenti elettrici interni, così per esempio, il contatto 14 è collegato al contatto con 3, ma mi permetta di sottolineare ancora una volta che questa unità non fa parte del progetto e mentre è usato per "spiegare" l'effettivo funzionamento, non vorrei stupitevi se non fosse destinata a sviare le persone al funzionamento effettivo.

 

Questo punto è stato sottolineato ed è stato suggerito che il dispositivo effettivo di lavoro è di natura magnetica e potrebbe essere costruito come questo:

 

 

 

 

Questo appare come un dispositivo molto semplice, ma è un elemento di grande importanza nella progettazione Figuera. In primo luogo, il nucleo è di ferro solido (a volte chiamato "ferro dolce", ma se si fosse battuto con una barra di esso di certo non sarebbe chiamarla "soft"). La caratteristica più importante di tale nucleo è sue proprietà magnetiche quanto è in grado di immagazzinare energia. Si ricorda che questo dispositivo di commutazione è principalmente di natura magnetica. Ecco come si presenta:

 

 

Questo nucleo viene poi avvolto con spessore del filo - forse AWG # 10 o 12 SWG (2,3 x 2,3 millimetri filo quadrato). Le spire di filo devono essere stretti, fianco a fianco e sedersi esattamente piatto sulla superficie superiore come il filo ci saranno contattati dal pennello di scorrimento:

 

 

 

 

Il contatto in ottone scorrevole o "pennello" è dimensionato in modo che si collega attraverso due fili adiacenti in modo che non vi è mai alcuna scintille come le diapositive di contatto spazzola intorno al cerchio di fili. La spazzola è azionata da un piccolo motore CC.   Affinché il pennello scorrevole per contattare il filo, l'isolamento in plastica deve essere rimosso dalla metà superiore del filo con il restante isolante mantenendo le spire di corto circuito insieme. Il filo è avvolto metà strada intorno al nucleo di ferro e un breve tratto di filo è rimasto a fare un collegamento elettrico. Un ulteriore avvolgimento è poi fatto per coprire la restante metà del nucleo e di nuovo, una lunghezza per connessione viene lasciata prima del taglio del filo. Questo vi dà due avvolgimenti ogni copertura di 180 gradi intorno al nucleo. Le spire di filo sono legati saldamente con nastro o cavo avvolto intorno al lato del nucleo come che tiene i fili saldamente in posizione. Le due estremità di filo su ciascun lato sono collegati tra loro, dando a 360 gradi di avvolgimento con buone connessioni elettriche 180 gradi.

 

Ci sono molti modi per organizzare il piccolo motore CC in modo che guida il cursore pennello. Il motore può essere montato su un passaggio striscia sopra il nucleo, o battiscopa, o su un lato utilizzando un collegamento a cinghia o ruota dentata conduttrice. Non importa quale direzione la spazzola si muove attorno al nucleo. La velocità di rotazione non è critico, pur in fa determinare la frequenza alternata dell'uscita. Nella maggior parte dei casi, l'uscita alimentare un elemento di riscaldamento o sarà convertita in CC per dare la frequenza di rete locale e tensione.

 

Quando abbiamo guardiamo un dispositivo come questo, si pensa subito del flusso di passare corrente elettrica attraverso il filo avvolto intorno al nucleo di ferro. Sembra come se la corrente è limitata dalla lunghezza totale del cavo tra la posizione pennello e due uscite, ma la realtà è che mentre questo è corretto in una certa misura, il controllo principale del flusso di corrente è il campo magnetico all'interno il nucleo di ferro circolare, e che le cause campo riluttanza (resistenza al flusso di corrente) proporzionale al numero della bobina gira tra la spazzola e ciascuna uscita. Ciò altera il flusso di corrente al set di elettromagneti "N" rispetto al flusso di corrente al set di elettromagneti "S".

 

Poiché l'intensità magnetico generato dal set di elettromagneti aumenti "N", l'intensità magnetico generato dal set di elettromagneti "S" diminuisce. Ma, come la potenza magnetica dell'insieme di elettromagneti "N" supera il campo magnetico della serie di elettromagneti "S", che il campo magnetico viene spinto indietro nel nucleo di ferro dolce del dispositivo commutatore, immagazzinare essenzialmente energia in quel nucleo. Quando il sistema deve sostituire l'energia persa in riscaldamento, si può utilizzare l'energia magnetica immagazzinata nel nucleo commutatore, aumentando l'efficienza complessiva. In questo disegno, la corrente che fluisce attraverso gli elettromagneti è sempre nella stessa direzione e non scende a zero, solo oscillando nella sua intensità.

 

La disposizione completa è come questo:

 

 

 

Mentre il disegno sopra mostra una batteria da 12 volt, non c'è grande motivo per cui non dovrebbe essere di 24 volt o superiore, specialmente se il filo utilizzato per avvolgere gli elettromagneti è diametro minore. La quantità di potenza necessaria per creare un campo magnetico non è correlato alla forza del campo magnetico e un maggior numero di spire di filo sottile con una piccola corrente che fluisce attraverso il filo può creare un campo magnetico più forte di poche spire di filo spesso con grande corrente che fluisce attraverso tali curve.

 

 

Il Alexkor Zero Iversa-FEM Bobine

Alex in Russia, che ha condiviso molti dei suoi sistemi di impulso di ricarica immobili per le batterie, ora condivide il suo progetto che non sembra avere alcun effetto di back-EMF sulla bobina primaria. Se questo è il caso, allora qualsiasi aumento della produzione di corrente non ha un corrispondente aumento della corrente che fluisce attraverso la bobina primaria. Questo è completamente diverso al modo in cui un trasformatore tradizionale opera.

 

La disposizione è un po 'come la disposizione Trasmettitore / Ricevitore di Don Smith e mentre sembra essere un semplice accordo, è non è. Alex estrae la sua configurazione della bobina come questo:

 

                  

 

 

Qui, la forma scelta di costruzione è una cornice di dodici lunghezze di 20 mm di diametro tubi di plastica - quattro nella parte superiore, quattro in basso e quattro verticali. Ogni tubo è riempito di polvere di ferrite e vi è una bobina di uscita avvolto su ciascuno dei quattro tubi verticali. Sospeso al centro è la bobina primaria che è di 15 mm di diametro. Tutti e cinque bobine sono avvolte con 0,5 millimetri di diametro filo di rame smaltato (SWG 25 o AWG # 24). Mentre il disegno di Alex mostra un singolo filamento di filo, l'effettiva disposizione per le quattro bobine di uscita è che sono avvolte in un unico strato bobina bi-filare:

 

 

 

 

 

Per questo, le bobine sono avvolte in uscita con due fili di lato tela a fianco, in un unico strato lungo la lunghezza del tubo di plastica. Poi, l'inizio di un filo è collegato alla estremità dell'altro filo. Poiché le bobine sono pieni di ferrite, possono operare ad alta frequenza, quando la bobina primario 15 mm, è alimentato sia con impulsi CC o un'onda sinusoidale. Ogni bobina di uscita può fornire un'uscita separata o le bobine di uscita possono essere collegati in serie per dare una tensione superiore o connesso in parallelo per fornire una corrente di uscita superiore.

 

Alex Mostra anche come toroidi di ferrite è utilizzabile, anche con la rete elettrica 220V, dare operazione inversa-FEM senza trasformatore. Se la frequenza di ingresso è più bassa della rete, quindi i toroidi possono essere tipi di polvere di ferro o può essere costruiti da spessori di ferro nello stesso modo che i trasformatori di alimentazione ordinaria sono costruiti. Tuttavia, si prega di capire chiaramente che la corrente che scorre attraverso qualsiasi bobina collegata attraverso una sorgente di alta tensione come 110V o 220V e utilizzando una qualsiasi delle seguenti configurazioni, è limitata dall'impedenza della bobina stessa. 'Impedenza' è effettivamente 'Resistenza CA' alla frequenza di alimentazione di tensione CA. Se l'impedenza della bobina è basso, allora la corrente che scorre attraverso la bobina sarà elevata e poiché la potenza dissipata tramite il flusso corrente è tensione x corrente, la dissipazione di potenza con corrente maggiore va molto rapidamente quando il livello di tensione è alto come 220 volt. La dissipazione di potenza è sotto forma di calore, che significa che con dissipazione di potenza eccessiva, il filo in bobina è soggetto a sciogliersi o 'bruciare' in un flash impressionante della fiamma, fumo e annerito filo. Di conseguenza, le esigenze di avvolgimento bobina per avere molti giri e il filo diametro deve essere sufficiente a portare il flusso di corrente – la tabella filo pagina 1 dell'appendice sono la corrente che può essere trasportata da ogni dimensione del filo quando avvolto in una bobina. Se non non c'è alcun effetto di FEM di ritorno con le seguenti configurazioni, quindi la corrente in avvolgimento primario collegato attraverso la rete elettrica non saranno interessati da altre bobine, quindi ricordatevi che quando si prepara la bobina primaria.

 

La prima disposizione utilizza tre toroidi per dare quattro uscite separate. La quantità di corrente che può essere disegnata da qualsiasi secondaria dipende dalla quantità di flusso magnetico che può essere trasportato dal nucleo magnetico o nuclei fra la bobina primaria e quel particolare bobina secondaria. Ovviamente, l'assorbimento di corrente di uscita sarà anche limitata dalla capienza ditrasporto del filo usato nella bobina secondaria. Se viene superato quel livello di corrente per un certo periodo di tempo, poi l'isolante del filo riuscirà giri saranno cortocircuito insieme, scenderà l'impedenza della bobina, l'attuale aumento ulteriormente e la bobina si brucerebbe – quindi, senso comune viene chiamato per.

 

 

 

 

Qui, la bobina primaria "1" è avvolto su un toroide che è orizzontale nella foto sopra e la secondarie bobine sono avvolte su toroidi riportati come verticale nel disegno "2".  Il punto importante qui è che i toroidi con avvolgimenti secondari, toccare il bobina primaria toroide ad angolo retto, cioè a 90 gradi. Per comodità di avvolgimento bobine, qualsiasi toroide può essere assemblato da due toroidi mezzo che permette la bobina a essere ferita separatamente e quando completato, scivolò sopra uno dei toroidi metà a forma di C, prima che le due metà sono messi insieme per formare il toroide completo.

 

La seconda disposizione utilizza anche tre toroidi:

 

 

 

 

E la terza disposizione utilizza quattro toroidi, ma in una disposizione più potente dove la capacità di carico del flusso magnetico del trasformatore è raddoppiata come Croce area sezionale dei toroidi all'interno di ogni bobina è raddoppiato. Questa è una disposizione più difficile al costrutto e se le bobine sono a essere avvolto su un avvolgitore bobina separata, quindi i toroidi ogni necessità di essere fatto da metà toroide plus quarto due toroidi affinché le bobine possono essere scivolate a due sezioni trimestre-toroide separati che sono curvando in direzioni opposte, a meno che naturalmente, al suo interno diametro delle bobine è un buon affare più grande di toroide sezione trasversale (che riduce il numero di giri per qualsiasi data la lunghezza del filo della bobina):

 

 

 

 

 

 

Se questi accordi trasformatore semplice operano come dispositivi di inversa-FEM-libero come ha sostenuto, allora la corrente assorbita da uno, o tutti, gli avvolgimenti secondari non ha alcun effetto sulla corrente che scorre attraverso la bobina primaria. Questo è abbastanza diverso presente giorno commerciale trasformatori che vengono avvolti simmetricamente, che a sua volta causa l'assorbimento di corrente nella bobina secondaria per forzare una corrente maggiore nell'avvolgimento primario.

 

Alex (http://www.radiant4you.net/) Mostra anche un'altra disposizione che utilizza sette toroidi. Egli afferma che questa disposizione è anche gratis i disegni di back-EMF sprecare energia utilizzata attualmente in elementi più commerciali di apparecchiature.  Egli specifica che la frequenza di funzionamento prevista è di 50 Hz che è la frequenza della rete elettrica come la differenza tra 50 Hz e i 60 Hz utilizzato in America non è significativa in alcun modo. Questa frequenza suggerisce che i toroidi prontamente potrebbero essere fatto di ferro come nei trasformatori commerciali. Il prototipo fu avvolte con filo di diametro di 0,5 mm e volto a un livello di potenza di 100 watt. I condensatori sono ad alta potenza olio riempita con capacità fino a 40 microfarad e valutato a 450V quando si utilizza la rete elettrica 220V input. L'accordatura è molto simile a quella del RotoVerter illustrato nel capitolo 2.  Il layout fisico è:

 

 

 

 

Toroide centrale è avvolto tutto intorno la sua circonferenza, come indicato dal colore blu. Questo avvolgimento è alimentato direttamente con la sorgente di ingresso corrente che normalmente dalla rete o da un trasformatore di alimentazione, probabilmente a bassa tensione.

 

Ci sono dodici uscita bobine, sei qui mostrata in verde e sei in rosso. Per il miglior funzionamento, ciascuna di queste bobine di uscita necessario essere 'sintonizzato' a bobina centrale e che deve essere fatto modificando la dimensione del condensatore di esperimento per ottenere le migliori prestazioni di ogni bobina. Quando correttamente messa a punto, aumentando la corrente di disegna da una qualsiasi delle bobine uscita non aumenta la potenza che fluisce nella bobina ingresso centrale. Questo contraddice ciò che normalmente viene insegnato nelle scuole e nelle università come conoscono solo simmetricamente ferita trasformatori e motori dove uscita aumentata attuale infatti si oppongono la potenza in ingresso, causando maggiore corrente di ingresso e spreco di calore. Il circuito è:

 

 

La bobina blu ha la potenza in ingresso al "A" e il condensatore in serie con ogni bobina è lì per ottenere tutti gli avvolgimenti a risuonare alla stessa frequenza. Gli elementi "B" e "C" rappresentano il carico utile, essendo alimentato da ogni bobina, anche se, ovviamente, soltanto due delle bobine dodici uscita sono indicati nel diagramma circuito precedente, e ci sono un ulteriore verde cinque e cinque bobine rossi che non sono mostrate nel diagramma di circuito.

 

 

 

 

 

 

Probabilmente vale la pena di ricordare che l'aggiunta di un magnete a un toroide o trasformatore di ciclo chiuso nucleo può amplificare l'uscita purché il magnete permanente non è abbastanza forte per saturare il nucleo completamente e impedire l'oscillazione del flusso magnetico. Questo è stato dimostrato da Tseung Lawrence, Graham Gunderson e altri e quindi potrebbe essere vale la pena sperimentare ulteriormente con queste configurazioni lungo le linee mostrate nel video di

https://www.youtube.com/watch?v=sTb5q9o8F8c&list=UUaKHAdY13gp-un2hn_HJehg&index=1&feature=plcp.

 

 

La Versione Più Semplice:

Alexkor ha prodotto un disegno Lenz-senza legge semplificato, utilizzando toroidi commerciali già avvolti come trasformatori di rete step-down. Un fornitore è http://www.electro-mpo.ru/card8524.html#.VXsfKlIon7s con trasformatori di questo tipo in offerta:

 

 

 

La tecnica consiste nel rimuovere la piastra che copre l'apertura centrale e collegando gli avvolgimenti 220V e 110V in serie. Due di questi trasformatori sono usati, ognuno dei quali collegati con i loro avvolgimenti 220V e 110V collegate in serie e poi i toroidi o affiancate o in alternativa impilati uno sopra l'altro con un foglio di spessore da 1 millimetro di plastica tra loro.

 

Nella configurazione in cui i toroidi "A" e "B" sono affiancate, una estrazione di potenza avvolgimento "D" è avvolto tra loro:

 

 

 

Nel caso in cui i toroidi "A" e "B" sono disposti in una pila con foglio di plastica 1 mm tra di loro, l'estrazione di potenza avvolgimento "D" è avvolto attorno ai due toroidi, entrambi racchiude:

 

 

 

Mentre l'avvolgimento "D" viene mostrata come una stretta striscia nel diagramma, che è solo di rendere il disegno più facile comprendere come, in realtà, l'avvolgimento "D" è continuato tutto intorno tutta la circonferenza delle toroidi e può essere molti strati profondi per soddisfare la tensione di uscita desiderata.

 

Toroid "A" ha un condensatore tuning "C1" che viene regolato in valore per ottenere la risonanza in tale circuito che minimizza la corrente che scorre nel toroide "A" dalla rete.

 

Toroid "B" ha un condensatore di "C2" che viene regolata per dare la massima tensione di uscita (tipicamente 600 volt) provenienti dal toroide "B". Lo scopo di toroide "B" è di deviare il flusso magnetico inverso in Toroid "A" e quindi, produrre un sistema di lavoro efficiente. Il carico "L" in teoria, un carico fittizio, ma in realtà non vi è alcuna ragione per cui non dovrebbe essere considerato come un carico di lavoro effettivo se tale uscita è comodo da usare.

 

L'avvolgimento di uscita "D" è libera dell'effetto legge Lenz e la corrente in ingresso dalla rete non risente in alcun modo quando l'assorbimento di corrente da coil "D" viene incrementato, o cortocircuitato. Alexkor sottolinea il fatto che, come vengono forniti i toroidi già ferita, questo è in realtà un disegno molto facile da replicare.

 

 

 

             

 

I Generatori Autoalimentate di Barbosa e Leal

Nel luglio del 2013, due uomini brasiliani, Nilson Barbosa e Cleriston Leal, hanno pubblicato una serie di brevetti che sembrano essere molto significativi. Il loro brevetto WO 2013/104042 pubblicato il 18 luglio 2013, è intitolato "dispositivo elettromagnetico per catturare elettroni dalla Terra per produrre energia elettrica" ​​e ha alcune caratteristiche molto interessanti. Esso descrive un semplice dispositivo che essi descrivono come una "trappola di elettroni". I loro brevetti sono scritti in portoghese e una traduzione tentato di tre di loro è incluso alla fine della appendice.

 

 Una caratteristica insolita di questo disegno è il fatto che ha un sistema conduttivo continuo, in cui si sostiene, flussi di corrente continua, anche senza la necessità di una tensione applicata. Invece, sono i campi magnetici di elettromagneti che continuano a fluire la corrente. Essi affermano che un importo irrilevante di energia in ingresso produce una notevole quantità d’energia, e che considerano un COP di 100 per essere circa il rendimento minimo che può essere previsto dal progetto. Questo è un ingresso di 1 watt per una potenza da 100 watt. Una versione della trappola di elettroni si presenta così:

 

 

Gli inventori descrivono il loro dispositivo come questo: "questo generatore a campo elettromagnetico, alimentato da una fonte di alimentazione, genera un campo elettromagnetico che induce una corrente elettrica in un circuito chiuso conduttivo, creando una interazione tra i poli magnetici della macchina e dei i poli magnetici della terra - sia attraverso attrazione e repulsione elettromagnetica. Una scorta infinita di elettroni viene prelevata dalla terra nel circuito chiuso conduttivo, che è collegato a terra tramite una rete interconnessa conduttiva. Gli elettroni attratti aderiscono alla corrente che già fluisce nel circuito chiuso conduttivo, rendendo potenza disponibile per la guida ad alta carichi di alta potenza, anche se il dispositivo stesso è fornito con solo una piccola quantità di energia. "

 

Una caratteristica molto interessante è che la bobina ad anello continuo formato da filo 4 nello schema precedente, è letteralmente, solo due spire di filo. Il meccanismo di guadagno d’energia, sorprendentemente, è il filo a terra (in blu) che è semplicemente avvolto attorno al filo 4 e non collegato direttamente ad esso come il collegamento di trasferimento di elettroni è per induzione. Con questa disposizione, la corrente circolante nel circuito chiuso 4, attrae più elettroni dal terreno, che scorre attraverso il collegamento del filo 5, avvolto attorno al filo 4, aumentando là il flusso di corrente di una quantità maggiore. Il filo 3 può avere una tensione alternata applicata ad esso in modo da ottenere la corrente alternata a filo 4, ma vi prego di capire che la corrente che scorre nel filo 4 non è il risultato della corrente nel filo 3. Se la corrente nel filo 3 è CC, allora la corrente nel filo 4 sarà CC come questo non è un trasformatore convenzionale, ma, invece, è una trappola di elettroni, operando in un modo completamente diverso.

 

 La trappola di elettroni può essere collegata in un circuito  alternata di questo tipo:

 

 

 

 

Qui, il filo a terra 5 è avvolto attorno al filo ciclo continuo 4, alimentandola di elettroni aggiuntivi catturate da terra. Le estremità del filo 4 sono collegati insieme per formare il sistema, e che sia altre-sì il lato positivo dell'uscita (dove un'uscita CC trasmessa). Il campo magnetico prodotto dalla corrente che scorre nel filo 3, agisce sul flusso di elettroni proveniente dalla terra, ma non fornisce alcuna della potenza elettrica che scorre nel circuito del  filo 4, la corrente che scorre in filo di 3 può essere molto piccolo, senza influenzare l'uscita di potenza.

 

Nel loro brevetto WO 2013/104043, anche del 18 luglio 2013, che mostrano diversi modi di collegare la loro trappola di elettroni in un circuito utile. Ad esempio, così:

 

 

 

 

Qui, la batteria 13, viene utilizzato per alimentare un inverter ordinario 12, che produce una elevata tensione alternata, in questo caso, a bassissima potenza. Tale tensione viene applicata al cavo 3.1 e 3.2 della trappola di elettroni, creando un campo magnetico oscillante, che crea un afflusso oscillante di elettroni nel filo del circuito chiuso (4), che crea un output elettrico amplificato alla stessa frequenza - tipicamente 50 Hz o 60 Hz come quelle sono le frequenze di rete comune. Questa potenza amplificata dalla trappola di elettroni 14, è passata avanti filo 18 ad un diodo comune ponte 10, e la pulsazione CC dal ponte viene lisciata e utilizzato per sostituire la batteria ingresso all'inverter 12. La batteria è commutato fuori dal circuito e, oltre a rendere l’intero circuito auto-alimentato, l'alimentazione proveniente dalla trappola di elettroni viene utilizzata per ricaricare la batteria se ha bisogno di ricarica (e / o, forse, per caricare le batterie di un'auto elettrica). Poiché la trappola di elettroni necessita di quasi nessuna tensione di alimentazione, la potenza in ingresso all'inverter è molto piccola, e quindi una buona dose di ulteriore alimentazione CA può essere prelevata tramite cavo 17, e utilizzato per pilotare carichi elettrici potenti, senza necessità di energia elettrica dalla batteria. Essendo auto-alimentata, il valore COP per il circuito è infinito.

 

 Così come ci sono diversi modi di usare una trappola di elettroni in un circuito, ci sono diversi modi di costruzione e di collegamento di una trappola di elettroni. Mentre è possibile disporre i componenti in modo che la potenza di uscita è di 2-fase o 3 fasi, qui ci limiteremo a trattare l'ordinario, domestico, alimentazione monofase.

 

 La prima variante è quella di utilizzare più di un telaio. Due telai possono essere collegati in questo modo:

 

 

 

 

Questo è il disegno effettivo dal brevetto e presenta un piccolo problema nel senso che non è fisicamente possibile attuare il filo numero 4 nel modo illustrato. Ogni telaio avrà due giri completi avvolte su di esso, anche se il disegno non mostra questo. A causa della inesattezza del disegno, io non sono in grado di dire se gli avvolgimenti della bobina nel telaio 2, sono nella stessa direzione, come quelli sul telaio 1. Ci sono quattro possibili modi di avvolgere queste bobine a 2 giri quando sono interconnessi, quindi forse la sperimentazione può essere usato per determinare quale metodo funziona meglio.

 

Con questa disposizione a due telai, c'è solo quel filo a terra 5, come prima, di nuovo, è avvolto attorno filo 4 invece di essere collegato ad essa. Il circuito di filo continuo 4 ha due estremità come in precedenza, ma ora ci sono due estremità 3.1 filo e due spezzoni di filo 3.2. I programmi di traduzione portoghesi producono risultati molto discutibili per questa zona del brevetto, ma mi sembra di capire che gli inventori intendono i due 3.1 estremità per essere collegati tra loro e le due 3.2 estremità per essere collegati tra loro, e quindi le estremità unite sono trattati esattamente come prima, di fatto mettendo le due s avvolgimento in parallelo.

 

Uno svantaggio di questo progetto è che non è portabile a causa del collegamento di terra. Barbosa e Leal si occupano di questo problema nel loro brevetto WO 2013/104041 della stessa data in cui essi mostrano un metodo di costruzione di una trappola di elettroni che raccoglie gli elettroni in eccesso presente nell'aria. Se ritenete che non ci sono elettroni in eccesso nell'aria, quindi prendere in considerazione il fatto che tutti i disegni aeree in tutto il capitolo sette estraggono e utilizzano questi elettroni. Inoltre, prendere in considerazione la quantità di energia elettrica in un fulmine, in cui gran parte dell'energia elettrica proviene dall'aria, e ricordate nel mondo, ci sono tra 100 e 200 un fulmine colpisce ogni secondo.

 

La trappola di elettroni ’eletroni-liberi-dall’aria’ è un po 'più complicato di quanto la trappola di elettroni filo-a-terra, con quattro coppie di bobine (3 e 4) di essere montati all'interno di due emisferi in alluminio (1):

 

 

 

I metodi per utilizzare la trappola-aria elettroni sono uguali a quelli per la trappola di elettroni terra-wire. Un tentativo di traduzione di tutti e tre i brevetti è qui:

 

SISTEMA DI GENERAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA CON FEEDBACK

 

Inventori: Nilson Barbosa e Cleriston de Morales Leal

 

Estratto

La presente invenzione riguarda impianti di generazione di energia elettrica comprendente un circuito di base formata da un raddrizzatore (10), per esempio, un convertitore CA / CC collegato in serie ad un invertitore (12), per esempio, un convertitore CC / CA, e banco di batterie (13) collegato in serie tra il raddrizzatore (10) e l'invertitore (12).  Un elemento di cattura di elettroni (14), che può essere sia uno spazio libero per cattura di elettroni elemento o, in alternativa, una terra elettrone-cattura elemento, è collegato in serie al circuito di base formata dal raddrizzatore (10), l'inverter ( 12) e il complesso di batteria (13). La banca di batterie (13) alimenta il circuito base perché è collegato al sistema.  Conseguentemente, l'inverter (12) converte la corrente continua in corrente alternata e fornisce questa corrente all'elemento elettrone-cattura (14).  Dopo aver ricevuto la corrente elettrica dall'inverter (12), l'elemento di cattura di elettroni (14) inizia la cattura di elettroni dalla corrente alternata ed alimentare il raddrizzatore (10), che converte la corrente alternata in una corrente continua per ricaricare la banca delle batterie (13) ed alimentare l'inverter (12) che alimenta l'elettrone-cattura elemento, chiudendo il circuito di retroazione, ed inoltre a fornire energia elettrica per il consumo da carichi esterni.

 

WIPO Patent Application WO/2013/104043 Data di registrazione: 01/11/2013

Domanda numero: BR2013/000016 Data di pubblicazione: 2013/07/18

 

Assegnatario: EVOLUÇÕES ENERGIA LTDA (Rua Santa Tereza 1427-B Centro - Imperatriz-MA, CEP -470 - Maranhão, 65900, BR)

 

GENERATORE DI ELETTRICITÀ AUTOALIMENTATO.

 

Campo tecnico

La presente invenzione riguarda un dispositivo per la generazione di energia elettrica, in particolare apparecchiature autoalimentate per generare elettricità.

 

Descrizione della tecnica correlata

Ci sono molti metodi per la generazione di energia elettrica con l'elettromagnetismo, ma tutti questi sono dispositivi elettromeccanici che utilizzano magneti e hanno limitate capacità di generazione e di un impatto ecologico che li rende inadatti per progetti su larga scala.

 

Obiettivi del Invention

Lo scopo di questa invenzione è la generazione sostenibile di elettricità, utilizzando un generatore che è in grado di produrre grandi quantità di energia elettrica da una corrente di ingresso estremamente basso, che inizialmente è fornita da una batteria di accumulatori, ma successivamente viene fornito dall'uscita dal generatore che è anche in grado di alimentare carichi esterni.

 

L'obiettivo di cui sopra, ed altri obiettivi sono raggiunti dalla presente invenzione mediante l'uso di un tipico circuito Gruppo di continuità comprendente un raddrizzatore AC / CC che alimenta un gruppo di batterie che alimenta un CC / AC inverter, che è collegato ad un dispositivo per elettroni trappola dallo spazio (come descritto nella domanda di brevetto brasiliana No. BR1020120008378 del 13 gennaio 2012) o in alternativa, un dispositivo che estrae elettroni dalla Terra (come descritto nella domanda di brevetto brasiliana No. BR1020120008386 del 13 gennaio 2012), che poi passa il estratta elettroni al raddrizzatore AC / CC, carica la batteria banca, chiudendo così il circuito, oltre a fornire energia elettrica ai carichi esterni di alimentazione.

 

Il sistema autoalimentato di produzione elettrica della presente invenzione può essere fisso o mobile. Si fissa utilizzando cattura di elettroni dalla terra a causa del collegamento di terra, o mobile utilizzando cattura di elettroni dallo spazio.

 

Il sistema di generazione di energia elettrica autoalimentato della presente invenzione può essere configurato in molti modi diversi, ciascuno utilizzando lo stesso concetto inventivo ma utilizzando diversi arrangiamenti di componenti. Diverse versioni sono monofase, bifase o versioni trifase, uscite di produzione di qualsiasi potenza e tensione.

 

 

Breve descrizione dei disegni

La presente invenzione verrà ora descritta con l'aiuto di disegni, ma questo brevetto non è limitato alle versioni ei dettagli mostrati in questi disegni, sebbene essi mostrano ulteriori dettagli e vantaggi della presente invenzione.

 

 

 

I disegni:

 

Fig.1 - mostra un sistema di circuito di base per autoalimentato generazione elettrica della presente invenzione

 

 

Fig.2 - mostra una prima forma di realizzazione del sistema costruttivo per autoalimentato generazione elettrica della presente invenzione;

 

 

Fig.3 - mostra una seconda forma di realizzazione del sistema di auto-alimentata per la generazione di energia elettrica della presente invenzione;

 

 

 

 

Fig.4 - mostra una terza forma di realizzazione del sistema di auto-alimentata per la generazione di energia elettrica della presente invenzione;

 

 

Fig.5 - mostra una quarta forma di realizzazione del sistema di auto-alimentata per la generazione di energia elettrica della presente invenzione;

 

Fig.6 - mostra una quinta forma di realizzazione del sistema di auto-alimentata per la generazione di energia elettrica della presente invenzione;

 

 

 

 

Descrizione dettagliata dell'invenzione:

Esistono diversi modi per la chiusura del ciclo di auto-alimentazione a seconda della configurazione del circuito scelto. Alcuni di questi accordi sono mostrati nelle figure 2-6, in cui il circuito principale continua ad oscillare, generando continuamente energia elettrica istante.

 

 

Come mostrato in Fig.1, il sistema autoalimentato per la generazione di energia elettrica comprende un circuito di base costituito da un raddrizzatore (convertitore CA / CC) 10 che è collegato in serie ad un inverter (CC / CA) 12. Una banca di batterie 13 è collegato tra il raddrizzatore 10 e l'inverter 12. L'uscita dal convertitore CC / CA 12, si collega a un elettrone-trappola 14 che può estrarre elettroni dallo spazio (come descritto nella domanda di brevetto brasiliana No. BR1020120008378 del 13 gennaio 2012) o in alternativa, estratti elettroni dalla Terra (come descritto nella domanda di brevetto No. brasiliano BR1020120008386 del 13 gennaio 2012).

 

Una volta collegato, la banca della batteria 13 fornisce l'alimentazione al convertitore CC / CA 12 che converte la corrente continua in corrente alternata e fornisce corrente al elettrone-trappola 14.  L'uscita della trappola elettrone 14 viene fatta passare attraverso il filo 18, alla CA / CC ponte raddrizzatore 10, che mantiene la banca batteria carica oltre che alimentare il CC / CA invertitore 12.  Potenza supplementare viene passato alle apparecchiature esterne attraverso il filo 17.

 

Fig.2, mostra un'altra forma di realizzazione del sistema di questa autoalimentato apparecchiature di generazione di energia elettrica.  Si compone di un tipico gruppo di continuità del circuito di alimentazione di un carica batteria (CA / CC) 21 collegato ad un dispositivo di azionamento (un inverter CC / CA) 23 e tra questi, un che formano il circuito di base della batteria banca 22.  Dispositivi aggiuntivi sono un elettrone-trappola 27 che può raccogliere elettroni liberi dallo spazio (come definito nella domanda di brevetto brasiliana No. BR1020120008378 del 13 gennaio 2012) o, in alternativa, raccoglie elettroni dalla Terra (come descritto nella domanda di brevetto brasiliana No. BR1020120008386 di 13 Gennaio 2012). L'interruttore elettronico a 3-fasi 24 normalmente connette 24,1-24,3 collegando la trappola di elettroni 27 a inverter 23.  Collegati in parallelo è il circuito di protezione 25, che, se attivata, tramite filtro 26, cause passare da 24 a scollegare il collegamento 24,3 - 24,1 e, invece, collegano 24,3 - 24,2.

 

Una disposizione alternativa per l'uso in situazioni di emergenza, è di usare il sistema non è più alimentato. Per questo, il sistema è composto da un ingresso di alimentazione da una fonte di alimentazione esterna, direttamente al punto di interconnessione 29 per alimentare soppressore 25, che fornisce energia per alimentare il punto di uscita di potenza 28 per carichi esterni di alimentazione. Quando l'elettrone-trappola 27 è spento, l'interruttore di trasferimento elettronico 24 ritorna alla sua posizione di default che collega il punto 24.1 al punto 24.3 causando il circuito di funzionare, ancora una volta, nella sua modalità di auto-alimentazione.  Non appena il sensore elettrone 27 fornisce potenza sufficiente al sensore sovratensione 25, si aziona l'interruttore di trasferimento 24 attraverso il filtro 26, che termina la fase di auto-alimentazione e fornire energia direttamente al punto di uscita di potenza 28, al fine di alimentare esterno carichi.

 

 

Fig.3 mostra un'altra forma di realizzazione del sistema di auto-alimentata per la generazione di energia elettrica, comprendente un dispositivo che comprende il circuito di base di un tipico gruppo di continuità, consistente in un caricabatterie (CA / CC convertitore) 31 collegato ad un dispositivo motore (inverter CC / CA ) 35 e ad essi, un banco di batterie 32. Questo circuito base insieme ad altri dispositivi è collegato ad un elettrone-trappola 37 per la raccolta di elettroni liberi da spazio circostante o, in alternativa, una trappola elettrone collegata a terra 37. Abbiamo poi, un banco di batterie 32 collegato al CC / CC convertitore 33, che è collegato al commutatore di trasferimento di fase 34 / 34.1 che è collegato a punto 34.3, che collega all'inverter 35, e così, l'elettrone-trappola 37.

 

 

Fig.4 dimostra un'altra incarnazione del sistema per la generazione di elettricità autoalimentata che è costituito da un circuito di base di un'alimentazione uninterruptible tipico, costituito da un carica batterie (convertitore CA/CC) A collegato ad un inverter (CC/CA) 42 e attaccato alla loro banca batteria 41 e questo circuito di base insieme ad altri dispositivi sono collegati ad un dispositivo di cattura elettronica spazio libero 44 o una collegamento di terra elettrone-trappola 44.  Così, che comprende un caricabatterie A collegato a una banca batteria 41, che è collegata in serie con inverter 42 al punto B, che è in serie con inverter 42 che è in serie con il sensore elettronico 44, che è in serie con il trasferimento di fase, punto C Interruttore 43 tramite il punto di connessione di uscita trifase carico 45. La fase di trasferimento interruttore 43 è in serie con l'inverter 42, che è collegata in serie di carica batterie (convertitore CA/CC) la batteria di alimentazione banca 41.

 

Una costruzione alternativa per l'utilizzo in situazioni di emergenza, in cui il sistema cessa di essere auto-alimentato, il sistema può comprendere la potenza assorbita da una fonte di alimentazione esterna, tramite il punto di interconnessione 46, fornendo così la produzione di energia elettrica 45, al potere esterno carichi. La banca batteria 41 fornisce l'alimentazione all'inverter 42 che converte la corrente continua in corrente alternata e alimenta la trappola di elettrone 44. L'interruttore di trasferimento di fase si chiude quando le batterie hanno bisogno di ricarica.

 

Sensore 44 cattura elettroni, producendo corrente alternata, che alimenta il trasferimento di fase alimentazione Interruttore 43 con corrente alternata in ingresso.  La fase di trasferimento interruttore 43 alimenta l'inverter 42 che carica le batterie, chiudere il ciclo di auto-alimentazione che fornisce potenza in uscita 45, alimentazione sia la potenza in ingresso e carica qualsiasi esterno.

 

Fig.5 mostra un'altra forma di realizzazione del sistema di auto-alimentato apparecchiature di generazione di energia elettrica comprendente un circuito che comprende un tipico gruppo di continuità comprendente un caricabatterie (CA/CC) 51 collegato ad un convertitore CC/CA 53 e ad essi, una batteria banca 52.  Questo circuito di base insieme ad altri dispositivi sono collegati ad un dispositivo di acquisizione a elettroni liberi spazio 56 (come definito nella domanda di brevetto No. brasiliano BR1020120008378 del 13/1/12) o, in alternativa, una terra collezionista a elettroni liberi 56 (come definito nel domanda di brevetto No. brasiliano BR1020120008386 del 13/1/12). Questo comprende poi un carica batteria 51 che è collegato in serie con una serie di batterie 52, che è collegato in serie con l'inverter 53, che è collegato in serie al trasformatore 55 nel suo punto C, che è in serie con il suo punto B che è in serie con il collettore di elettroni 56, che è in serie con il caricabatterie 51 che è collegata al punto di uscita di carico 58, che è anche il punto di ingresso del circuito 59, che è in serie con il commutatore di trasferimento di fase 54 sezione 54.1, che è collegato al terminale 54.3, che è in serie con punto A del trasformatore 55 che esce al punto B. punti A e 54.3 nonché i punti 54.1 e 54.2 parallele, sono tutti paralleli al caricabatterie 51, la batteria banca 52, l'inverter 53 e al punto C del trasformatore 55.

 

Una costruzione alternativa per l'uso in situazioni di emergenza, in cui il sistema cessa di essere auto-alimentato, il sistema può includere un punto esterno ingresso di alimentazione 59, consentendo interruttore di trasferimento di fase 54 per fornire potenza di uscita 58, per alimentare carichi esterni.  Banco batteria 52 alimenta l'invertitore 53, che converte la corrente continua in corrente alternata, alimentando punto C del trasformatore, che esce a punti B e A del trasformatore 55.  Il punto B del trasformatore alimenta l'elettrone-trappola 56 producendo corrente alternata che alimenta il caricabatterie 51, la ricarica della batteria della banca 52.

 

Il carica batteria 51 è collegato in parallelo con l'interruttore di trasferimento 54 da punti di attacco 54.1 e 54.3, punto di alimentazione A del trasformatore, che esce al punto B.  Il punto A del trasformatore ed i punti di commutazione di trasferimento 54.3 e 54.1 sono in parallelo al caricabatterie 51, la batteria 52, l'inverter 53 e il punto C del trasformatore 55.

 

 

Fig.6 mostra un'altra forma di realizzazione in cui un raddrizzatore 61 è collegato ad un invertitore 63 ed una serie di batterie 62, e ad uno spazio libero a elettroni trappola 64 o, in alternativa, un elettrone trappola 64 terra comprendente quindi, un delta (CA/CC) convertitore 61, che è collegato in serie ad una serie di batterie 62, che è collegato in serie con la (CC/CA) invertitore 63, che è in serie con il collettore 64 di elettroni che è collegato in serie con il convertitore delta (CA/CC) 61 la cui parte CA è in serie con l'alternata CA corrente dell'inverter 63 tramite un cavo di collegamento 65, che è in parallelo con la parte continua del convertitore delta 61 con il gruppo di batterie 62 e la parte di CC dell'invertitore 63.  Una costruzione alternativa per l'uso in situazioni di emergenza, in cui il sistema cessa di essere auto-alimentato, il sistema può comprendere un ingresso di alimentazione da una fonte di alimentazione esterna, tramite il punto di interconnessione 66 collegato al convertitore delta 61, l'uscita 67 fornendo alimentazione, per i carichi esterni.

 

Banca della batteria 62 alimenta l'inverter 63, che converte la corrente continua in corrente alternata, alimenta il elettroni liberi collettore 64.  Gli elettroni catturati dal collettore 64 forma una corrente alternata che alimenta il convertitore delta 61 tramite un alimentatore filo carico di uscita 67.

 

La parte alternata trifase delta convertitore 61 è alimentato con corrente alternata da 63 inverter tramite cavo di collegamento 65, che è collegato in parallelo alla continua CC delta convertitore 61, che alimenta il gruppo di batterie 62 e con la porzione continua dell'inverter 63, chiudendo il ciclo di auto-alimentazione e l'alimentazione in uscita 67, che è il punto di potenza di uscita.

 

Avendo descritto esempi di realizzazioni preferite, si dovrebbe comprendere che l'ambito della presente invenzione comprende altre possibili forme di realizzazione, utilizzando gli elettroni collettori collegati ad un circuito di base di un tipico gruppo di continuità di energia, noto come un UPS, comprendente un dispositivo raddrizzatore (un convertitore CA/CC) 10, collegato ad un inverter (convertitore CC/CA) 12, e collegato tra di loro, un serbatoio di energia (in genere, una serie di batterie).

 

 

Una parte molto importante del brevetto sopra è il dispositivo descritto come un "collettore di elettroni liberi", sia dalla terra o dallo spazio. Dobbiamo andare per le domande di brevetto di cui sopra per trovare i dettagli di questi disegni:

 

Domanda numero: BR2013/000015, Data di pubblicazione: 2013/07/18, Data di deposito: 01/11/2013

 

Assegnatario: EVOLUÇÖES ENERGIA LTDA (Rua Santa Tereza 1427-B Centro - Imperatriz, MA-CEP -470 - Maranhão, 65900, BR)

 

ELETTROMAGNETICO TRAP ELECTRON PER ENERGIA ELETTRICA

 

Campo tecnico

La presente invenzione si riferisce ad apparecchi elettromagnetici per la generazione di energia elettrica o in alternativa per la generazione di energia termica. Apparecchiature più specificamente in grado di produrre energia elettrica in abbondanza e di energia termica da una piccola quantità di energia elettrica di ingresso

 

Descrizione della tecnica correlata

Secondo la legge di Lenz, qualsiasi corrente indotta ha una direzione tale che il campo magnetico che genera oppone alla variazione di flusso magnetico che ha prodotto. Matematicamente, legge di Lenz è espressa dal segno negativo (-) che compare nella formula della legge di Faraday, come segue.

La grandezza della fem indotta (ε) in un ciclo conduttore è uguale alla velocità di variazione del flusso magnetico (ΦΒ) con il tempo:

Come esempio di applicazione della legge di Faraday, si può calcolare la forza elettromotrice indotta in un loop rettangolare che si muove dentro o fuori, con velocità costante, una regione di campo magnetico uniforme. Il flusso del campo magnetico attraverso la superficie limitata dal circuito è data da:

 

e se la bobina ha una resistenza (R) e la corrente indotta:

Un conduttore attraversato da una corrente elettrica immersa in un campo magnetico subisce l'azione di una forza data dalla:

Pertanto, l'effetto della corrente indotta nel loop appare come forze Ff, e F - FM. I primi due si annullano a vicenda e il terzo viene annullata da un PEXT forza esterna necessaria a mantenere l'anello di velocità costante.

 

Come la forza FM deve opporsi alla forza FEXT, corrente (i) indotta nel circuito variando il flusso magnetico deve avere il significato indicato in Fig.3.   Questo fatto è un particolare esempio di legge di Lenz.

 

Considerando le attività sperimentali discussi con la legge di Faraday, quando un magnete si avvicina una bobina, la corrente indotta nella bobina ha una direzione come mostrato in Fig.1.  Questo genera un campo magnetico la cui polo nord è di fronte al polo nord del magnete, che è, il campo generato dalla corrente indotta si oppone al moto del magnete.

 

Quando il magnete viene allontanato dalla bobina, la corrente indotta nella bobina ha una direzione opposta a quella illustrata in Fig.1, generando così un campo magnetico la cui polo sud è di fronte al polo nord del magnete. I due poli si attraggono, che è, il campo generato dalla corrente indotta si oppone al movimento del magnete di distanza dalla bobina. Questo comportamento è presente in tutti i generatori di corrente, e noto come 'freno motore' è altamente indesiderabile in quanto la resistenza e la perdita di energia aumenta così.

 

Quando due bobine elettromagnetiche sono posti uno di fronte all'altro, come mostrato in Fig.2, non vi è nessuna corrente in una di esse. Nell'istante di accensione di una delle bobine, la corrente nella bobina, genera una corrente indotta nella seconda bobina. Quando acceso, la corrente nella bobina va da zero al suo valore massimo, e quindi rimane costante.

 

Così, quando la corrente sta cambiando, il campo magnetico generato da essa, (il cui polo nord affacciata alla seconda bobina) sta cambiando e così il flusso magnetico di questo campo attraverso la seconda bobina sta cambiando. Poi vi è una corrente indotta nella seconda bobina il cui senso è tale che il campo magnetico che genera tende a diminuire il flusso di cui sopra, cioè il suo polo nord affronta il polo nord della prima bobina di campo.

 

Quando l'interruttore è aperto, la corrente nella prima bobina gocce dal suo valore massimo a zero, e corrispondentemente il suo campo magnetico diminuisce. Il flusso del campo magnetico nella seconda bobina diminuisce anche, e l'ora corrente indotta scorre nella direzione opposta. Questa direzione del flusso di corrente produce un campo magnetico che aumenta, cioè, ha un polo sud rivolto verso il polo nord del campo della prima bobina.

 

Quindi, vi è una realizzazione del principio di conservazione dell'energia, espressa dalla legge di Lenz, in cui qualsiasi corrente indotta ha un effetto che si oppone alla causa che l'ha prodotta. Supponendo che gli atti corrente indotta per favorire la variazione del flusso magnetico che ha prodotto il campo magnetico della bobina, si avrebbe un polo sud rivolto verso il polo nord del magnete si avvicina, causando il magnete di essere attratto verso la bobina.

 

Se il magnete sono stati poi rilasciato, esso subirebbe un'accelerazione verso la bobina, aumentando l'intensità della corrente indotta e creare così un campo magnetico maggiore. Questo campo, a sua volta, potrebbe ottenere il magnete con forza crescente, e così via, con un continuo aumento dell'energia cinetica del magnete.

 

Se l'energia fosse ritirata dal sistema magnete-bobina con la stessa velocità con cui l'energia cinetica del magnete aumenta, allora ci sarebbe una riserva infinita di energia. Quindi sarebbe un motore perpetuo operativo, che violerebbe il principio di conservazione dell'energia. Pertanto, si può concludere che i generatori di corrente presentano una grande perdita di energia durante la generazione di energia elettrica.

 

 

Obiettivi del Invention

Uno scopo della presente invenzione è quello di contribuire alla generazione di energia sostenibile, proponendo una macchina elettromagnetico in grado di produrre energia elettrica in abbondanza da una bassissima immissione di energia elettrica.

 

L'obiettivo di cui sopra ed altri scopi sono raggiunti dal presente trovato da un dispositivo comprendente almeno un generatore di campo elettromagnetico (senza un nucleo o con almeno un core) alimentato da una sorgente di energia elettrica (senza un nucleo o con almeno un core) aventi le spire o insiemi di bobine, avvolte su almeno un elemento conduttore comune in un circuito chiuso che si ha una tensione polarizzata che è collegato ad almeno un elemento di interconnessione conduttivo che è collegato ad una griglia di messa a terra, dette interconnessioni crea un nuovo effetto tecnico, segnatamente, la comparsa di una corrente elettrica che mantiene circola in un circuito chiuso conduttivo, e che può quindi essere utilizzato per alimentare carichi esterni.

 

Il dispositivo che è l'oggetto della presente invenzione è il seguente: il generatore di campo elettromagnetico, alimentato da una fonte di alimentazione, produce un campo elettromagnetico che induce una corrente elettrica in un circuito chiuso conduttivo, creando una interazione tra i poli magnetici della attrezzature ed i poli magnetici della terra - sia attraverso attrazione e repulsione elettromagnetica. Una scorta infinita di elettroni è tratto dalla terra in anello chiuso conduttivo, che è collegato a terra tramite una rete interconnessa conduttiva. Elettroni attirati aggiungono alla già corrente che fluisce nel circuito chiuso conduttivo, rendendo potenza disponibile per pilotare carichi ad alta potenza, anche se il dispositivo stesso è fornito solo con una piccola quantità di energia. Così, vantaggiosamente, il dispositivo che è l'oggetto della presente invenzione, agisce come una trappola per elettroni dalla terra e questo permette la generazione di energia elettrica.

 

Vantaggiosamente, l'attuale apparecchiatura elettromagnetica genera elettricità o energia termica, fornendo l'accesso a questa nuova fonte di energia è attraverso un campo elettromagnetico. Le interconnessioni dei componenti del elettrone-trappola della presente invenzione, causano una vantaggiosa nuovo effetto tecnico, cioè, la comparsa di una corrente elettrica che mantiene girando in circuito chiuso conduttivo, con o senza tensione essendo applicata e anche senza un carico essendo collegato alla rete - purché l'elettrone-trap è collegato.

 

Il sensore proposto può anche essere usato per generare energia termica, a seconda della forma in cui si desidera utilizzare l'effetto del flusso di corrente elettrica prodotta in questa apparecchiatura elettromagnetica.

 

Per la generazione di energia termica in quantità proporzionale alla potenza del elettrone-trap, attraverso il movimento di elettroni nel circuito chiuso conduttivo stessa, la resistenza dovrebbe essere aumentato aumentando il numero di spire intorno ai centri nell'elemento conduttivo del circuito chiuso, e in quel caso, le bobine del generatore di campo elettromagnetico, viene quindi fatta di componenti circuitali elettrici termoisolanti, tenendo presente la temperatura richiesta che deve essere prodotto. L'energia termica generata dalla elettrone-trappola può essere utilizzato in qualsiasi applicazione da interno per applicazioni industriali.

 

Questa tecnologia può anche essere utilizzato per vari scopi tecnici in macchine elettriche. Con "macchine elettriche", dovrebbe essere capito da includere: macchine statiche elettriche, trasformatori, alimentatori, macchine elettriche rotanti, macchine sincrone, macchine della doppia alimentazione, raddrizzatori di corrente in cascata sincrono, macchine poli esterni, macchine di corrente alternata sincroni macchine attuali e / o delle macchine in corrente continua, apparecchiature elettroniche e di resistenze elettriche. La cattura di elettroni può fornire monofase, bifase o con alimentazione trifase, che operano a bassa, media o alta tensione.

 

La cattura di elettroni per induzione, non ha alcun impatto sull'ambiente. Il fatto è che usiamo come forza cattura, solo una quantità trascurabile di energia elettrica relative alla corrente catturata dal sensore. Il rapporto tra potenza assorbita e la quantità di elettricità generata dal elettrone-trap è almeno 1 a 100, che è, per ogni 1 watt fornita al sensore, vi è almeno 100 watt di potenza disponibile per carichi esterni. Tale rapporto, tuttavia, non è limitato, in quanto dipende il montaggio del elettrone-trappola e gli obiettivi del circuito, e quindi, la potenza generata può essere maggiore di 100 volte la potenza assorbita.

 

Un altro vantaggio della messa a terra elettrone-trap proposto nella presente invenzione è che l'elettrone-trappola può trasportare elettroni dal punto "A" al punto "B" senza una caduta di tensione attraverso l'elemento conduttivo anello chiuso - se viene polarizzato con una tensione - indipendentemente dalla distanza tra i punti a seconda della forza e quantità dei dispositivi di generazione di campo elettromagnetico. È anche possibile trasportare elettroni quando l'elemento conduttivo in circuito chiuso non è essa stessa polarizzata. Così, la corrente elettrica viene trasportato senza tensione, solo dal campo magnetico formato tra il dispositivo e il generatore del campo elettromagnetico.

 

 

Breve descrizione dei disegni

La presente invenzione verrà ora descritta con l'aiuto di disegni, ma la progettazione non è limitata alle realizzazioni mostrate in questi disegni, sebbene essi mostrano altri dettagli e vantaggi della presente invenzione.

 

Le figure mostrano:

 

Fig.1 - illustra la legge di Faraday.

 

 

Fig.2 – è una rappresentazione della legge di Faraday.

 

 

 

 

 

Fig. 3 – è una rappresentazione della legge di Faraday.

 

 

Fig. 4 - è una vista prospettica di un elettrone-trap con una bobina di singola fase.

 

 

 

Fig. 5 – è una vista prospettica di una trappola di elettroni monofase con due bobine.

 

 

 

 

 

 

 

Fig. 6 - è una rappresentazione dell'effetto del flusso elettromagnetico nelle spire attorno ai nuclei della trappola di elettroni.

 

 

Fig. 7 - è una rappresentazione di un circuito elettrico con due bobine di collegamento / bobina conduttore polarizzato.

 

 

 

 

 

Fig.8 - è una rappresentazione di un circuito elettrico con due bobine di collegamento / conduttore bobina non polarizzata.

 

 

Descrizione dettagliata dei disegni

 

 

Fig.4 mostra uno dei diversi tipi di elettron-trap proposti dalla presente invenzione, in cui l'elettrone-trappola è monofase e consiste di almeno un generatore di campo elettromagnetico con almeno un gruppo di bobine, in questo caso risulta essere un tipo di bobina elettromagnetica con un comune nucleo magnetico, ma in alternativa potrebbe avere qualsiasi numero di avvolgimenti di qualsiasi tipo e forma.  Tuttavia, l'elettrone-trappola proposta con la presente invenzione può essere costruito con un diverso tipo di generatore di campo elettromagnetico, ad esempio un induttore elettromagnetico o magnete di qualsiasi tipo e forma, o qualsiasi combinazione di essi, e in numero illimitato per ciascuna fase della trappola di elettroni.

 

Quando avvolgimento queste bobine, per esempio, bobina 4 - 4, ogni bobina deve avere almeno un giro completo, preferibilmente due giri se l'obiettivo è quello di generare elettricità, e preferibilmente quattro giri se l'obiettivo è di fornire energia termica.  Il numero di spire nelle bobine avvolte attorno al nucleo comune, è direttamente correlato alla quantità di corrente da generare.

 

Almeno un elemento di interconnessione conduttivo, in questo caso l'organo di guida 5 - che può essere rame o altro conduttivo idoneo, materiale anche isolate o non isolate, connette o filo di ciclo-collegamento 4 alla maglia di terra. Il collegamento tra il conduttore 5 e filo 4 è per induzione elettromagnetica. Avvolgimento 4 è anche l'alimentazione per i carichi che devono essere alimentati dagli elettroni catturati.

 

Anche in Fig.4, i fili di alimentazione 3,1 e 3,2 (fase e neutro) presentano un ingresso da una bobina di alimentazione esterna 1, che può essere alimentato da qualsiasi fonte esterna di energia elettrica, come una rete elettrica.  Gli elettroni intrappolati possono essere configurati per fornire corrente continua o alternata. Così, se la bobina 1 sorgente di alimentazione è alternata corrente elettrica - CA, allora l'elettrone-trappola fornisce corrente elettrica alternata. Se la fonte di alimentazione è continua corrente elettrica - CC, allora l'elettrone-trappola fornisce corrente elettrica continua - CC.  L'alimentazione elettrica fornita dagli elettroni intrappolati può essere monofase, bifase o trifase, ed a bassa tensione, media o alta.

 

 

Fig.5 mostra un elettrone-trappola con due bobine di fase unipolare: 1 e 2, anche se queste bobine possono essere di qualsiasi tipo e forma.  Tuttavia, l'elettrone-trap proposta con la presente invenzione può essere costruito con altri tipi di generatore di campo elettromagnetico, con almeno un induttore elettromagnetico o elettromagnete che può essere di qualsiasi tipo e forma, con qualsiasi combinazione di essi, e in quantità illimitate in ogni fase del elettrone-trappola.

 

Le bobine su telai 1 e 2 possono avere altre forme, ma ciascuno di essi deve avere almeno un giro completo, in particolare in bobina 4.   Il numero di spire in questo avvolgimento è direttamente correlato alla quantità di corrente da generare.  Questa bobina rende anche l'interconnessione tra le bobine 1 e 2 che formano il legame tra loro due nuclei.

 

Almeno un elemento di interconnessione conduttivo, in questo caso l'organo di guida 5 - che può essere rame o altro conduttivo idoneo, materiale anche isolate o non isolate, connette o filo di ciclo-collegamento 4 alla maglia di terra. Il collegamento tra il conduttore 5 e filo 4 è per induzione elettromagnetica.

 

 

 

In elettron-sifoni che hanno numerosi gruppi di bobine 1 e 2, le estremità di tutti i conduttori per alimentatore 3.1 possono essere collegati tra loro, e tutte le estremità dei conduttori 3.2 possono essere collegati insieme.  Così, tutte le bobine 1 e 2 possono essere alimentati esattamente la stessa tensione.  Il potere di eccitare bobine 1 e 2 può essere fornita da qualsiasi fonte esterna di fornitura di energia elettrica, come una rete elettrica.

 

In elettron-sifoni che hanno numerosi bobine 1 e 2, una singola bobina di avvolgimento 4 collega i nuclei di tutte le bobine 1 e 2.

 

 

Diagramma mostrato in Fig.6, illustra l'induzione magnetica 6 attorno al nucleo "X" della bobina 1.  Questo induzione provoca il flusso di corrente elettrica nel collegamento conduttore bobina 7/4, attirando elettroni dalla terra, attraverso l'elemento conduttivo 5, al campo magnetico dell'elettrone-trappola, dove vengono aggiunti gli elettroni alla corrente generata per induzione nella collegamento bobina 4 conduttori ad anello circolare tra i poli magnetici nord e sud.

 

 

Fig.7 mostra come i collegamenti devono essere effettuati in una versione del circuito elettrico dell'elettrone-trappola proposto in questa invenzione. Il diagramma mostra il circuito elettrico di un elettrone-trappola dove il collegamento / bobina di pilotaggio 4 è polarizzato con una tensione.   Questa è una forma di realizzazione per un elettrone-trappola che ha due bobine 1 e 2, in cui un collegamento / bobina conduttore ciclo 4 è polarizzato con una tensione, che è, vi è un legame che collega i conduttori bobina 4 di un alimentatore 3.1 o 3.2, qualunque sia lo stadio.

 

In questo modo, terra elettron-trappole, adottando questo circuito, cioè con il collegamento / conduttore ciclo 4 e tensione polarizzata sulle bobine 1 e 2, oltre ad essere utilizzato come fonte di alimentazione per carichi esterni, può essere utilizzato anche per termica generazione di energia.

 

 

 

Fig.8 mostra come collegamenti devono essere effettuati in un altro circuito elettrico elettrone-trappola proposto in questa invenzione. il circuito illustra un circuito di un elettrone-trappola con un collegamento / bobina non polarizzata energizzante 4.  Questa è una forma di costruzione del elettrone-trappola in cui un collegamento / bobina di conduttore 4 della spirale bobine di conduttori 1 e 2 non è polarizzata, cioè, non esiste tale nesso di collegamento conduttore / conduttore conduttori bobina 4 di una bobina 3.1 o 3.2.

 

Così, terra elettron-trappole che adottano questo circuito, cioè con il link bobina non polarizzata, la corrente scorre senza che vi sia tensione nel circuito / bobina conduttore 4 unire la prima e la seconda bobina di induzione elettromagnetica.   Possono anche essere utilizzati per generare energia termica.

 

La struttura del circuito - nelle bobine aperte o chiuse 1 e 2, e sempre nel link / anello di piombo chiuso 4 - consente di generare corrente per induzione e cattura elettronica da elettromagnetismo sul link conduttore 4 - dove si genera corrente e rimane in movimento con o senza tensione, come le bobine 1 e 2 vengono nutriti. Quindi, la presente invenzione fornisce un nuovo concetto per la generazione di energia elettrica, in quanto ottenuto da una corrente elettrica circuitazione senza consumo e anche senza un carico di uscita essendo collegato ad esso.

 

Inoltre, poiché la corrente elettrica indotta indipendentemente dalla tensione presente, esso può essere utilizzato come stabilizzatore di corrente per reti elettriche siano essi monofase, bifase o trifase, a bassa, media o alta tensione.

 

 

 

DISPOSITIVO ELETTROMAGNETICO PER CATTURARE GRATIS

SPAZIO ELETTRONI PER GENERARE ELETTRICITÀ

 

 

Numero domanda: BR2013/000014

Data di pubblicazione: 18/07/2013

Data di deposito: 11/01/2013

Cessionario: EVOLUÇÕES ENERGIA LTDA (Rua Santa Tereza 1427-B Centro - Imperatriz-, MA - CEP-470 - Maranhão, 65900, BR)

 

 

 

Astratto:

L'invenzione riguarda un dispositivo che comprende almeno tre gruppi (A, B, C, D) di almeno un dispositivo per la generazione di un campo elettromagnetico (3) e (4), alimentato da una sorgente elettrica (senza un nucleo o con almeno un'anima) i loro nuclei eventualmente prorogato, preferibilmente gli avvolgimenti o insiemi di avvolgimenti loro, essendo circondato da almeno un singolo elemento conduttivo formando un circuito chiuso e polarizzato eccitato (5), i gruppi di generazione di campo elettromagnetico dispositivi (3) e (4) essendo collegate tra loro da loro poli opposti di favorire l'interazione dei loro campi elettromagnetici, che idealmente, si trovano tra due emisferi metallici cavi (1) in modo da concentrare e migliorare i campi elettromagnetici, tali interconnessioni causando, come romanzo effetto tecnico, l'emergere di una corrente elettrica che circola, con o senza tensione, nell'elemento conduttivo formando un circuito chiuso (5) - anche se nessun carico è collegato.

 

Descrizione:

 

"APPARECCHIATURE ELETTROMAGNETICHE PER CATTURA ELETTRONICA

GRATIS DALLO SPAZIO, PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA".

 

Campo tecnico

La presente invenzione si riferisce ad apparecchi elettromagnetici per la generazione di energia elettrica e / o di generazione di energia termica. Più specificamente, apparecchiature in grado di produrre energia elettrica in abbondanza e di energia termica da un minuscolo ingresso di energia elettrica.

 

Descrizione della tecnica correlata

Secondo la legge di Lenz, qualsiasi corrente indotta ha una direzione tale che il campo magnetico che genera oppone alla variazione di flusso magnetico che lo ha prodotto. Matematicamente, legge di Lenz è espressa dal segno negativo (-) che compare nella formula della legge di Faraday, come segue.

La grandezza della fem indotta (ε) in un ciclo conduttore è uguale alla velocità di variazione del flusso magnetico (ΦΒ) con il tempo:

 

Come esempio di applicazione della legge di Faraday, si può calcolare la forza elettromotrice indotta in un loop rettangolare che si muove dentro o fuori, con velocità costante, una regione di campo magnetico uniforme. Il flusso del campo magnetico attraverso la superficie limitata dal circuito è data da:

 

 

e se la bobina ha una resistenza (R) e la corrente indotta:

Un conduttore attraversato da una corrente elettrica immersa in un campo magnetico subisce l'azione di una forza data dalla:

Pertanto, l'effetto della corrente indotta nel loop appare come forze Ff, e F - FM. I primi due si annullano a vicenda e il terzo viene annullata da un PEXT forza esterna necessaria a mantenere l'anello di velocità costante.

 

Come la forza FM deve opporsi alla forza FEXT, corrente (i) indotta nel circuito variando il flusso magnetico deve avere il significato indicato in Fig.1.   Questo fatto è un particolare esempio di legge di Lenz.

 

Considerando le attività sperimentali discussi con la legge di Faraday, quando un magnete si avvicina una bobina, la corrente indotta nella bobina ha una direzione come mostrato in Fig.2.  Questo genera un campo magnetico la cui polo nord è di fronte al polo nord del magnete, che è, il campo generato dalla corrente indotta si oppone al moto del magnete.

 

Quando il magnete viene allontanato dalla bobina, la corrente indotta nella bobina ha una direzione opposta a quella illustrata in Fig.2, generando così un campo magnetico la cui polo sud è di fronte al polo nord del magnete. I due poli si attraggono, che è, il campo generato dalla corrente indotta si oppone al movimento del magnete di distanza dalla bobina. Questo comportamento è presente in tutti i generatori di corrente, e noto come 'freno motore' è altamente indesiderabile in quanto la resistenza e la perdita di energia aumenta così.

 

Quando due bobine elettromagnetiche sono posti uno di fronte all'altro, non vi è nessuna corrente in una di esse. Nell'istante di accensione una delle bobine, la corrente nella bobina, genera una corrente indotta nella seconda bobina. Quando acceso, la corrente nella bobina va da zero al suo valore massimo, e quindi rimane costante.

 

Così, quando la corrente sta cambiando, il campo magnetico generato da essa, (il cui polo nord affacciata alla seconda bobina) sta cambiando e così il flusso magnetico di questo campo attraverso la seconda bobina sta cambiando. Poi vi è una corrente indotta nella seconda bobina il cui senso è tale che il campo magnetico che genera tende a diminuire il flusso di cui sopra, cioè il suo polo nord affronta il polo nord della prima bobina di campo.

 

Quando l'interruttore è aperto, la corrente nella prima bobina gocce dal suo valore massimo a zero, e corrispondentemente il suo campo magnetico diminuisce. Il flusso del campo magnetico nella seconda bobina diminuisce anche, e l'ora corrente indotta scorre nella direzione opposta. Questa direzione del flusso di corrente produce un campo magnetico che aumenta, cioè, ha un polo sud rivolto verso il polo nord del campo della prima bobina.

 

Quindi, vi è una realizzazione del principio di conservazione dell'energia, espressa dalla legge di Lenz, in cui qualsiasi corrente indotta ha un effetto che si oppone alla causa che l'ha prodotta. Supponendo che gli atti corrente indotta per favorire la variazione del flusso magnetico che ha prodotto il campo magnetico della bobina, si avrebbe un polo sud rivolto verso il polo nord del magnete si avvicina, causando il magnete di essere attratto verso la bobina.

 

Se il magnete sono stati poi rilasciato, esso subirebbe un'accelerazione verso la bobina, aumentando l'intensità della corrente indotta e creare così un campo magnetico maggiore. Questo campo, a sua volta, potrebbe ottenere il magnete con forza crescente, e così via, con un continuo aumento dell'energia cinetica del magnete.

 

Se l'energia fosse ritirata dal sistema magnete-bobina con la stessa velocità con cui l'energia cinetica del magnete aumenta, allora ci sarebbe una riserva infinita di energia. Quindi sarebbe un motore perpetuo operativo, che violerebbe il principio di conservazione dell'energia. Pertanto, si può concludere che i generatori di corrente presentano una grande perdita di energia durante la produzione di energia elettrica.

 

 

Obiettivi del Invention

La presente invenzione si propone di contribuire alla generazione di energia sostenibile, proponendo macchinari elettromagnetico in grado di produrre energia elettrica in abbondanza da una bassissima immissione di energia elettrica.

 

L'obiettivo di cui sopra ed altri obiettivi sono raggiunti nella presente invenzione da un dispositivo comprendente almeno tre serie di almeno un generatore di campo elettromagnetico (senza un nucleo o con almeno un core) alimentato da una sorgente di energia elettrica, con i loro nuclei o qualsiasi estensione di loro, con le loro spire o insiemi di bobine, avvolto su almeno un elemento conduttore comune in un circuito chiuso che è polarizzata da una sorgente di tensione, e queste serie di dispositivi generatori di campi elettromagnetici sono disposti con i loro poli in confronto, per promuovere l'interazione di campi elettromagnetici, e, preferibilmente, posizionato tra due emisferi metallici cavi, in modo da concentrare e migliorare i loro campi elettromagnetici - queste interazioni provocano un nuovo effetto tecnico - l'emergere di una corrente elettrica che continua a scorrere in un circuito chiuso, con o senza tensione applicato a tale anello chiuso, la corrente che è in grado di alimentare carichi esterni - anche se nessun carico è collegato ad esso.

 

Il dispositivo che è l'oggetto della presente invenzione è il seguente: in gruppi di dispositivi di generazione di campo elettromagnetico ad essere alimentati da una sorgente di energia elettrica, producono un campo elettromagnetico che induce una corrente elettrica in un circuito chiuso conduttivo, creando una interazione tra la magnetico pali, e per attrazione e repulsione elettromagnetica ripetute, fornisce una scorta infinita di elettroni al circuito chiuso conduttrice stessa.

 

Gli elettroni attirati da questa tecnica, aumentano la corrente che fluisce nel circuito chiuso conduttivo, che fornisce la corrente per alimentare carichi esterni di elevata potenza, nonostante il fatto che il dispositivo stesso viene fornito con solo un piccolo livello di potenza. Così, vantaggiosamente, il dispositivo che viene divulgato nella presente invenzione forma una trappola per gli elettroni dallo spazio, con conseguente generazione di energia elettrica. Le interconnessioni dei componenti della causa elettrone-trappola, un nuovo effetto tecnico, segnatamente, la comparsa di una corrente elettrica che mantiene girando in un circuito chiuso, anche senza alcuna tensione essendo applicata al circuito chiuso, e anche senza un carico deve essere collegato ad esso. La presente apparecchiatura elettromagnetica genera energia elettrica o termica, fornendo accesso a questa nuova fonte di energia attraverso l'utilizzo di un campo elettromagnetico.

 

Il sensore proposto può essere utilizzato anche per la generazione di energia termica a seconda della forma di circuito che deve essere utilizzato, risultante dal flusso di corrente elettrica prodotta da questa apparecchiatura elettromagnetica.

 

Questo campo genera un flusso di corrente elettrica indotta da bobine elettromagnetiche, che figura in collegano i dispositivi di interconnessione che generano campi elettromagnetici con elettromagneti, induttori o magneti. Questa catena opera in modo favorevole alla variazione del flusso magnetico prodotto dal campo magnetico nel elettrone-trappola. Così, si crea un polo nord e un polo sud, fornendo una scorta infinita di corrente elettrica senza resistenza tra i link che collegano i dispositivi che generano campi elettromagnetici. Quindi, la corrente elettrica indotta è generata con o senza tensione nei link interconnessione di dispositivi generatori di campo elettromagnetico, a seconda del metodo di connessione del circuito elettrico del elettrone-trappola.

 

La Free-elettroni raccolti dallo spazio elettrone-trappola possono formare corrente alternata (CA) o corrente continua (CC). Il rapporto tra potenza di ingresso di potenza in uscita è di 1 a 100, che è, la potenza generata può essere 100 volte superiore alla potenza di ingresso quando vi è almeno un collegamento / driver a bobina tra le bobine e gli induttori o elettromagneti. Tale rapporto, tuttavia, non è limitato a un fattore 100, in quanto dipende dalla forma del elettrone-trappola e il suo obiettivo.

 

Un altro vantaggio dello spazio libero elettrone-trappola della presente invenzione è che, con isolamento termico dei componenti nel circuito elettrico, è possibile produrre energia termica a bassa, media o alta temperatura, attraverso il movimento degli elettroni nella conduttori, bobine e / o elettromagneti. La temperatura generata è legata direttamente al numero di spire delle bobine.

 

Generazione di energia termica effettuata dal sensore può essere utilizzato per bollitura e / o evaporazione di liquidi da utilizzare in altri tipi di generazione di energia, per esempio, sostituendo l'uso di carbone e gas naturale.

 

Un altro vantaggio del proposto elettrone-trappola della presente invenzione è che l'elettrone-trappola può trasportare elettroni da un punto "A" ad un punto "B", senza caduta di tensione nel collegamento - se è polarizzato - indipendentemente distanza tra i punti, a seconda della forza e quantità dei dispositivi generatori di campo elettromagnetico. È anche possibile trasportare gli elettroni quando i dispositivi di collegamento che generano il campo elettromagnetico non sono polarizzati. In questo modo, la corrente elettrica viene mandato senza tensione ma solo dal campo magnetico formato fra le spire. Questo metodo può essere usato in vari campi.

 

A causa della sua semplicità costruttiva, l'elettrone-trap è un semplice dispositivo che sia compatto, ed esegue la generazione di energia a basso costo che può essere utilizzato in tutti i tipi di macchine, attrezzature e dispositivi di tutti i tipi, e molte aree di applicazione che richiedono elettricità per operare. L'elettrone-trappola può avere monofase, bifase o uscita trifase, e può generare corrente elettrica a bassa, media o alta tensione.

 

Breve descrizione dei disegni

La presente invenzione verrà ora descritta con l'aiuto di disegni, ma la progettazione non è limitata alle realizzazioni mostrate in questi disegni, sebbene essi mostrano altri dettagli e vantaggi della presente invenzione.

 

Le figure mostrano:

Fig.1 - illustra la legge di Faraday.

 

 

 

Fig.2 - illustra legge di Faraday in cui un magnete avvicina una bobina di un solo giro.

 

 

Fig.3 è una visione di un emisfero metallico visto dall'alto.

 

 

 

Fig.4 è una vista dal basso dell'emisfero con bobine in luogo.

 

 

 

Fig.5 è una vista laterale dello spazio libero elettrone-trappola.

 

 

 

Fig.6 è una vista inferiore del spazio elettrone-trappola, con le sue spire ed elettromagneti

 

 

 

Fig.7 una vista dall'alto dello spazio elettrone-trappola con le sue spire ed elettromagneti.

 

 

Fig.8 è una vista prospettica di un elettrone-trap con le sue spire.

 

 

 

Fig.9 mostra lo schema circuitale del dispositivo, che indica l'effetto del campo elettromagnetico.

 

 

 

Fig.10 - mostra lo schema elettrico di collegamento delle spire dell'induttore in insiemi (A, B, C e D).

 

 

 

Fig.11 - è una rappresentazione schema elettromagnetico di nord e sud poli delle serie di bobine (A, B, C e D).

 

 

 

Fig.12  è una rappresentazione degli elettroni di essere attratto e respinto dal dispositivo.

 

 

Descrizione dettagliata dei disegni

Fig.3 è una vista dall'alto di uno dei due emisferi metallici cavi 1, che è parte della trappola elettrone di spazio libero proposto in questa invenzione.   Emisfero 1 è preferibilmente fatta da, ma non limitato a, alluminio, ed ha linguette di montaggio 2.

 

 

Fig.4 è una vista dal basso di emisfero metallico 1.  Ha quattro dispositivi di generazione di campo elettromagnetico 3, posizionato intorno l'emisfero e fissato a sostenere 6 che è attaccato ad emisfero 1 di linguette di montaggio 2.

Fig.5 è una vista laterale dello spazio libero elettrone-trappola.  Essa mostra i due emisferi metallici 1 e 2 (che formano una sfera perfetta), e tre delle bobine 3 che sono attaccati alle linguette di montaggio 2 e tre induttori 4 che formano il circuito chiuso in sé, e che sono attaccati da conduttori 5, e il supporto membro 6 su cui sono bobine 3 e dei loro componenti montati.

 

         

 

Fig.6 e Fig.7 mostra la vista superiore e inferiore dell'emisfero metallico 1 che ospita quattro bobine 3 allegate al supporto 6 (non mostrato) che è fissato per l'emisfero 1 per le linguette di fissaggio 2.   Fig.6 mostra anche gli induttori o elettromagneti 4 loro corrispondenti bobine 3 e ai loro direttori di interconnessione 5.   Ogni bobina 3 e la sua induttore collegati 4 forma un set.  Nelle figure 6 e 7 sono quattro tali insiemi, denominate A, B, C e D.   Le bobine 3, collegati da loro legami 5, hanno ciascuno almeno un giro, e se l'obiettivo è quello di generare elettricità, poi preferibilmente due giri, e se l'obiettivo è energia termica, quindi quattro giri.   Le bobine 3 può presentare varie forme differenti. Il numero di spire della bobina 3 sono direttamente correlato alla quantità di corrente da generare, ed i collegamenti di connessione 5 può essere o un singolo conduttore o più conduttori, l'area della sezione trasversale del conduttore 5 essere selezionati per portare la corrente che deve essere generato.

 

In insiemi A, B, C e D, i conduttori di collegamento 5 hanno almeno un giro intorno a bobine 3.   Questo avvolgimento è collegato ai rispettivi elettromagneti 4 di ciascun gruppo (A, B, C e D) come mostrato nelle figure 6 e 7.   Si ricorda che le induttanze e 4 elettromagneti possono essere qualsiasi tipo di induttore, e altri tipi di spirale può essere usata.

 

Fig.8 mostra le bobine comunicanti 5 per ciascuno dei cinque insiemi A, B, C o D di collegamento tra le bobine 3 e 4 in ogni set.  Come mostrato in Fig.6 e Fig.7, il collegamento 5 rende la connessione tra bobine 3 e 4.  Ciò significa che i fili contrassegnati 5.1 sono tutti collegati assieme, ei fili marcati 5.2 sono tutti collegati assieme. Facendo questo, stabilisce i ponti di collegamento 5 indicate nei disegni. I cavi di alimentazione contrassegnati 7.1 sono collegati tra loro come lo sono i cavi contrassegnati 7.2.   I fili contrassegnati 7.1 sono collegati alla fase diretta della alimentazione esterna, mentre le altre estremità contrassegnate 7.2 sono collegati al neutro della alimentazione esterna.

 

Nello spazio trappola elettroni liberi della presente invenzione, le bobine 3 possono essere sia monofase, bifase o trifase. Inoltre, le bobine 3 possono essere alimentate da alcuna tensione (V).  La bobina di alimentazione 3 può essere alimentato da una fonte di energia elettrica, come una rete elettrica.  L'elettrone-trappola può essere configurato per produrre corrente alternata o corrente diretta.  Così, se l'alimentazione esterna è alternata corrente elettrica - CA, quindi l'elettrone-trappola fornisce un'uscita corrente elettrica alternata.  Se l'alimentazione è CC, allora l'elettrone-trappola fornisce un'uscita di corrente elettrica continua - CC. L'elettrone-trappola può essere configurato per monofase, bifase o funzionamento trifase, con uscite a bassa, media o alta tensione.

 

Fig.9 mostra un diagramma di circuito elettrone-trap con quattro insiemi A, B, C e D di bobine induttore 3 e 4. Induzione è prodotto attorno nucleo 9 delle tre serie di bobine A, B, C e D.  L'effetto dell'interazione dei campi elettromagnetici 11 è mostrato.  L'induzione tramite nucleo 9, provoca la circolazione di corrente elettrica nei collegamenti 5, attraendo gli elettroni liberi attraverso il campo elettromagnetico della trappola.  Poi, gli elettroni si uniscono con la corrente generata per induzione sul collegamento 5, circola tra i poli magnetici nord-sud e sud-nord.

 

A titolo di esempio, le bobine 3 sono mostrate avvolto su un singolo core tipo colonna a fase, ma questi possono anche essere di qualsiasi tipo o forma.  L'elettrone-trappola proposta con la presente invenzione può essere costruito con un altro tipo di generatore di campo elettromagnetico, che ha almeno una bobina elettromagnetica o magnete o induttore elettromagnetico che può essere di qualsiasi tipo o forma, o qualsiasi combinazione di questi, e con qualsiasi numero in ciascuna fase del elettrone-trappola.

 

La cattura di elettroni avviene attraverso un campo elettromagnetico che è formata con la connessione di bobine 3 con elettromagneti o induttori 4 attraverso i legami tra 5 otto componenti.

 

Questa chiusura produce lo spostamento degli elettroni nella bobina 3 set (A) (per semplicità, denominato 3A coil), questi elettroni sono attratti dai protoni del 3D bobina, e sono respinti dagli elettroni del campo elettromagnetico del 3D bobina stessa.  Questi elettroni bobina 3D sono attratti dai protoni dei 3B bobina, e sono respinti dagli elettroni del campo elettromagnetico di 3B bobina.  Questi elettroni di 3B bobina sono attratti dai protoni di bobina 3C, e sono respinti dagli elettroni del campo elettromagnetico della bobina 3C stesso. Analogamente, gli elettroni bobina 3C sono attratti dai protoni della bobina 3A, e sono respinti dagli elettroni del campo elettromagnetico del 3A bobina stessa.  Questi elettroni 3A bobina sono attratti dai protoni della bobina 3D, e sono respinti dagli elettroni del campo elettromagnetico della bobina 3D stesso.  Analogamente, la bobina 3D elettroni sono attratti dai protoni del 3B bobina, e sono respinti dagli elettroni del campo elettromagnetico del 3B bobina stessa.  Questi elettroni bobina 3B sono attratti dai protoni di bobina 3C, e sono respinti dagli elettroni della bobina stessa indotte 3C, e poi la bobina 3C elettroni sono attratti da protoni di 3A bobina, e sono respinti dagli elettroni del campo elettromagnetico 3A della bobina stessa.  Tale ciclo continua come serie di bobine A, B, C e D vengono alimentati da una tensione.  Queste infinite attrazioni e repulsioni generano una corrente elettrica nel collegamento della bobina 5.

 

Nel elettrone-trappola, la tensione è stabile. Indipendentemente dalla quantità di corrente generata, che può essere molto elevata, la tensione sarà la stessa nel circuito elettrico del sensore, perché la corrente si muove attraverso l'attrazione e repulsione degli elettroni, indipendentemente dalla tensione.

 

 

Fig.10 illustra uno schema circuitale del collegamento elettrico tra le bobine 3 e 4 in insiemi A, B, C e D.   Si può vedere che gli insiemi A, B, C e D sono racchiusi tra le bobine 3 e induttori loro associati o elettromagneti 4.   I conduttori di 7.1 e 7.2, di insiemi A, B, C e D devono essere collegati.  Quando si alimenta potenza alle bobine 3 e 4 la fase deve essere collegato a 7,1 e il neutro a 7,2.

 

Gli insiemi A, B, C e D, dopo essere stato alimentato con corrente elettrica, generare tensione attraverso l'attrazione e repulsione degli elettroni nel collegamento bobina 5, in cui vi è almeno un carico di uscita 8.1, che deve essere collegato unendo insiemi A e C, ed almeno una uscita di carico 8.2, che deve essere collegato unendo insiemi B e D i punti di uscita 8.1 e 8.2 sono le rispettive fasi e il neutro di punti di alimentazione 7.1 e 7.2.

 

In questo modo, una monofase elettrone-trap è creato da due insiemi di coppie di bobine / induttori 3 e 4.   Il set bobina 3/4 elettromagnete può essere sostituito da una serie 3/3 bobina, senza alcuno svantaggio per l'elettrone-trappola.  Insiemi A, B, C e D, sono inseriti in un emisfero metallico cavo 1 preferibilmente costruito - ma non solo - alluminio.  L'emisfero 1, la cui funzione è di concentrare e massimizzare i loro campi elettromagnetici, simulando una nuvola elettronica, ha un supporto fisso 6 collegato ad alette d'attacco 2, ed alla quale le bobine 3 sono fissati.

 

Fig.11 è un diagramma del nord elettromagnetico e polo sud delle bobine induttore 3 e 4 del set A, B, C e D del elettrone-trappola. Il comportamento elettromagnetico descritto per Fig.9 è nuovamente dimostrata dalla formazione del gruppo di magnete al Polo Nord e Polo Sud essendo attratto e repulsione per le linee di forza del magnete dal punto "A" al punto "D", punto "a" al punto "B", il punto "B" al punto "C", punto "C" al punto "A", e così via, finché vi è un campo elettromagnetico.  Il campo elettromagnetico dello spazio elettrone-trappola prevede che la corrente indotta in una direzione simile alle variazioni del flusso magnetico che lo ha prodotto.   Quindi, il campo magnetico crea un polo nord e un polo sud in ciascuno degli insiemi A, B, C e D, come indicato in Fig.11.

 

Alimentando le bobine 3 dell'elettrone-trappola con un voltaggio desiderato un campo magnetico è generato in bobine 3, tra i quattro insiemi A, B, C e D, che formano un flusso di elettroni.   Questo flusso di elettroni aumenta il flusso di elettroni che circola nel circuito chiuso di collegamento della bobina 5, attuando in tal modo cattura di elettroni liberi dallo spazio. Il campo elettromagnetico della 3A bobina corre da nord a sud, il campo elettromagnetico della 3B bobina corre da nord a sud, il campo elettromagnetico della bobina flussi 3C da sud a nord, e il campo elettromagnetico dei flussi elicoidali 3D da sud a nord, come mostrato in Fig.11.   Va notato che gli insiemi A, B, C e D può essere formata da qualsiasi combinazione di bobina, magnete e elettromagnete.

 

Il sud di campo elettromagnetico a nord induce il flusso di corrente nella bobina di 3A. Il nord a sud campo elettromagnetico induce il flusso di corrente nella bobina 3B.  Il nord a sud campo elettromagnetico induce il flusso di corrente nella bobina 3C e il nord a sud campo elettromagnetico induce il flusso di corrente nella bobina 3D.  Il flusso di corrente indotta può avere qualsiasi potere e può essere monofase, bifase o trifase corrente.

 

 

Fig.12 mostra gli elettroni attratte e repulsione per le bobine di induzione 3 e 4.  Essendo respinto e attratto per induzione elettromagnetica, la corrente elettrica senza resistenza.

 

L'elettrone-trappola produce onde elettromagnetiche che possono essere utilizzati per vari scopi, tra cui la trasmissione del segnale a qualsiasi frequenza e per qualsiasi scopo.  La cattura è causata da queste onde elettromagnetiche.   Lo stesso effetto fisico può essere ottenuto mediante la combinazione dei dispositivi di cattura di altre tecnologie, tra elettromeccanico, elettrico, elettronico, elettromagnetico, o attraverso la combinazione di un magnete o altri materiali magnetizzati.

 

Lo spazio libero elettrone-trappola della presente invenzione è una fonte rinnovabile di produzione di energia elettrica e un nuovo modo di produrre energia mediante l'effetto di cattura, generando flussi di elettroni, generando movimento ordinato di elettroni - corrente elettrica - come mostrato nelle figure 9, 11, e 12.  Gli elettroni possono muoversi senza alcuna differenza di tensione nel continuo ciclo 5. Alternativamente, il ciclo può essere polarizzato con una tensione prescelta.

 

Un video con la dimostrazione del filo-a-terra è qui: http://www.youtube.com/watch?v=iRSP7h73u-Q con 22 watt che producono 6 chilowatt.

 

I tre brevetti portoghesi di Barbosa e Leal sono qui:

 

http://www.free-energy-info.tuks.nl/Barbosa1.pdf

http://www.free-energy-info.tuks.nl/Barbosa1.pdf

http://www.free-energy-info.tuks.nl/Barbosa1.pdf

 

 

 

Un Dispositivo Ultra-semplice Energia Libera da Lorrie Matchett?

Lo stile di funzionamento utilizzato da Barbosa e Leal sembra come se esso è relativo agli sviluppi di Lorrie Matchett.  Il 16 giugno 2008, Lorrie Matchett ha pubblicato suo design molto semplice per un dispositivo che cattura l'energia libera utilizzabile (dei:  http://youtu.be/eGD9o7D4To8).  Il dispositivo si basa su un semplice e noto principio dell'elettricità statica. Questo è un principio che viene insegnato nelle scuole di tutto il mondo, ma è generalmente considerato di nessuna importanza come elettricità statica è pensato per essere troppo bassa potenza per essere di qualche utilità. Dubito seriamente che chi è stato colpito da un fulmine considererebbe elettricità statica "low-power" e suggerendo che loro rischia di ampliare il tuo vocabolario con alcune parole che sono raramente sentito.

 

Nota importante: il seguente documento menziona che l'uso di tensioni e quindi vorrei sottolineare che questo documento è solo a scopo informativo e non deve essere interpretato come una raccomandazione che costruire o utilizzare qualsiasi tipo di dispositivo. Se si sceglie di ignorare questo e costruire e utilizzare il dispositivo di Lorrie Matchett, quindi si prega di essere pienamente consapevole che voi fare così interamente a proprio rischio e nessun altro è in alcun modo responsabile per i risultati delle operazioni.

 

Il principio che viene utilizzato qui è che un oggetto elettricamente caricato provoca la migrazione di cariche opposte sulla superficie di qualsiasi oggetto portato vicino ad esso. Per esempio se una superficie carica è portata vicino a una sfera di metallo, poi questo accade:

 

 

 

 

 

 

La sfera di metallo ordinaria "B", che non ha nessuna particolare carica su di esso è molto influenzato da essere vicino a una superficie di caricata "A" e il più vicino si ottiene, maggiore sarà l'effetto.  La superficie della sfera ha avuto una distribuzione uniforme di cariche positive e negative sulla sua superficie, dandogli una carica complessiva pari a circa zero, ma la superficie carica cambia tutto questo.  Le cariche positive sulla superficie "A" attraggono le cariche negative sulla superficie della sfera causando loro di migrare verso la superficie "A".  Mentre le cariche positive sulla superficie "A" respingere le cariche positive esistenti sulla superficie della sfera, la migrazione cariche negative della sfera stessa hanno un effetto ancora maggiore, causando la separazione delle cariche elettriche sopra indicato.  La situazione ritorna normale se la sfera è allontanata nuovamente.

 

Tuttavia, la situazione cambia notevolmente se la sfera di metallo "B" è collegata a terra:

 

 

 

Il movimento di cariche sulla superficie della sfera è la stessa di prima, ma la terra ha milioni di cariche di ricambio di entrambi i generi e quindi, immediatamente fornisce spese extra negativi per bilanciare il lato della sfera dalla superficie carica "A".   Si noterà che a carico superficiale "A" non è direttamente coinvolto in alcun modo e nessun addebito si sposta si sposta da "A" a "B".

 

Lo stesso effetto è visto se la superficie "A" è caricata negativamente (tranne per il fatto che la sfera ha cariche positive, piuttosto che le cariche negative sopra indicate.  Il flusso di corrente solo è lungo il filo che collega la sfera per il collegamento di terra.

 

Lorrie Matchett utilizza questo principio, e per la superficie carica che collega un'estremità di un'asta di ottone al lato vivo di un Hz. alimentazione elettrica 100V 60. L'altra estremità della barra di ottone non è collegato ad altri scopi. Questo produce questa situazione per un sessantesimo di secondo

 

 

 

 

 

E poi per le seguenti sessantesimo di secondo tensione di rete inverte e si ottiene questa situazione:

 

 

 

Il risultato di questo è che esiste un avanti e indietro il flusso di elettricità statica lungo la terra collegando il filo, un flusso che inverte la direzione di sessanta volte al secondo. Questo non è convenzionale di energia elettrica, ma è la stessa forma di elettricità che viene raccolto da un'antenna. Brevetti di Nikola Tesla mostrano molti modi diversi di utilizzare questa elettricità statica, come fa Herman Plauson nel suo brevetto (http://www.free-energy-info.com/Chapter7.pdf).  Thomas Henry Moray prodotto cinquanta kilowatt di potenza continua da una piccola antenna. Paul Baumann del comune svizzero prodotto parecchi kilowatt di elettricità statica.  Lorrie Matchett si deposita per pochi watt e lo fa come questo:

 

Egli si collega il filo sotto tensione di un 110V AC (RMS) rete elettrica a un ottone asta 710 mm lungo e 4,76 mm di diametro.  L'asta non è collegato direttamente a qualsiasi altra cosa e quindi non fa parte di un circuito chiuso e così, nessuna corrente fluisce dalla rete elettrica.  Va sottolineato che l'asta e cavo di collegamento sono potenzialmente molto pericolose e devono essere isolati con molta attenzione per assicurare che toccandoli non causerà una scossa elettrica.  Vi preghiamo di comprendere molto chiaramente che nessuna corrente di qualsiasi tipo è disegnata dalla rete che questo circuito non è "rubare energia elettrica" dalla rete.

 

Per comodità e solo per convenienza, Lorrie utilizza l'impianto di terra dell'alimentazione di casa collegando un filo al pin di terra della sua spina di messa a terra di verde.  Esso deve essere chiaramente capito che questo non ha niente direttamente alla rete elettrica di alimentazione e qualsiasi terra separato di buona qualità sarebbe almeno buono come il punto di messa a terra all'interno della spina.  In effetti, c'è solo un collegamento alla rete.

 

Invece di usando una sfera di metallo, come mostrato nelle figure sopra, Lorrie utilizza una bobina di filo avvolto intorno lo strato di isolamento sulla sua asta di ottone, e passa il flusso alternato di elettricità statica, disegnata dalla terra, attraverso un ponte di diodi standard come indicato qui:

 

 

 

 

Lorrie copre l'asta in ottone con isolamento, che è il più sottile possibile.  Egli suggerisce termoretraibile tubi per l'isolamento e sopra di esso egli si snoda diametro 0,405 mm, filo di rame smaltato di solido-nucleo, che coprono una lunghezza di 610 mm dell'asta, posizionando i giri strettamente affiancate e lasciando 50 mm chiaro ad ogni estremità dell'asta.  Filo più spesso non deve essere utilizzato.

 

Egli mostra anche un fusibile 500 milliampere nella linea di alimentazione di rete.  Non sono affatto felice per che, come quel fusibile può alimentare cinque incandescente lampadine da 100 watt alimentazione collegati in parallelo, e si vuole veramente che la quantità di energia che scorre attraverso di voi se l'isolamento non è abbastanza buono e toccarlo?  Se si utilizza un fusibile in quella posizione, io suggerirei un 20 mm vetro rapido 100 milliampere Fusibile (soprattutto perché nessuna corrente inferiore è prontamente disponibile).  Il fusibile non è necessaria per il circuito e c'è nel tentativo di proteggere gli esseri umani incurante da insufficiente isolamento.

 

La bobina della ferita sull'asta di ottone isolata è collegata solo ad una estremità e quel fine va a uno dei due tag "Corrente Alternata" su un ponte di diodi 3 amp.  Lorrie non specifica la tensione nominale per il ponte di diodi, ma deve essere un minimo di 170 volt se la rete è un 110V tipo (RMS) e double che per un 220V connessione alla rete elettrica (RMS).  Non ho idea perché egli specifica un punteggio di 3-amp, ma il ponte minimo disponibile localmente a 3-ampere, che sento di raccomandare è un 400V voto unità che viene fornita al costo di banale.

 

Abbiamo bisogno di capire l'effetto del ponte diodi.  Dimezza la tensione disponibile e raddoppia la frequenza come illustrato qui:

 

 

Un'alimentazione 110V dovrebbe per oscillare da meno 155V a più 155V e torna ancora una volta sessanta volte al secondo, che è una tensione complessiva oscillare di 310V.   Quando viene passato attraverso un ponte di diodi che cambia a una forma d'onda di tensione che oscilla da Zero volt a Plus 154V e ritorno 120 volte al secondo, che è un'oscillazione di tensione complessiva di 154V che è una media o "RMS" tensione di 109V a causa della forma d'onda sinusoidale.

 

Nel resto del mondo, è la tensione di rete 220V (RMS) nominale, alternando cinquanta volte al secondo e il filo di alimentazione diretta è colore marrone codificato nel Regno Unito e le strisce di terra filo giallo/verde. Incidentalmente, il filo neutro è bianco per il sistema americano 110V e blu per l'impianto 220V usato nel Regno Unito.

 

Questo disegno è stato portato alla mia attenzione da Jes Ascanius di Danimarca che è uno sviluppatore molto capace di tutti i tipi di disegni di energia libera.  Lui ha replicato questo disegno di Lorrie Matchett e conferma che funziona.  Egli ha anche preso il design ulteriormente e condivide alcuni dettagli pratici che egli ha scoperto attraverso la propria sperimentazione:

 

Per una maggiore potenza, barre aggiuntive possono essere utilizzati:

 

 

Mentre in ottone è considerato il miglior materiale per l'asta, il diametro non è critico in qualsiasi modo e può essere utilizzato qualsiasi formato da 5 mm a 20 mm e invece di una canna, una lunghezza di tubo di ottone dovrebbe essere molto adatta.  È anche possibile utilizzare altri materiali per l'asta, ma facendo che riduce la potenza di uscita disponibile.

 

Jes ha controllato l'uscita della sua attuazione con il fusibile di rete rimosso.  Il risultato fu una tensione di 2.6V raccolse dai molti 220V 50Hz segnali generati da rete elettrica cablaggio tutto il posto per illuminazione e prese elettriche.  Quando viene inserito il fusibile, la tensione aumenta immediatamente 129V con due aste o 162V con cinque aste.  Quando tale tensione viene caricata con una matrice di illuminazione LED 7 watt, la tensione si ottiene tirata giù a 61V, ma a quella tensione, buona illuminazione è prodotto per zero corrente assorbita dalla rete elettrica.  Mi aspetterei che mettendo un condensatore ragionevolmente grande attraverso il carico, migliorerebbe l'uscita a causa dell'effetto serbatoio del condensatore.  Jes ha un video di questo al  https://www.youtube.com/watch?v=zeBqYb2QoAM&feature=player_embedded.

 

Jes utilizzato inizialmente due aste di ottone lunga ferita con bobine:

 

 

 

E poi, cinque canne. Suo amperometro CA è abbastanza sensibile per dimostrare che a causa di inefficienze causate da minuscole capacità randagi tra le aste e le bobine, c'è una corrente molto lieve disegnare dalla rete elettrica. La potenza della rete è molto meno rispetto la potenza di uscita del sistema.

 

Un miglioramento implementato da Jes è l'aggiunta di quattro diodi BYV27 ad alta velocità per il ponte di diodi ordinari come questo:

 

 

Ciò ha l'effetto di migliorare l'azione del ponte diodi e consente maggiore potenza estratta da ogni ciclo del flusso di energia.  Quando si utilizzano due barre di ottone, Jes ottiene la sua matrice di LED 7 watt per illuminare come questo:

 

 

 

 

Lorrie anche esteso il suo sviluppo a un notevole alberi 48:

 

 

 

Video: http://youtu.be/hJyZK6t9qcA   La produzione elettrica potrebbe essere utilizzata per caricare le batterie. L'aggiunta di turni extra alla bobina non aumenta la tensione di uscita.  Se il numero di giri in ogni bobina corrisponde il carico di uscita, la potenza di uscita sarà maggiore.  Questo generatore di immobile ha zero potenza in ingresso e quindi il suo coefficiente di prestazione è infinito.

 

Alexkor in Russia, che è esperto nella ricarica delle batterie ha sperimentato questo concetto e lui utilizza dieci bobine collegate in parallelo. Egli non fa uso di ottone, ma utilizza invece il molto più corta lunga, 3 mm diametro di 300 mm saldatura Rohi con il loro rivestimento chimico rimosso. Inoltre, queste canne vengono utilizzate solo per aumentare l'efficacia di due avvolgimenti separati avvolto su ogni asta. Ogni bobina è di 700 a 750 giri di filo di diametro 0.4 mm e le connessioni sono realizzate le bobine e non le aste, come illustrato di seguito per una coppia singola bobina :

 

 

Alex isoli il suo set di 10 paia di bobina all'interno di una breve lunghezza della tubazione di plastica:

 

 

e li utilizza per il suo circuito di ricarica della batteria di alimentazione:

 

 

Alcune persone sostengono che questi circuiti di stile Matchette appena alimentati dalla rete elettrica. Non credo che questo è il caso (anche se c'è una piccolissima perdita causata dalla capacitanza leggera tra le bobine e le aste, e che è anzi, addebitata dalla società di fornitura di energia elettrica. Per il disegno di alimentazione dalla rete elettrica, viene utilizzato un circuito come questo:

 

 

 

Qui, la tensione di uscita è determinata dal numero di giri in bobine e la corrente disponibile è controllata dal numero di aste coinvolti:

 

 

 

Si noterà che questi circuiti hanno connessioni solo alla rete elettrica e non altrove. Queste non sono circuiti che uso, né fare consiglia di utilizzare esso sia. Le barre verdi sono barre di saldatura ferro con rivestimento chimico rimosso. Questi sono poi avvolte con un singolo strato di 0,5 mm diametro smaltato filo di rame – che è swg 25 o 24 AWG filo di dimensione (un cacciavite di mano del potere è detto di essere buono per l'avvolgimento della bobina come quello). La bobina di filo by-side è poi rivestita con gommalacca o vernice ad alta tensione. Mi dicono che con alimentazione di rete 220V e un ponte di diodi 1A, che il potere può trarre dal circuito senza nulla in fase di registrazione al contatore di fornitura di elettricità. Questo è un circuito seriamente pericoloso come può produrre alta tensione all'uscita del ponte e che potenza potrebbe ucciderti. Nessun salasso di potenza è registrato, presumibilmente perché le bobine sono avvolte in opposte direzioni. Ora che è un circuito che potrebbe essere considerato di "rubare" energia dalla rete elettrica.

 

Il circuito di stile Matchett è diverso in quanto la potenza fluisce attraverso il circuito da terra. Barbosa e Leal ha dimostrato 169 chilowatt di energia che fluisce dalla terra, e mentre hanno alimentato loro circuito da un inverter batteria-guidato e non la rete, non c'era sicuramente si tratta di 'rubare' alimentazione. La batteria anche in ingresso consentito loro di stabilire le effettive prestazioni 104 volte più energia che scorre fuori dal loro circuito di energia che fluisce in esso.

 

In realtà, non a tutti sono convinto che il circuito mostrato sopra in realtà trarre potenza netta dalla rete. Le accuse di Misuratore alimentazione potenza valutata moltiplicando la tensione media la media attuale, anche quando quei due sono fuori fase e si riceve meno energia rispetto a voi sono addebitata per. In questo caso, se il contatore non è registrato nessun assorbimento di corrente, quindi forse come risultato le bobine di direzione opposta, la potenza assorbita è abbinata con un'uguale quantità di essere restituita alla rete e non ci può essere alcun netto reale corrente assorbita. Ad ogni modo, io non consiglio l'uso di questi circuiti.

 

 

 

 

Lo Stato Solido Sistema Magnetostricttivo di Annis e Eberly.

Theodore Annis e Patrick Eberly hanno prodotto una variante di questo metodo multiple-magnetico-percorso che è mostrato nella loro domanda di brevetto US 20.090.096,219 mila. Hanno scelto di utilizzare un interruttore immobile riluttanza che è un dispositivo a stato solido in grado di bloccare il flusso magnetico sotto tensione. Essi sono disposti uno di loro dispositivi come questo:

 

 

 

L'anello in grigio è un magnete che collega l'anello mostrato in giallo attraverso due diagonal 'riluttanza' (flusso magnetico) interruttori. L'anello giallo può trasportare flusso magnetico e la casella di controllo contrassegnata 118 interruttori le strisce diagonali e fuori, a sua volta, causa il flusso magnetico di invertire la sua direzione attraverso l'anello giallo. Le bobine avvolte sull'anello giallo raccogliere questa inversione flusso magnetico e passarlo come una corrente elettrica. Mentre solo una coppia di anelli sono mostrati qui, il design permette più anelli per quanto necessario a essere collegati insieme come mostrato qui:

 

 

 

Il brevetto dice: "L'interruttore attualmente preferita riluttanza immobile è descritto da Toshiyuki Ueno e Toshiro Higuchi, nel loro articolo intitolato" Indagine delle proprietà dinamiche di un dispositivo magnetico di controllo di flusso composto da lamierini di magnetostrittivi materiali piezoelettrici "- Università di Tokyo 2004. Come mostrato in Fig.4, l'interruttore è costituito da un laminato di un materiale magnetostrittivo gigante 42, una lega TbDyFe, incollato su entrambi i lati di un materiale piezoelettrico 44, 46 dell 'energia elettrica applicata. L'applicazione di energia elettrica provoca la riluttanza del materiale piezoelettrico per aumentare.

 

 

Questa domanda di brevetto originale è incluso nell'appendice.

 

Tuttavia, molto interessante, c'è un'altra, completamente diversa domanda di brevetto da Annis ed Eberly, con la stessa data di pubblicazione e il numero stesso. È affatto evidente a me come che potrebbe essere, ma qui è la massa di tale altra domanda di brevetto (l'originale essendo in appendice).

 

 

 

METODI E APPARECCHI DI GENERAZIONE DI ENERGIA

BASATO SULLA COMMUTAZIONE DI FLUSSO MAGNETICO

 

 

 

Astratto

In un generatore di energia elettrica, almeno un magnete permanente genera flusso e membro magnetizzabili forma il percorso di flusso singolo. Una bobina elettricamente conduttiva è avvolto attorno al membro magnetizzabili, e una pluralità di interruttori di flusso sono operative in sequenza invertire il flusso dal magnete attraverso il membro, inducendo quindi la corrente elettrica nella bobina. Una costruzione "Figura otto" comprende due loop continuo materiali magnetizzabili condivisione membro magnetizzabili comune a entrambi i cicli. Una configurazione alternativa utilizza anelli impilati e un foglio di materiale che agisce come il membro magnetizzabili. Un'estremità del magnete è accoppiata ad uno degli anelli, con l'altra estremità viene accoppiata a altro anello. Ogni ciclo ulteriore include due deviatori di flusso operati in una sequenza di 2 × 2 in sequenza invertire il flusso attraverso il membro magnetizzabili. Una quantità relativamente piccola di energia elettrica è utilizzata per controllare il flusso magnetico di un magnete permanente di commutazione del flusso tra percorsi alternativi. La potenza risultante dal flusso magnetico commutata produce sostanzialmente più potenza rispetto la potenza necessaria per l'ingresso di commutazione.

 

 

Descrizione

 

CAMPO DELL'INVENZIONE

Questa invenzione si riferisce generalmente alla generazione di energia e, in particolare, ai metodi e agli apparecchi in cui il flusso magnetico è attivato attraverso un percorso di flusso per produrre energia elettrica.

 

 

SFONDO DELL'INVENZIONE

Flusso magnetico possono esistere in "spazio libero," in materiali che hanno caratteristiche magnetiche di spazio libero e nei materiali con caratteristiche magneticamente conduttivi. Il grado di conduzione magnetica in materiali magneticamente conduttivi è in genere indicato con una curva di isteresi di B-H, di una curva di magnetizzazione, o entrambi.

 

Magneti permanenti possono ora essere composto da materiali che hanno un alto coercively (Hc), un'alta densità di flusso magnetico (Br), una magnete ad alta movente forza (mmf), un prodotto di alta energia massima (BHmax), con nessun significativo deterioramento della forza magnetica nel tempo. Un esempio è il magneti permanenti NdFeB da VAC della Germania, che ha un Hc di 1.079.000 ampere/metro, un Br di 1,427 Tesla, un mmf che vanno fino a 575.000 amperspira e un BHmax di 392.000 Joule/meter3.

 

Secondo Moskowitz, "Magnete permanente progettazione e applicazione manuale" 1995, pagina 52, flusso magnetico può essere pensato come linee di flusso che sempre lasciano e inserire le superfici dei materiali ferromagnetici ad angolo retto, che mai può rendere vero gira ad angolo retto, che viaggia solo in percorsi dritti o curvi, che seguono la distanza più breve, e che seguono il percorso di minima riluttanza (resistenza alla forza motrice magneto).

 

Spazio libero presenta un percorso di alta riluttanza al flusso magnetico. Ci sono molti materiali che hanno caratteristiche magnetiche simili a quelle di spazio libero. Ci sono altri materiali che offrono un percorso di bassa o bassa riluttanza per il flusso magnetico, ed è questi materiali che in genere comprendono un percorso definito e controllabile magnetico.

 

Materiali magnetici ad alte prestazioni per uso come percorsi magnetici all'interno di un circuito magnetico sono ora disponibili e sono adatti per la commutazione del flusso magnetico (rapida) con un minimo di correnti parassite. Alcuni di questi materiali sono altamente non-lineari e rispondere a una forza motrice di magneto applicata "piccole" (mmf) con una robusta generazione di flusso magnetico (B) all'interno del materiale. Le curve di magnetizzazione di tali materiali mostrano un'elevata permeabilità relativa (UR) fino a raggiunta il "ginocchio della curva", a quel punto il tuoi diminuisce rapidamente avvicinando unità come saturazione magnetica (Bs) è raggiunto.

 

Alcuni di questi materiali magnetici non lineare, ad alte prestazioni sono indicati come "piazza" a causa della forma delle loro curve di isteresi B-H. Un esempio è il materiale di nucleo nanocristallino FINEMET ® FT - 3H da Hitachi del Giappone. Altri esempi includono Superperm49, Superperm80, SuperMalloy, SuperSquare80, Square50 e Supermendur, che sono disponibili da metalli magnetici negli Stati Uniti.

 

Un "interruttore di riluttanza" è un dispositivo o un mezzo che può significativamente aumentare o diminuire (in genere aumentare) la riluttanza di un percorso magnetico. Idealmente questo avviene in modo diretto e rapido, permettendo un successivo ripristino della precedente riluttanza (in genere più basso), anche in modo diretto e rapido. Un interruttore di riluttanza ha in genere caratteristiche analogiche. Per contro, un interruttore on/off elettrico in genere ha una caratteristica digitale, come non c'è elettricità "bleed-attraverso". Con l'attuale stato dell'arte, tuttavia, riluttanza interruttori si esibiscono alcuni sanguinare-attraverso il flusso magnetico. Interruttori di riluttanza possono essere implementata meccanicamente, tale causa movimento di custode per creare un'intercapedine d'aria, o elettricamente con vari altri mezzi.

 

Una riluttanza elettrica interruttore implementazione utilizza una bobina di controllo o bobine ferita intorno un percorso magnetico o sub-membro che interessa il percorso. Pubblicazione della US Navy, "Navy elettricità ed elettronica serie, modulo 8 - Introduzione agli amplificatori" settembre 1998, pag. 3-64-66-3 descrive come modulare la corrente alternata cambiando la riluttanza del intero percorso magnetico primario di questi mezzi, di cui uno è utilizzato in un reattore saturabile-core e l'altro in un amplificatore magnetico. Pat Flynn, Stati Uniti. N. 6.246.561; Patrick et al., US Pat. N. 6.362.718; Pedersen, US Pat. N. 6.946.938; Marshall e US Patent Application 2005/01256702-A1 tutti divulgare metodi ed apparecchi che utilizzano questo tipo di interruttore riluttanza per il flusso magnetico da un a magnete permanente stazionario o magneti allo scopo di generare energia elettrica (e/o forza motrice) di commutazione.

 

Un altro mezzo elettrico dell'attuazione di un interruttore di riluttanza è la collocazione all'interno del percorso magnetico primario di alcune classi di materiali che cambiano (in genere aumentare) loro riluttanza sull'applicazione dell'elettricità. Un altro mezzo elettrico dell'attuazione di un interruttore di riluttanza è saturare una sub-regione di un percorso magnetico principale inserendo lo svolgimento fili elettrici nel materiale comprendente il percorso magnetico primario. Tale tecnica è descritta da Konrad e Brudny "An migliorato metodo per Virtual Air Gap lunghezza calcolo," in IEEE Transactions on Magnetics, vol. 41, n. 10, ottobre 2005.

 

 

 

Un altro mezzo elettrico dell'attuazione di un interruttore di riluttanza è descritto da Valeri Ivanov della Bulgaria sul sito web www.inkomp-delta.com, mostrato in Fig.1.  Toroide elettrico 110 viene inserito in un percorso magnetico principale (100), affinché il percorso magnetico principale è divisa in due sub-percorsi 110A e 110B.  Un effetto di riduzione del flusso magnetico netto nel percorso magnetico primario 100 risultati dalla combinazione degli effetti nei due sub-percorsi 110A e 110B, ognuno dei quali deriva da principi di fisica differenti.  Nel primo sub-percorso 110A, il flusso magnetico generato applicando corrente elettrica a 110 intorno toroidale percorso 110 avvolgimenti si oppone e sottrae dalla sua porzione di flusso magnetico 103 ricevuto dal percorso magnetico primario 100 ottenendo un ridotto flusso magnetico, che è anche ulteriormente ridotta da una diminuzione nel sub-percorso permeabilità relativa di 110A, aumentando così la riluttanza del percorso secondario.  Il secondo percorso sub- percorso 110B, il flusso magnetico generato applicando corrente elettrica per gli avvolgimenti del toroide 111 aggiunge alla sua porzione di flusso magnetico 103 ricevuto dal percorso magnetico primario 100 ottenendo un maggiore flusso magnetico netto che si avvicina o supera il ginocchio della curva di magnetizzazione del materiale riducendo così la sua relativa permeabilità e aumentando la sua riluttanza.

 

 

RIASSUNTO DELL'INVENZIONE

Questa invenzione è diretto a metodi e apparati dove il flusso magnetico è commutato in direzione e intensità attraverso un percorso di flusso per produrre energia elettrica. L'apparato comprende grosso modo almeno un magnete permanente genera flusso, membro magnetizzabili che formano il percorso di flusso, un conduttore elettrico avvolto attorno al membro magnetizzabili, e una pluralità di flusso interruttori operanti in sequenza, invertire il flusso dal magnete che scorre attraverso il membro, inducendo quindi la corrente elettrica nella bobina.

 

 

L'incarnazione preferito comprende primi e secondo cicli materiali magnetizzabili.  Il primo ciclo ha quattro segmenti nell'ordine A, 1 B, 2, e il secondo ciclo ha quattro segmenti nell'ordine C, 3, D, 4.  Il membro magnetizzabili coppie di segmenti 2 e 4, e il magnete permanente coppie segmenti 1 e 3, tali che il flusso da magnete scorre attraverso segmenti A, B, C, D e il membro magnetizzabili.  Sono disponibili quattro interruttori di flusso magnetico, ognuno controlla il flusso attraverso un rispettivo uno dei segmenti A, B, C, D.  Un controller è operativo per attivare interruttori A-D e B-C in un'alternata sequenza, quindi invertire il flusso attraverso il segmento e indurre elettricità nel conduttore elettrico.  Il flusso che scorre attraverso ogni segmento A, B, C, D è sostanzialmente la metà di quella che scorre attraverso il membro magnetizzabili prima dell'interruttore di attivazione.

 

 

Il loop e membro magnetizzabili preferibilmente sono composti di un materiale nanocristallino esibendo una curva intrinseca di BH sostanzialmente quadrata.  Ogni interruttore di flusso magnetico aggiunge il flusso al segmento che controlla, quindi magneticamente saturando quel segmento quando attivato.  Per implementare gli interruttori, ogni segmento può avere un'apertura formata attraverso esso e una bobina di filo avvolto intorno a una parte di quel segmento e attraverso l'apertura.  Il controller può essere almeno inizialmente operativo a guidare le bobine di interruttore con picchi di corrente elettriche.

 

Il primo e il secondo loop può essere toroidale in forma, e i loop possono essere distanziati oltre uno altro, con un avversario C e 1 avversaria 3 e con B opposti D e 2 opposte 4.   Il membro magnetizzabili preferibilmente in questo caso è un pezzo di materiale separato.  In alternativa, il primo e il secondo loop può una forma "Figura otto", con i due anelli che si intersecano per formare il membro magnetizzabili.

 

Magneti permanenti e il materiale comprendente i percorsi magnetici sono preferibilmente proporzionati tale che il materiale attraverso il segmento comune è uguale o leggermente inferiore sua permeabilità relativa massima prima il materiale conduttivo uscita bobina viene eccitata.  Nelle incarnazioni preferite, il potere derivante dal flusso magnetico commutato produce sostanzialmente più potenza rispetto la potenza necessaria per l'ingresso di commutazione.

 

 

BREVE DESCRIZIONE DEI DISEGNI

Fig.1 è un disegno di un interruttore di riluttanza di anteriorità nella forma di un toroide elettrici inseriti in un percorso magnetico primario;

Fig.2 è un particolare disegno di un interruttore di riluttanza secondo l'invenzione;

Fig.3A e Fig.3B sono i disegni di dettaglio che illustrano l'utilizzo di quattro interruttori riluttanza secondo l'invenzione;

Fig.4 è un disegno che raffigura una preferito incarnazione dell'invenzione;

Fig.5 è un particolare disegno un interruttore riluttanza alternativo secondo l'invenzione attuata attraverso laminazioni di Spalato;

Fig.6A e Fig.6B mostrano il funzionamento di un generatore di energia secondo l'invenzione;

Fig.7A è una vista esplosa di una costruzione di generatore di energia preferito;

Fig.7B è una vista laterale della costruzione indicata in Fig.7A;

Fig.8 è un diagramma schematico semplificato dei componenti utilizzati per simulare l'apparato dell'invenzione;

Fig.9A è un diagramma che mostra la corrente erogata per una coppia di interruttori di flusso nella simulazione;

Fig.9B è un diagramma che mostra la corrente erogata per altri set di interruttori di flusso nella simulazione;

Fig.10 viene illustrato l'output della simulazione mostrata qui; e

Fig.11 è un diagramma a blocchi di un regolatore applicabile all'invenzione

 

 

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELL'INVENZIONE

 

 

Fig. 2 è un disegno dettagliato di un interruttore riluttanza secondo l'invenzione.  L'interruttore riluttanza comprende i seguenti componenti:  Un percorso magnetico chiuso 110 costituito da un materiale magnetico ad alte prestazioni (preferibilmente un materiale non lineare presentante una "ginocchio tagliente" come saturazione si avvicina), attorno al quale è avvolta una bobina 111  La magnetico chiuso percorso 110 parti una sezione comune 101 con un percorso magnetico primario 100, in cui il flusso magnetico 103 è indotta da un magnete permanente (illustrato nei disegni successivi).  La corrente elettrica viene applicata agli avvolgimenti 111 avente una polarità e amperaggio sufficiente in modo che il flusso magnetico generato nel percorso di interruttore 110 è additivo al flusso magnetico 103 dal magnete permanente, in modo tale che il percorso primario 110 approcci o raggiunge la saturazione magnetica.

 

 

Fig.3A e Fig.3B sono i disegni di dettaglio un'apparecchiatura che impiega quattro interruttori riluttanza secondo l'invenzione in un modo simile a quello descritto nella domanda di brevetto statunitense Ser. 11/735, 746 intitolata "Apparecchi Electricity Generating Utilizzando un singolo percorso del flusso magnetico", l'intero contenuto del quale è qui incorporato per riferimento. In questo e in tutti forme di realizzazione qui descritte, la geometria dei percorsi magnetici chiusi può essere circolare (toroidale), rettangolare, o altre forme a percorso chiuso.  Un percorso primario 304 trasporta il flusso dal magnete permanente 302 unidirezionalmente.  Coppie interruttore di flusso 310 A / E e 310 B / D vengono attivate in modo alternato per invertire il flusso nel magnetizzabile membro 304C, inducendo in tal modo la corrente elettrica nell'avvolgimento 330.  Fig.3A mostra il flusso di flusso in una direzione, e spettacoli Fig.3B è invertito.

 

In Fig.3A, interruttori 310A e 310E sono attivati ​​dal controllore 320 in comunicazione elettrica con avvolgimenti su interruttori come attraverso conduttore 322 di avvolgimento 324.  Il flusso supplementare interruttori 310A e 310E sono additivi con il flusso che altrimenti sarebbe presente in segmenti 304A e 304E, saturando così questi percorsi, causando il flusso attraverso segmento 304C di essere nella direzione indicata.  In Fig.3B, interruttori 310B e 310D sono attivati​​, saturando i segmenti 304B e 304D, e invertendo il flusso.

 

 

Fig.4 è un disegno che illustra una forma di realizzazione dell'invenzione utilizzando toroidi circolari 400, 401 e più magneti permanenti 402, 403 disposto nel percorso primario 404.  I due toroidi 400, 401 intersecano, formando membro magnetizzabile 404E.  Una bobina 430 è avvolta attorno al 404E membro, come mostrato.

 

Il percorso magnetico primario 404 interconnette l'estremità superiore del ciclo 400 e l'estremità inferiore del ciclo 401.  Uno dei magneti, 402, coppia un'estremità del percorso magnetico primario 404 per il primo ciclo 400, e un altro, 403, coppie dall'altra fine del percorso magnetico primario 404 al secondo ciclo 401.

 

In questo, e tutte le forme di realizzazione qui descritte, i magneti permanenti sono forti, magneti di terre rare, e più magneti di qualsiasi lunghezza (spessore) possono essere usate in ogni caso.  Inoltre, in tutte le forme di realizzazione, i loop, percorso magnetico primario e / o membro magnetizzabile sono preferibilmente realizzati con un materiale ad alta permeabilità magnetica come il nanocristallino materiale magnetico dolce FINEMET FT-3H disponibile da Hitachi. L'invenzione non è limitata a questo riguardo, tuttavia, come si possono utilizzare materiali alternativi, compresi i materiali laminati,.

 

Le connessioni del percorso magnetico primario 404 ai due anelli 400, 401 creare quattro segmenti a parte l'elemento magnetizzabile 404E, quattro segmenti di cui due segmenti avversaria A, B nel primo ciclo su entrambi i lati del magnete 402, e le due opposte segmenti C, D nella seconda ansa su entrambi i lati del magnete 403.

 

Quattro interruttori di flusso magnetico sono ottenute, ciascuna essendo operativo per controllare il flusso attraverso un rispettivo dei quattro segmenti.  Un controllore 420 è operativo per attivare gli interruttori associati con segmenti A e D, e poi B e C, alternativamente, invertendo così il flusso attraverso la 404E membro e così, inducendo corrente elettrica in bobina 430.

 

 

 

Le aperture possono essere formate attraverso ciascuno dei quattro segmenti, con gli interruttori attuate dalle bobine 410A a 410D che passano attraverso le aperture e attorno una porzione esterna (o interna) di ogni segmento.  Come mostrato in Fig.5, se gli anelli sono fabbricati con materiale laminato 502, i lamierini possono essere divisi in 506 per accogliere bobina 504.  La percentuale del segmento circondato dalla bobina può variare in base al materiale utilizzato, le forme d'onda presentati alle bobine, e altri fattori, con l'obiettivo di far saturare magneticamente ogni segmento attraverso l'attivazione dell'interruttore associato, invertendo così il flusso attraverso il percorso 404E.

 

 

Fig.6A e Fig.6B mostrare il funzionamento dell'apparecchiatura di Fig.4.  Il percorso primario 404 trasporta il flusso da magneti permanenti 402 e 403 unidirezionalmente.  Riluttanza passa 410A a 410D sono attivati alternativamente per invertire il flusso nel segmento 404E che, a sua volta, induce corrente elettrica nell'avvolgimento 430.  Fig.6A mostra il flusso di flusso in una direzione, e Fig.6B mostra che scorre nella direzione opposta.

 

In Fig.6A, interruttori 410A e 410D sono attivati dal controllore 420 in comunicazione elettrica con avvolgimenti su interruttori, ad esempio attraverso conduttori 422 per passare 410B.  Il flusso è fornito da interruttori 410A e 410D, saturando così questi percorsi, causando il flusso attraverso segmento 404C di essere nella direzione indicata.  In Fig.6B, interruttori 410B e 410C sono attivati​​, saturando i segmenti 404B e 404D, invertendo così il flusso attraverso il percorso 404E.

 

 

Fig.7A raffigura una realizzazione preferita del dispositivo illustrato in Fig.4, Fig.6A e Fig.6B.  Loop 400 e 401 sono implementati come toroidi completi 700, 701.  Ciò è importante, poiché materiali magnetici ad alte prestazioni preferite sono attualmente disponibili in forme regolari di questo tipo.  Si noti che, in questo caso, asole curve quali 770 sono formati attraverso i lati di ogni toroide per attuare interruttori flusso da A a D. L'elemento magnetizzabile in questa realizzazione è implementato con un blocco di materiale 704, preferibilmente lo stesso alto rendimento magnetico materiale usato per costruire loop 400, 401.  Magnete permanente 702, mostrato a 702, ha preferibilmente la stessa lunghezza di blocco 704, abilitare le varie parti costituenti essere tenuto insieme con la compressione, mostrato in Fig.7B.

 

Le sezioni seguenti riassumono alcune delle caratteristiche importanti delle realizzazioni preferite:

In termini di materiali, i benefici apparecchi dall'uso di materiale nanocristallino con un "Square" curva BH intrinseca, un elevato Br (rimanenza) che è circa 80% del suo B (saturazione), una bassa Hc (coercitività), e un veloce tempo di risposta magnetica a saturazione. Un esempio è FineMet FT-3H da Hitachi del Giappone, che ha un Br di 1.0 Tesla, una B (saturazione) di 1.21 Tesla, un tempo di saturazione (Bs) di 2 usec, e Hc di -0,6 amp-giri / metro.

 

Magneti permanenti moderni sono utilizzati con una curva BH intrinseca quadrato, un Br nell'intervallo 1,0 Tesla o più, e alta Hc nell'intervallo -800.000 amp-turns/meter o più. Un esempio è il magnete NdFeB da parte della società tedesca VAC, che ha un Br di 1.427 Tesla e un Hc di -1.079.000 amp-turns/meter.

 

Una considerazione importante è la corrispondenza del magnete al materiale nanocristallino, sia nella valutazione Tesla e in sezione trasversale. Br del magnete deve essere inferiore alle B del materiale nanocristallino. Se il magnete è troppo "forte" per il materiale nanocristallino, puo causare il materiale nanocristallino per saturare nella zona di contatto con il magnete.

 

La corrente di pilotaggio degli interruttori riluttanza nella prescritto 2 × 2 sequenza dovrebbe avere un forte aumento del bordo d'attacco (Tr) di ciascun impulso con una larghezza di impulso (Pw) e valore ampere che vengono sostenute finché rilasciato alla fine della larghezza di impulso (Tf). La seguente tabella mostra gli effetti della corrente di ingresso tempi di salita impulso (Tr) sull'uscita. Esiste una stretta fascia di Tr, prima che ci sia piccola potenza, in cui ci sono ottimi livelli di potenza e COP nell'intervallo da 200 a 400 o superiore, e dopo che non esiste una notevole aumento di potenza. Il COP di questo dispositivo senza il circuito di accoppiamento è definito come "Potenza di uscita / Drive Power" per gli interruttori.

 

 

 

 

 

I Generatori di Immobili di Heinrich Kunel

Mentre Richard Willis di Magnacoaster in Canada, è andato commerciale con i suoi generatori, rendendo ciascuno del generatore uscite multipli di 12V 100A, un sacco di informazioni molto interessanti precedenti può essere trovato nel 1982 brevetto di Heinrich Kunel. Il brevetto descrive quattro configurazioni separate del suo disegno di base, un design che sembra molto molto come quello utilizzato da Richard Willis. Ecco una traduzione tentata del brevetto Kunel che è in tedesco::

 

 

BREVETTO: DE3024814                        28 Gennaio 1982                        Inventore: Heinrich Kunel

 

PROCEDURE  E  DISPOSITIVI  PER  LA  PRODUZIONE  DI  ENERGIA

 

Numero domanda: DE19803024814 19800701

Priorità numero (i): DE19803024814 19800701

Classificazione IPC: H02N11/00 CE Classificazione: H02K53/00

 

DESCRIZIONE

L'invenzione riguarda procedure e dispositivi per la produzione di energia, che converte il flusso magnetico da magneti permanenti, senza necessità di rotary, o qualsiasi altra forma di movimento, in temporalmente variabile flusso indotto e producono grandi fluttuazioni di flusso magnetico indotto in corrente elettrica, senza la necessità di un circuito termale, o coppia o un processo chimico e in maniera tale che la corrente elettrica è amplificata.

 

I problemi di energia del nostro tempo sono sufficientemente ben noti nel mondo professionale. La trasformazione delle forme convenzionali di energia primaria in energia tecnicamente utilizzabile è relativamente costose. Inoltre, facendo questo, preziosi e mai scarseggia crudo materiali vengono distrutte e inquinanti sono accumulati, inquinanti che sono in grado di causare la fine dell'umanità.

 

Al fine di ridurre o evitare questi ed altri inconvenienti durante la produzione di energia, è suggerito secondo questa invenzione, che per la produzione di corrente elettrica per induzione, nessuna coppia è usato, ma al contrario, il flusso magnetico da magneti permanenti viene convertito in un flusso indotto con ampie variazioni rapide, per esempio in un flusso indotto velocemente cambiano o palpitazione, che può generare una corrente elettrica.

 

In conformità con questa invenzione, uno proventi l'allestimento base dove un magnete permanente è collegato a un nucleo di ferro tramite uno o entrambi i suoi pali, il nucleo costituito, ad esempio, ferro, Dinamo ferro ferro puro o amorfo o qualsiasi materiale adatto simile che ha poco o nessun perdite di nucleo.

 

Seguendo la procedura di questa invenzione se, ad esempio, un polo di una barra di magnete tocca un nucleo di ferro ed è allineato con l'asse longitudinale di quel nucleo, quindi magnete e il nucleo di agire come un magnete.

 

Durante questo processo di magnetizzazione iniziale del nucleo un flusso magnetico scorre nel nucleo, che induce una corrente in un circuito di conduttore che circonda il nucleo.

 

Se, oltre a magnete permanente, una bobina è avvolta intorno al nucleo e disposti in modo tale che una corrente che scorre in quella bobina interamente o parzialmente interrompe il flusso magnetico che scorre attraverso il nucleo, quindi questo provoca un'altra modifica del flusso magnetico passando attraverso una bobina avvolta intorno al nucleo.

 

Se questa interruzione del flusso che scorre dal magnete permanente è grande e ha la forma d'onda della corrente alternata, una corrente pulsante è indotta nella bobina avvolta intorno al nucleo.

 

Con corrente alternata in ingresso alla bobina modificatore flusso magnetico avvolto su nucleo accanto il magnete, la bobina riceve due cambi di direzione flusso corrente per un ciclo di AC, e così il flusso magnetico proveniente dal magnete permanente è interrotta una volta e rilasciato una volta durante ogni ciclo di potenza in ingresso. In questo modo, viene generata una palpitazione corrente indotta nella bobina uscita causata da palpitazione flusso magnetico nel nucleo.

 

Si è constatato che il flusso indotto da un magnete permanente raggiunge il suo pieno iniziale valore di densità di flusso magnetico nel nucleo anche presso l'estremità libera del nucleo magnetico di ferro dolce, anche se ci sono parecchie bobine di induzione ogni con lo stesso numero di giri e il conduttore di sezione trasversale sono adatti come in una flusso magnetico modifica bobina avvolta su nucleo, senza modificare la forza della densità di flusso magnetico o la rimanenza del magnete permanente.

 

Il magnete permanente non è smagnetizzato quando viene utilizzato per fornire il flusso nel nucleo, nessuna energia è estratta da esso, a differenza di un nucleo elettromagnetico, cui avvolgimenti richiedono più corrente di funzionamento di quella prodotta come uscita. Con un nucleo elettromagnetico, come gran parte corrente di ingresso è richiesto, come è indotta nell'output di avvolgimento, corrispondenti ai rapporti del trasformatore ben noto. Pertanto è importante per produrre il flusso di induzione utilizzando un magnete permanente.

 

Dopo il sistema primario di base, si può costruire ad esempio generatori di energia lineare o generatori di energia cerchio o altre derivanti o adatti tipi e forme di generatori di energia, senza la necessità di un rotore o uno statore o tali sezioni mobili o coppia fornendo nel generatore.

 

L'invenzione è progettato in modo da rendere il controllo di frequenza regolato con mezzi elettrici affinché il flusso interno di induzione nel nucleo generatore è essenzialmente causato dal campo magnetico del magnete permanente.

 

 

Nei disegni costruttivi esempi sono schematicamente rappresentati secondo l'invenzione:

 

Fig.1 indica un generatore di energia lineare a sezione longitudinale.

 

 

 

 

Fig.2 viene illustrato un generatore di energia lineare nello stato istantaneo della trasmissione del flusso del magnete permanente al nucleo generatore ad induzione e

 

 

 

 

Fig.3 rappresenta un generatore di energia lineare al momento dell'interruzione dal flusso indotto;

 

 

 

 

 

Fig.4 illustra un generatore di impulsi di energia statica con un circuito magnetico chiuso al momento della trasmissione del flusso del magnete permanente al blocco nucleo generatore di induzione,

 

 

 

 

 

Fig.5 è un diagramma schematico del modo funzionale in cui il processo di feedback opera in un sistema secondo la presente invenzione,

 

 

 

 

 

 

 

Fig.6 viene illustrato un generatore di energia lineare doppia con alcuni dei suoi sub-elementi e

 

 

 

 

 

Fig.7 viene illustrato un generatore di energia, secondo la presente invenzione, con funzionamento pulsante ciclico e con alcuni dei suoi sub-elementi in e presso il circuito di energia.

 

 

 

 

 

 

Il generatore di energia lineare illustrato nella sezione trasversale in Fig.1, è costituito da una barra permanente magnete 1 con un nucleo di ferro dolce generatore magnetico 2, che può essere un pezzo unico, o, come illustrato di seguito, diviso in due sezioni.  La bobina di modificazione del flusso magnetico non è direttamente collegata al magnete permanente 1, così che il magnete permanente 1 non è sottoposto a campi alternati prodotti dalla bobina flusso magnetico modifica 3.

 

Il nucleo generatore 2, seguendo il flusso magnetico modifica bobina 3, ci sono parecchie bobine di uscita 4. Un'intercapedine d'aria 6 serve come un cancello o un interruttore per il flusso magnetico proveniente dal magnete permanente 1 e il flusso di induzione magnetica per le bobine di induzione 4.

 

 

Con questa disposizione, una corrente alternata applicata alla bobina di modifica flusso magnetico 3 è utilizzata per produrre un campo magnetico alternato nel traferro 6, affinché, come chiaramente illustrato in Fig.2, con ogni fase della corrente alternata il flusso magnetico indotto 5 è diretto in primo luogo per il core 2 e poi contro il magnete permanente 1, come mostrato in Fig.3, causando il flusso magnetico 5 indotto nel nucleo 2 di magnete permanente 1, viene interrotto totalmente o parzialmente e quindi sperimenta una modifica che varia con il tempo.

 

 

Se una corrente alternata viene fornita per la modifica del flusso magnetico della bobina 3 ad esempio con una frequenza di 50 Hz, quindi il flusso indotto 5 in core 2 esperienze cento modifiche al secondo, che induce negli avvolgimenti induzione 4 una palpitazione corrente 14 che ha 50 valori massimi positivi al secondo.

 

 

 

Fig.2 illustra che sul nucleo generatore 2 che diversi avvolgimenti induzione 4 sono feriti, che corrispondono al numero di giri con stesso diametro del filo utilizzato nella bobina di modifica flusso magnetico 3.

 

Il magnete permanente 1 non richiede nessuna corrente elettrica per produrre il flusso magnetico e ciononostante ha alla sua estremità Polo Nord N del nucleo 2 la stessa saturazione magnetica, come prodotto da più numero di spire della bobina di induzione 4 di Fig.2 o in una bobina continua 4 come mostrato in Fig.3, riceve una versione più dell'ingresso attuale che è necessaria per l'eccitazione della bobina flusso magnetico modifica 3.

 

Dalla fonte di alimentazione 9 i flussi di correnti energizzanti per il generatore di impulsi 10, l'amperometro 1-amp 20 consente di visualizzare l'intensità della corrente elettrica.  Il corrente indotta 7 o la palpitazione corrente 14 viene aggiunto tramite connessioni 11,1 e si misura con l'amperometro 10 amp 20,2.  Il raddrizzatore 15 (non mostrato) produce palpitazione corrente continua che è lisciato e fornito come output CC 18, tramite filo 21 al caricabatteria 25, che fornisce l'input per la fonte di alimentazione 9.

 

 

L'interruzione del flusso magnetico dal cambiamento di direzione della corrente alternata, necessari per la modifica di ripetute di flusso ad induzione 5, è mostrato in Fig.3.  Quando viene interrotto il flusso di induzione 5, il filo bobina(s) 11.2 è negativo in quell'istante.  Filo 21 fornisce il collegamento con la potenza di uscita (non mostrato) e la fonte di alimentazione in ingresso 9.

 

 

 

 

Fig.4 Mostra un'incarnazione del disegno sopra che utilizza un magnete permanente a U 1 e un nucleo generatore a forma di U 2 che ha le sue due estremità rivolta verso i poli del magnete permanente 1.  Avvolto intorno a due strette intercapedini 6 e il proprio nucleo stretto, è una modificazione di flusso magnetico bobina 6.6.

 

Fig.4 Mostra lo stato istantaneo, quando il flusso magnetico 5 viene trasferito dalla modifica il flusso magnetico della bobina 3 nel core generator 2 formando un circuito magnetico chiuso 24.  Il flusso magnetico modifica bobina 3 qui ha un core 6.6, che rende e interrompe il passaggio del flusso magnetico 5 tra due strette intercapedini 6 dal magnete permanente 1 al nucleo generatore 2 che ha le bobine di induzione 4, in modo che ogni impulso di flusso ad induzione 5 induce una corrente negli avvolgimenti induzione alternativamente 4.  Così una palpitazione corrente risulta che è parecchie volte più grandi di input corrente energizzante.

 

Quando si modifica la direzione del flusso di corrente nel nucleo magnetico ferro dolce 6.6 del flusso magnetico modifica bobina 3, allora a quel tempo, il flusso magnetico 5 dei flussi magnete permanente 1 sopra il blocco di ferro guida 1.1 e scorre lungo i sentieri 5.5 e 5.1 per il polo sud del magnete permanente 1 o all'equilibrio le lacune di aria tra il polo nord del blocco di ferro guida 1.1 e il polo sud del permanente magnete 1.  La linea tratteggiata 5.5 dal polo nord al polo sud attraverso il blocco di ferro guida 1,1 raffigurano il flusso magnetico quando è impedito di viaggiare attraverso il nucleo generatore 2.

 

Questo orientamento del flusso magnetico 5 impedisce il flusso di perdita inserendo il nucleo generatore 2 e così la massima RMS della corrente indotta è raggiunto, come generatore di core 2 è senza eccitazione magnetica. 

 

Nota PJK: ho difficoltà nell'accettare questo come la bobina di eccitazione apparisse per produrre un flusso magnetico equivalente nel telaio a U 2 come si blocchi il flusso del magnete permanente passando attraverso le intercapedini tra magnete 1 ed elettromagneti 3, e per rendere le cose peggio, il flusso magnetico scorre circa mille volte più facilmente attraverso il ferro dolce che attraverso l'aria.  Tuttavia, sappiamo che modulano il flusso da un magnete permanente con il campo magnetico di una bobina è molto efficace nella produzione di COP > 1 come ha dimostrato la replicazione indipendente del telaio magnetico di Lawrence Tseung coperto in questo capitolo.

 

Il seguente diagramma schematico Fig.5, Mostra la sequenza del processo ciclico per esempio in un generatore di energia secondo Fig.4.

 

 

Il pulsante corrente dalla fonte di alimentazione 9 o corrente alternata 12 dalla rete elettrica 23 attraversa filo 13 per il flusso magnetico modifica bobina 3 e produce una palpitazione induzione 7 corrente o corrente continua palpitazione 14, che viene convertito dal raddrizzatore 15 per lisciare corrente continua 16 che viene passato al regolatore di tensione 17, e poi su come corrente 16 ora alla tensione desiderata, sopra la CC uscita 18 e per il trasformatore di corrente 10, da che ha ricevuto 12 corrente alternata è portato a CA uscita 19 e accoppiato di collegamento CA 22 con l'input di potere-griglia 23, per cui l'uscita CA 19 può essere fornito con corrente da rete elettrica- o dall'uscita del generatore di energia elettrica.

 

 

Fig.6 presenta un doppio generatore lineare secondo l'invenzione.  Su un magnete permanente preferibilmente rettilinea sono montati generatore Core 2 di ferro Dinamo ai suoi due poli. Il flusso magnetico modifica bobina 3 ottiene il relativo funzionamento corrente dalla fonte di alimentazione 9 attraverso un trasformatore di corrente o da generatori di impulsi 10 alimentati dal circuito di eccitazione 13.  Attraverso appropriati avvolgimenti 4 può essere ottenuta un'uscita di corrente continua o corrente alternata.

 

Palpitazione 14 corrente dal circuito corrente di induzione 11 è lisciato e passato all'uscita CC 18 e la fonte di alimentazione in ingresso 9.

 

 

 

Una versione alternativa del sistema secondo l'invenzione è mostrata in Fig.7.  Questo è anche un produttore di energia immobile, anche se ha un arrangiamento ciclico e la funzione.  In questo generatore non ci sono sezioni mobile come un rotore e il flusso di induzione 5, come l'induzione di correnti 7, si sviluppa da un flusso di induzione ciclicamente palpitazione.

 

Il magnete permanente 1 è inserito in un nucleo generatore circolare 2.  Le bobine di modificazione del flusso magnetico 3 possono essere azionate con palpitazione 14 corrente diretta o come qui con corrente alternata 12. Ad esempio, il corrente continua 16 di alimentazione 9 è condotto in un trasformatore di corrente 10 convertita in corrente alternata e immessa nella circuito eccitatore 13.

 

La modifica del flusso magnetico bobine vengono creati in modo che il valore massimo positivo della corrente alternata 12 apre e supporta il naturale flusso del magnete permanente di flusso 5 passando dal Polo Nord-polo sud attraverso il nucleo generatore circolare 2 per formare un circuito magnetico chiuso 24.

 

Se le bobine di modificazione del flusso magnetico 3 su entrambi i lati del magnete permanente 1 portano il massimo valore negativo della corrente alternata 12, quindi il naturale flusso magnetico nel nucleo generatore 2 è ristretto dal flusso di induzione muoversi nella direzione opposta in bobine di modifica il flusso magnetico 3 e questo interrompe il flusso magnetico 5 totalmente o parzialmente.

 

Nel caso di modifica temporaneamente grande di questa sequenza nella bobina 4 è causata una palpitazione corrente 14, che è guidato da induzione circuito 11 al raddrizzatore elettrico 15, in cui la corrente continua palpitazione 14 è ridotto a una corrente CC liscia.  Il corrente continua 16 può essere passato all'uscita CC 18 e l'ingresso alimentazione 9 e il trasformatore di corrente 10 quali forniture CA uscita 19 e CA per le bobine di modificazione del flusso magnetico 3.

 

Se il flusso di induzione 5 è limitato nel nucleo 2 di bobine di modifica il flusso magnetico 3, quindi si produce una corrente alternata con un più piccolo valore massimo negativo e il valore medio aritmetico durante l'un periodo sposta a zero.

 

Secondo questa invenzione in un processo ciclico è creato un cerchio di energia, con l'eccedenza di energia considerevole per il rifornimento delle varie uscite anche per quanto riguarda il mantenimento del funzionamento di questo sistema.

 

Secondo questa invenzione, evitando la necessità di coppia, lo stesso effetto di induzione è ottenuto le bobine di modificazione del flusso magnetico e l'uso di magneti permanenti nella generazione di energia, come con i generatori convenzionali che usano la trasformazione della coppia in elettricità, per cui tuttavia, il valore energetico della coppia è maggiore del valore di energia dell'elettricità che questo generato.

 

Si è constatato che da ciascun polo del magnete permanente alle due estremità di un nucleo generatore a forma di U, uno del flusso magnetico modifica o orientamento bobine con o senza nucleo per la trasmissione dell'induzione magnetica flusso deve essere designato in modo tale che, alternando il flusso di induzione, che è causato dal magnete permanente ad esempio nel ritmo della fase di modifica di una frequenza di corrente alternata dell'energizzante attuale nucleo generatore è costantemente commutabile, come il Polo Nord sarà trasferito alternati a uno e l'altra estremità aperta del nucleo e le bobine similarmente che conduce al nucleo di s poli del magnete permanente chiudere il circuito magnetico reversibile nel nucleo con ogni impulso di corrente, che è causata da un magnete permanente.

 

In questo modo il flusso di induzione nel nucleo sperimenta il suo cambiamento di direzione del flusso desiderato e produce negli avvolgimenti di uscita del generatore di corrente alternata della stessa frequenza come quelli della corrente energizzante, tuttavia con frequenza identica a quella dell'ingresso corrente di eccitazione.

 

Poiché il flusso di induzione di palpitazione o reversibile è causato da un magnete permanente, corrente elettrica non è necessaria per la sua produzione anche per tutta la durata del nucleo generatore e suoi avvolgimenti di uscita, perché l'eccitazione del nucleo magnetico reversibile avviene indirettamente, in ogni caso o direttamente tramite un magnete permanente, cui rimanenza viene modificato dall'eccitazione magnetica del nucleo generatore secondo l'invenzione.

 

Il sistema di invenzione per produzione di energia e produttore di energia può essere estremamente efficiente per esempio nel funzionamento ad alta frequenza con operazione di impulso di corrente continua controllato elettronicamente e può produrre un multiplo della corrente di ingresso necessari ed elettricità essere prodotta in questo modo, viene prodotto senza materiale utilizzato e senza un circuito termale o una coppia sia necessario.

 

Se diversi di questi generatori sono sovrapposte laureato aumento dimensioni ad esempio in una serie dove il secondo generatore riceve l'output completo dal primo e terzo generatore riceve l'output completo del secondo, poi con un moltiplicatore di potenza di 10 per ogni generatore, generatore di sesto nella catena avrà una prestazione di 1000 MW se c'è una 1000 W potenza in ingresso al generatore primo (e più piccolo) all'inizio della serie.

 

Così è possibile sostituire tutte le energie primarie ben note e le procedure di conversione dell'energia con i sistemi e i generatori di energia secondo l'invenzione, per tutto il futuro su economico in energia elettrica a causa dei loro costi elevati, poiché questi non può operare in qualsiasi modo da remoto come economicamente, come è possibile con i dispositivi di questa invenzione.

 

 

Il Generatore Immobile di Valeri Ivanov

Ci sono altri dispositivi che hanno quello che sembra essere un traferro molto importante in una cornice magnetica. Uno di questi è stato visualizzato su un sito bulgaro e sulla pagina web che si trova a http://www.inkomp-delta.com/page3.html, creato da Valeri Ivanov nel 2007. Valeri vive a Elin Pelin, Bulgaria e suo generatore di immobile ha COP = 2.4 prestazioni. Video:

http://www.youtube.com/watch?v=7IP-buFHKKU  e

http://www.youtube.com/watch?v=npFVaeSbk1Q sono per il suo design, e sembra che sta per iniziare la produzione commerciale nel Maggio 2014: http://www.inkomp-delta.com/index.html.

 

È dimostrato che un efficace dispositivo può essere creato da un magnete permanente, un toroide e un giogo di ferro laminato. La disposizione è visualizzata come questo:

 

 

Quando la bobina di ingresso è pulsata con una tensione in ingresso, provoca un'inversione di flusso nella cornice attorno al quale è avvolta la bobina di uscita, generando un'uscita elettrica.

 

C'è un altro forum relativo a questo e il meglio conosciuto MEG di Tom Bearden s che può essere trovato alla http://tech.groups.yahoo.com/group/MEG_builders/message/1355 dove quel particolare messaggio afferma che il dispositivo di Valeri può essere fatto funzionare a frequenze da 50 Hz e possibile utilizzare i componenti del telaio di ferro laminato standard e produce Coefficient Of Performance figure fino a 5.4 (ovvero la potenza di uscita è più di cinque volte la potenza in ingresso). Un video dimostrativo è presso http://inkomp-delta.com/page10.html ma non è in inglese. Potrebbe essere che per funzionare bene, le esigenze di MEG che una bobina di ingresso molto stretto con un'intercapedine d'aria su ogni lato di esso e lo stesso può anche applicano alla cornice magnetica di Lawrence Tseung illustrato in precedenza in questo capitolo.

 

 

 

 

I Generatori di Immobili di Kelichiro Asaoka

Kelichiro Asaoka ricevuto il brevetto US 5.926.083 circa due anni prima che il noto brevetto MEG di Tom Bearden e dei suoi collaboratori. Personalmente, trovo difficile capire come il brevetto MEG (in appendice) potrebbe essere stata premiata quando il brevetto Asaoka era già in atto. Tuttavia, qui è la maggior parte del contenuto del brevetto Asaoka:

 

 

Brevetto US 5.926.083         20 luglio 1999      Ideatore: Kelichiro Asaoka

 

Static dinamo magnete per generare forza elettromotrice basato sulla

modifica densità di flusso di un percorso magnetico aperto

 

 

ASTRATTO

Una dinamo magnete statico incluso almeno un magnete permanente, avendo diversi poli; un primo nucleo composto da un morbido materiale magnetico e che accoppia i diversi poli del magnete permanente per formare un percorso magnetico chiuso; un secondo nucleo composto da un morbido materiale magnetico che le coppie nel percorso magnetico chiuso tramite un materiale paramagnetico per formare un percorso magnetico aperto; una bobina magnetizzata avvolta intorno a una parte del primo nucleo dove si forma il percorso magnetico chiuso; e una bobina di induzione è avvolto da una porzione del secondo nucleo.  Una direzione di flusso del percorso magnetico chiuso viene modificata applicando una tensione alternata alla bobina magnetizzata, generando una forza elettromotrice nella bobina di induzione elettromagnetica dovuta cambia in un flusso di percorso aperto magnetico indotto dal cambiamento nella direzione del flusso del percorso magnetico chiuso

 

 

CAMPO DELL'INVENZIONE

Questa invenzione si riferisce ad una dinamo che genera forza elettromotrice di induzione elettromagnetica, cambiando il flusso passa attraverso una bobina di induzione. Più in particolare, questa invenzione si riferisce ad una dinamo magnete statico che cambia i magneti che passano attraverso una bobina di induzione senza trasformare l'armatura o elettromagnete.

 

DISCUSSIONE DI SFONDO

Dinamo attualmente in uso pratico è progettati per generare forza elettromotrice di induzione elettromagnetica cambiando il flusso passa attraverso una bobina di induzione. Dinamo che genera potenza in questo modo vengono in un'ampia varietà, che vanno dai grandi modelli utilizzati nelle centrali idroelettriche, termiche o atomici a modelli piccoli come piccole Dinamo con un motore diesel.

 

In tutti i modelli di Dinamo sopra menzionati, l'armatura e l'elettromagnete sono girati, per modificare il flusso passa attraverso la bobina di induzione, generando così la forza elettromotrice nella bobina di induzione elettromagnetica. Per esempi, l'armatura e l'elettromagnete sono trasformati mediante la coppia di una turbina dell'acqua nella generazione di energia idroelettrica, la coppia della turbina a vapore nella generazione di energia termica e atomico e la coppia del motore diesel in piccole Dinamo.

 

Svantaggi:

Dinamo che genera forza elettromotrice di induzione elettromagnetica, come già accennato è progettato in modo che, indipendentemente dalla dimensione della Dinamo, l'armatura e l'elettromagnete sono rivolti per cambiare il flusso passando la bobina di induzione. Questi Dinamo sono svantaggiosi, in quanto la svolta ha detta dell'armatura ed elettromagnete genera vibrazioni e rumore.

 

 

OGGETTI DELL'INVENZIONE

Lo scopo di questa invenzione è di fornire una dinamo magnete statico privo di qualsiasi mezzo di coppia che dà o altra parte mobile per eliminare le vibrazioni e rumore, al fine di risolvere i vari problemi sopra menzionati.

 

Per risolvere i problemi di cui sopra, questa invenzione è composta come di seguito descritto.

 

La Dinamo magnete statico coinvolta in questa invenzione è costituito da almeno un magnete permanente, un primo nucleo composto da un morbido materiale magnetico che formano un percorso magnetico chiuso accoppiando i diversi poli del magnete permanente ha detto, un secondo nucleo composto da un morbido materiale magnetico che formano un percorso magnetico aperto di essere accoppiato al percorso magnetico chiuso tramite un materiale paramagnetico, una bobina magnetizzata ferita intorno una parte costituita da solo il percorso magnetico chiuso del primo nucleo e una bobina di induzione ferita intorno al nucleo secondo.  Il punto di questa invenzione è di generare forza elettromotrice nella bobina di induzione elettromagnetica cambiando la direzione del flusso del percorso magnetico chiuso, applicando una tensione alternata alla bobina magnetizzata e modificando il flusso del percorso magnetico aperto indotto da cambiamenti nella direzione del flusso del percorso magnetico chiuso.

 

 

Effetti:

Nella configurazione di cui sopra, la Dinamo magnete statico coinvolta in questa invenzione è costituito da un primo nucleo costituito da un magnete permanente e un percorso magnetico chiuso, un secondo nucleo, costituito da un percorso magnetico aperto tramite un materiale paramagnetico, una bobina magnetizzata avvolto intorno alla parte costituita solo il percorso magnetico chiuso del primo nucleo e una bobina di induzione avvolto intorno il secondo percorso magnetico.  La Dinamo è così progettata in modo da generare una forza elettromotrice in bobina di induzione di forza elettromagnetica cambiando la direzione del flusso del primo nucleo applicando una tensione alternata alla bobina magnetizzata e cambiando il flusso del nucleo secondo indotta da cambiamenti nella direzione del flusso del primo nucleo.

 

Questo rende possibile per cambiare il flusso passa attraverso la bobina di induzione senza un mezzo di coppia che dà o altre parti in movimento e per generare forza elettromotrice nella bobina di induzione elettromagnetica, permettendo così la generazione di energia senza provocare vibrazioni o rumori.  Questo Dinamo può essere ridimensionato e messi a disposizione a prezzi bassi.

 

Altre caratteristiche e benefici di questa invenzione si farà chiaro dalla descrizione data sotto con schemi collegati.

 

 

BREVE DESCRIZIONE DEI DISEGNI

Un apprezzamento più completo dell'invenzione e molti dei loro vantaggi operatore sarà prontamente ottenute come lo stesso diventa più comprensibile per il riferimento alla seguente descrizione dettagliata quando considerato in relazione con i disegni di accompagnamento, dove:

 

 

Fig.1 rappresenta una configurazione di base di una dinamo magnete statico con un percorso magnetico aperto coinvolto in questa invenzione.

 

 

 

 

 

Fig.2 rappresenta come un flusso nella direzione opposta a quella di un magnete permanente, in genere si verifica nella bobina magnetizzata.

 

 

Fig.3 rappresenta come un flusso nella direzione opposta a quella di un magnete permanente in genere scompare dalla bobina magnetizzata.

 

 

Fig.4 rappresenta un flusso nella stessa direzione come quello del magnete permanente come si verifica in genere nella bobina magnetizzata.

 

       

 

Fig.5 una prima incarnazione della Dinamo magnete statico è coinvolto in questa invenzione.

 

 

Fig.6 una seconda incarnazione della Dinamo magnete statico è coinvolto in questa invenzione.

 

 

Fig.7 una terza incarnazione della Dinamo magnete statico è coinvolto in questa invenzione.

 

 

Fig.8 una quarta incarnazione della Dinamo magnete statico è coinvolto in questa invenzione.

 

 

FIG. 9 è una quinta incarnazione con un percorso magnetico aperto.

 

 

Fig.10 una configurazione di base di una dinamo magnete statico con un percorso magnetico chiuso è coinvolto in questa invenzione.

 

 

Fig.11 una prima incarnazione della Dinamo magnete statico con un percorso magnetico chiuso è coinvolto in questa invenzione.

 

 

DESCRIZIONE DELLE INCARNAZIONI PREFERITE

Riferendosi ora ai disegni, in cui come riferimento numeri designare parti identiche o corrispondente in tutto le opinioni diverse, e più in particolare a Fig.1 dove c'è illustrata una configurazione di base della Dinamo magnete statico con un magnete permanente. Fig. 2, 3 e 4 descrivere come la Dinamo magnete statico rappresentata in Fig.1 genera energia.

 

 

Come indicato nelle figure, il primo nucleo 2 formata a coppia il magnete permanente 1 e i diversi poli del magnete permanente 1 in modo anulare, costituisce un percorso magnetico chiuso.  Questa chiusura magnetica percorso è poi dotata di un secondo nucleo 3 tramite un materiale paramagnetico 10 μm di spessore 5 mm.  Ciò provoca la formazione di un percorso aperto magnetico costituito da un magnete permanente 1, parte di un primo nucleo 2, un materiale paramagnetico e un secondo nucleo 3.  La parte costituita solo il percorso magnetico chiuso del primo nucleo 2 è avvolto attorno con una bobina magnetizzata 4.  Il secondo nucleo 3 è poi avvolto con una bobina di induzione 5 progettato per generare forza elettromotrice di induzione elettromagnetica.

 

Qui, il magnete permanente 1 è un magnete con un'alta densità di flusso residua, una grande forza coercitiva e un prodotto di grande energia massima per una maggiore efficienza di generazione di potenza.  Tipici materiali usati qui sono il magnete del neodimio ferro boride (Nd2Fe14B), magnete di Samario Cobalto (Sm2Co17) o nitruro di ferro samario (Sm2Fe17N2).

 

Il primo nucleo 2 e il secondo nucleo 3 sono costituiti da un morbido materiale magnetico, avendo un'alta permeabilità, con iniziale alto, massimo e altri livelli di permeabilità, alta densità di flusso residuo e magnetizzazione di saturazione, e la piccola forza coercitiva, rendendo così efficace utilizzare il flusso del percorso magnetico per la generazione di energia.  Gli esempi includono leghe Permalloy basato.

 

Materiali paramagnetici applicabili sono quelle con una permeabilità specifica paragonabile a quella di un vuoto, come aria, rame e alluminio.  Quando l'aria è utilizzato come un materiale paramagnetico, cioè, quando un divario G è fissato tra il primo nucleo 2 e il secondo nucleo 3, il secondo nucleo 3 viene mantenuto con un materiale solido paramagnetico.  Le figure rappresentano incarnazioni con una distanza di G, senza un solido materiale paramagnetico progettato per mantenere il secondo nucleo 3.

 

Di seguito è una descrizione di come una dinamo magnete statico della configurazione precedente genera potenza.  In primo luogo, quando nessuna tensione è applicata alla bobina magnetizzata 4 della Dinamo magnete statico, un primo flusso 11 è formato nel primo nucleo 2 in direzione andando dal polo N a Polo S del magnete permanente 1.  In questo stato, nessun flusso è stata formata nel secondo nucleo 3 accoppiato tramite il divario G.

 

 

Una tensione può essere applicata per le maniere di bobina magnetizzata 4 in tre descritte di seguito.  Nella prima applicazione di tensione, come indicato in Fig.2, una tensione VS di CC è applicata alla bobina magnetizzata 4 nella direzione che la tensione respinge il primo flusso 11 del primo nucleo 2 generato dal magnete permanente 1 e viceversa, ovvero, in maniera tale che il secondo flusso 12 si verifica nella direzione inversa del primo flusso 11.  Di conseguenza, il primo flusso 11 respinge il secondo flusso 12 e viceversa, così che il flusso più facilmente perdite dal percorso magnetico chiuso.  Il primo flusso 11 ed il secondo flusso 12, che più facilmente fuoriuscire dal percorso magnetico chiuso, saltare il gap G e inserire il secondo core 3, in modo che un terzo flusso 13 è indotta nel nucleo secondo 3.  Inoltre, l'induzione di questo terzo flusso 13 cambia il flusso passa attraverso la bobina di induzione 5, in modo che la forza elettromotrice V1 si verifica nella bobina di induzione 5, conseguente potenza generata.

 

 

Successivamente, togliere la tensione di CC applicata alla bobina magnetizzata 4 richiede il primo nucleo 2 per provare a tornare ad uno stato dove solo il primo flusso 11 è costituito come indicato in Fig.1.  A quel tempo, il secondo nucleo 3 ha un flusso nel senso d'inversione del flusso terzo 13, ovvero il flusso quarto 14 indicato in Fig.3, al fine di uccidere il terzo flusso 13.  Quindi, l'induzione della quarta flux 14 modifiche il flusso passando la bobina di induzione 5, così che la forza elettromotrice V2 si verifica nella bobina di induzione 5, conseguente la potenza generata.

 

Generazione di energia in questa prima applicazione di tensione può essere realizzata da una dinamo magnete statico coinvolta in questa invenzione, un alimentatore CC per applicare una tensione VS di CC alla bobina magnetizzata 4, ed un circuito di commutazione che l'alimentatore CC accende e spegne.  Un circuito di commutazione senza contatto può essere fatto se un semiconduttore dispositivo, quale un tiristore, il passaggio è disponibile.

 

La seconda applicazione di tensione è lo stesso come la prima applicazione di tensione fino al punto dove il terzo flusso 13 è indotta nel secondo nucleo 3 applicando una tensione VS di CC alla bobina magnetizzata 4 in modo da generare il flusso secondo 12 in direzione inversa del primo flusso 11 e dove il terzo flusso 13 è indotto a generare forza elettromotrice V1 in bobina di induzione 5, generando così il potere.

 

 

Successivamente, cambiando la polarità della tensione CC applicata alla bobina magnetizzata 4 genera nel primo nucleo 2 che il primo flusso 11 causata dal magnete permanente 1, come pure il flusso quinto 15 nella stessa direzione come il primo flusso, causato dalla bobina magnetizzata 4.  Qui, il primo flusso 11 è dato il flusso di quinto 15, così che il secondo nucleo 3 è dato il flusso quarto 14 come indicato in Fig.4, così come il sesto flux 16 nella stessa direzione come il quarto flux 14.   Inoltre, inducendo il flusso quarto 14 e la sesta 16 modifiche flusso il flusso passa attraverso la bobina di induzione 5, in modo che una forza elettromotrice V3 maggiore della forza elettromotrice V2 viene generata nella bobina rotante per produrre energia..

 

Questa seconda applicazione di tensione richiede una circuito PSC che cambia la polarità della tensione di invece un circuito di commutazione che accende e spegne la tensione di CC applicata alla bobina magnetizzata 4 nella prima applicazione di tensione di commutazione di polarità.   Questo circuito di commutazione di polarità può essere fatto di un dispositivo di commutazione dei semiconduttori, analogamente al circuito di commutazione nella prima applicazione di tensione.

 

Nella terza domanda di tensione, tensione CA VS è applicata alla bobina magnetizzata 4 anziché applicare tensione continua alla bobina magnetizzata 4 nella seconda applicazione di tensione con la polarità cambiata.  Il flusso generato applicando tensione alla bobina magnetizzata 4 diventa un flusso alternato che alterna il secondo flusso 12 in Fig.2 e il flusso di quinto 15 in. Fig.4.  Poi, il flusso indotto nel secondo nucleo 3 è il terzo flusso 13 in Fig.2 quando viene generato il flusso secondo 12, ed è il quarto flusso 14 cercando di uccidere il flusso sesto 16 e la terza di flusso 19 in Fig.4 quando viene generato il flusso di quinto 15.  Cioè, il flusso indotto nel secondo nucleo 3 naturalmente diventa anche un flusso alternato.

 

Nella generazione di energia di questa terza applicazione di tensione, tensione CA viene applicata alla bobina magnetizzata 4, che supera la necessità di un circuito di commutazione o polarità circuito PSC, che era necessaria nella prima e la seconda applicazione di tensione, così che diventa semplificato il dispositivo di commutazione.   Inoltre, il flusso indotto nel primo nucleo 2 e il secondo nucleo 3 diventa un flusso alternato indotto dalla tensione CA, di modo che la Dinamo funziona anche come un trasformatore con apertura G tra il primo nucleo 2 e il secondo nucleo 3.  È pertanto possibile aumentare ulteriormente la forza elettromotrice V generato dall'induzione elettromagnetica in bobina di induzione 5.

 

Successivamente, l'efficienza di generazione di potenza di una dinamo magnete statico coinvolta in questa invenzione è descritto.  La Dinamo magnete statico può essere considerata come un trasformatore, se viene rimosso il suo magnete permanente 1 e c'è un divario G.

 

Un trasformatore comporta una perdita di corrente eddy Wv e perdita di isteresi Wh del nucleo e una perdita Wr dovuto la resistenza elettrica della bobina.  Questi fattori sono in una relazione formulata sotto.

 

Perdita totale W1 = Wv + Wh + Wr   . . . . . . . . .(1)

 

Chiamiamo il Win ingresso e l'uscita Wo, e il Win diventa uguale alla perdita totale, in modo che l'efficienza di conversione del trasformatore è

 

Eff = Wo / Win = Wo(Wv + Wh + Wr) < 1 . . . . . . . . (2)

 

In realtà, in Fig.1, il percorso magnetico chiuso costituito il primo nucleo 2 contiene un magnete permanente 1.  Il flusso di questo magnete permanente 1 contribuisce quindi alla produzione di energia.   Pertanto, in Fig.1, lasciare che l'ingresso sia Win2 e il Wo2 uscita, allora

 

Wo2 = Wp + αWin2 . . . . . . . (3)

 

Dove Wp rappresenta potenza risultante dal flusso del magnete permanente 1 contribuire alla produzione di energia, e α rappresenta una efficienza di conversione ottenuto quando il dispositivo è considerato come un trasformatore con un gap G.

 

Pertanto, l'efficienza di generazione di energia è:

 

Eff = Wo2 / Win2  or                     .

 

Eff  = (Wp / Win2) + α  . . . . . . . (4)

 

Qui, dal α < 1, se Wp / Win2 > 1, se potere ottenuto risultanti dal flusso del magnete permanente 1 contribuendo alla generazione di energia è più grande di Dinamo potenza fornita alla bobina magnetizzata 4, efficienza di generazione di potenza diventa non meno di 1, in modo che il dispositivo può visualizzare la sua performance come una dinamo.

 

Così, l'inventore ha esaminato come descritto qui di seguito quanto il flusso del magnete permanente 1 contribuisce all'induzione del terzo flusso 13 in Fig.2.  In primo luogo, la Dinamo magnete statico inventore fornito della configurazione base indicato in Fig.1, uno con un magnete permanente 1 e l'altro senza un magnete permanente 1.  L'inventore ha poi confrontato i livelli di potenza necessari per indurre flussi di densità di flusso uguali al secondo nucleo 3 di ogni incarnazione, cioè i livelli di potenza fornita alla bobina magnetizzata 4. Di conseguenza, un'incarnazione con un magnete permanente 1 richiesto solo un bassissimo livello di potenza fornita alla bobina magnetizzata 4.  È stato osservato che il livello richiesto di potere era non più di un quarantesimo di quello dell'incarnazione senza un magnete permanente 1, a seconda delle condizioni di prova.

 

In una dinamo magnete statico coinvolta in questa invenzione, dunque, Win2 può essere reso più Wp, sufficientemente piccolo affinché l'inventore ritiene possibile fare Wp / Win2 > 1.

 

 

Incorporamento 1

Successivamente, come la prima incarnazione, un sistema di Dinamo magnete statico composto di due dinamo magnete statico della configurazione base è descritto basato su Fig.5.

 

 

In Fig.5A, in una dinamo magnete statico, un percorso magnetico chiuso è costituito da due magneti permanenti 1 e due primo nucleo 2 formata in modo da accoppiare i diversi poli di un magnete permanente 1 con altri magneti permanenti 1 in modo anulare.  Questa chiusura magnetica percorso è poi dotata di un secondo nucleo 3 tramite un divario G.  Ciò forma un percorso aperto magnetico costituito da un magnete permanente 1, parte di un primo nucleo 2, un materiale paramagnetico e un secondo nucleo 3.

 

 

Questo percorso magnetico aperto può essere organizzato in due modi diversi. In una configurazione, come indicato in Fig.5A, un percorso magnetico aperto può essere costituito due magneti permanenti 1 e due nucleo secondo 3.   Nella configurazione di altre, come indicato in Fig.5B, uno percorso magnetico aperto può essere fatto di un magnete permanente 1 e un'altra può essere fatto di un primo nucleo 2.  La Dinamo magnete statico in Fig.5A e Fig.5B non differisce sostanzialmente in termini di effetto, tranne che i loro modelli, formando così un percorso aperto magnetico differiscono.

 

La parte formando solo un percorso magnetico chiuso ogni primo nucleo 2 è avvolto con una bobina magnetizzata 4.  Ogni nucleo secondo 3 è avvolto attorno con una bobina di induzione 5 che genera la forza elettromotrice di induzione elettromagnetica.

 

Questo Dinamo magnete statico costituisce un primo flusso 11 nel primo nucleo 2 in direzione andando dal polo N al Polo S del magnete permanente 1, con nessuna tensione applicata alla bobina magnetizzata 4.  Inoltre, l'azione di questo Dinamo applicando tensione alla bobina magnetizzata 4 e generare forza elettromotrice in bobina di induzione 5 di induzione elettromagnetica per generare potenza è simile alla Dinamo magnete statico della configurazione base.  La Dinamo magnete statico con due magneti permanenti 1, come già accennato ha percorsi magnetici ben equilibrati.   Poiché il flusso dei magneti permanenti 1 può essere utilizzato efficacemente, questa incarnazione raggiunge la maggiore efficienza di generazione di potenza rispetto a dinamo magnete statico della configurazione base.

 

La prima incarnazione è un sistema di Dinamo magnete statico composto da due dinamo magnete statico della configurazione base.  Analogamente, un sistema di Dinamo magnete statico può essere fatto come una combinazione di tre o più Dinamo magnete statico della configurazione base (Figs.1-4).  In tal caso, analogamente alla prima incarnazione, un percorso magnetico aperto può formare in due maniere.  Una configurazione è la formazione di un percorso aperto magnetico di tutti i magneti permanenti 1 di accoppiamento con un secondo nucleo 3.  L'altra è la formazione di tanti percorsi magnetici aperti come magneti permanenti accoppiando il polo N di ogni magnete permanente 1 al Polo S con un secondo nucleo 3.

 

 

Incarnazione 2

Successivamente, la seconda incarnazione della presente invenzione è rappresentata in Fig.6,

 

 

 

 

 

a terza incarnazione in Fig.7,

 

 

 

 

 

e la quarta incarnazione in Fig.8.

 

 

 

In queste forme di realizzazione, l'azione di applicando tensione alla bobina magnetizzata 4 e generando forza elettromotrice in Fig.5 la bobina di induzione elettromagnetica è simile a quello di una dinamo magnete statico della configurazione base (Figg. 1-4).

 

Il secondo e il terza incarnazioni rappresentate in Fig.6 e Fig.7 hanno la stessa configurazione di base come l'incarnazione prima, tranne che il primo nucleo 2 in ogni incarnazione è sagomato in modo diverso.

 

Nella seconda incarnazione, la parte contrari alla fine del secondo nucleo 3 bastoni fuori verso la fine del secondo nucleo 3.  Così, il flusso di perdita dovuto l'idrorepellenza del primo flusso 11 ed il secondo flusso 12 generato nel primo nucleo 2 salta attraverso il divario G ed entra il secondo nucleo 3 con maggiore facilità.

 

 

Incarnazione 3

La terza incarnazione è progettato in modo che la parte di accoppiamento secondo nucleo 3 è quella parte del primo nucleo 2 che è più vicino al magnete permanente 1 e, per accorciare il percorso magnetico aperto ancora di più, i due magneti permanenti 1 sono vicino a vicenda.  Poiché un flusso tende a formare un percorso chiuso magnetico con la distanza più breve, il flusso di perdita dovuto l'idrorepellenza del primo flusso 11 e il secondo flusso 12 generato nel primo nucleo 2 salta attraverso il divario G ed entra il secondo nucleo 3 con maggiore facilità.

 

 

Incarnazione 4

La quarta incarnazione indicato in Fig.8, al contrario di una dinamo magnete statico della configurazione base, è costituito da un primo ciclo dove Magneti permanenti 1 con più tracciati chiusi magnetiche sono disposte circolarmente con flussi orientati nella stessa direzione e un secondo ciclo che è avvolto con una bobina magnetizzata 4 e installato all'interno del primo ciclo.  Inoltre, le parti con loro primo nucleo 2 il primo loop di accoppiamento a quello secondo stick verso l'altro in un intervallo specificato.  Le parti dove questo primo nucleo 2 sporgono sono accoppiate insieme con un secondo nucleo 3 tramite un divario G per formare un percorso magnetico aperto.  Questo rafforza il flusso dei magneti permanenti 1 e rende più facile per il flusso di perdita dovuto l'idrorepellenza del primo flusso 11 ed il secondo flusso 12 generato nel primo nucleo 2 di saltare il gap G e inserire il secondo nucleo 3.

 

 

Incarnazione 5

La configurazione di una dinamo magnete statico coinvolta in questa invenzione è stata finora descritta in termini di incarnazioni, dove un percorso magnetico aperto è collegato al primo nucleo 2 ad entrambe le estremità del secondo nucleo 3 tramite un materiale paramagnetico.  Tuttavia, questa invenzione non è limitata a queste incarnazioni.

 

 

Cioè come indicato in Fig.9, percorso magnetico aperto può essere incarnato da estendere qualsiasi due parti del primo nucleo 2 nella direzione che si avvicinano tra loro, così definendole come estensioni nucleo 6 e accoppiamento queste estensioni nucleo 6 tramite un materiale paramagnetico 6'.  Questa incarnazione può essere applicata a tutte le incarnazioni sopra menzionati.

 

 

Incarnazione 6

 

 

Come indicato in Fig.10, un percorso magnetico chiuso è costituito da un magnete permanente 1 e un primo nucleo 2 formata in modo da accoppiare i diversi poli del magnete permanente 1 ha detto in modo anulare. Questo percorso magnetico chiuso è poi dotata di un secondo nucleo 3 che viene magneticamente in parallelo con il magnete permanente 1, così che un percorso di bypass chiuso magnetico è composto da un magnete permanente 1, parte di un primo nucleo 2 e un secondo nucleo 3.

 

La parte costituita solo il percorso magnetico chiuso del primo nucleo 2 è avvolto attorno con una bobina magnetizzata 4.   Il secondo nucleo 3 è poi avvolto con una bobina di induzione 5 progettato per generare forza elettromotrice di induzione elettromagnetica.

 

L'azione di un magnete dinamo statica della forza generatrice configurazione di cui sopra è descritto di seguito.  In primo luogo, quando non è applicata tensione alla bobina magnetizzato 4 su un magnete dinamo statico, il primo nucleo 2 forma un primo flusso 11 nella direzione che va dal polo N al polo S del magnete permanente 1.  In questo stato, una flux simile a quella del primo nucleo 2 è generato nel secondo nucleo 3 nonché

 

 

Incarnazione 7

 

 

La settima incarnazione è descritto qui di seguito è basato su Fig.11, in termini di un sistema di Dinamo magnete statico composto di due dinamo magnete statico della configurazione base e con la posizione relativa dei magneti permanenti cambiato.

 

In una dinamo magnete statico, un percorso chiuso magnetico è composto da due magneti permanenti 1 e due primo nucleo 2 progettato in modo da accoppiare i diversi poli di uno dei magneti permanenti 1 con altri magneti permanenti 1 in modo anulare.  Questa chiusura magnetica percorso è poi dotata di un secondo nucleo 3.  Questo porta alla formazione di un by-pass chiuso percorso magnetico costituito da un magnete permanente 1, parte di un primo nucleo 2, un materiale paramagnetico e un secondo nucleo 3.

 

Le parti di cui è formato un tracciato chiuso magnetico di ogni primo nucleo 2 solo sono attorcigliate con una bobina magnetizzata 4.  Ogni secondo nucleo 3 è poi avvolto con una bobina di induzione 5 progettato per generare forza elettromotrice di induzione elettromagnetica.

 

In questa dinamo magnete statico, in cui non viene applicata alcuna tensione alla bobina magnetizzato 4, un primo flusso 11 è formato nel primo nucleo 2 nella direzione che va dal polo N al polo S del magnete permanente 1.   L'azione di applicazione tensione alla bobina magnetizzato 4 e generare forza elettromotrice nella bobina di induzione 5 per induzione elettromagnetica per generare potenza è simile a quella di un magnete dinamo statica della configurazione base.

 

Nella suddetta dinamo magnete statico incorpora due magneti permanenti 1, percorsi magnetici sono disposti in maniera equilibrata. Ciò rende possibile utilizzare efficacemente il flusso dei magneti permanenti 1, così che l'efficienza di generazione di energia è superiore a quello di un magnete dinamo statica della configurazione base.

 

Questa invenzione è stata finora descritta alquanto in dettaglio in termini di forme di realizzazione più favorevoli. Poiché è chiaro che una grande varietà di forme di realizzazione può essere realizzato senza contrastare la filosofia e la portata di questa invenzione, l'invenzione non sarà limitata a qualsiasi particolare forma di realizzazione, tranne che per le limitazioni descritte nella rivendicazione allegata.

 

 

 

 

 

I Circuiti di Stephan Leben

C'è un interessante video pubblicato su YouTube in cui http://www.youtube.com/watch?v=9zh_C3yvJH0  Stephan W. Leben il cui ID è "TheGuru2You" messaggi da alcune informazioni davvero interessanti. Inizia con un circuito prodotto da Alexander Meissner nel 1913 e illustrato qui:

 

 

 

 

Afferma Stephan che ha costruito questo circuito e posso confermare che si tratta di un circuito di auto-risonante powering. Una volta dodici volt è collegato ai terminali di ingresso, il transistor commuta alimentando il trasformatore che alimenta impulsi ripetuti alla base del transistore, sostenendo le oscillazioni. Il tasso di oscillazione è governata dal condensatore marcato "C" nello schema elettrico sopra la bobina e attraverso il quale è collegato.

Stephan consiglia l'utilizzo del circuito di Alexander Meissner con circuito di amplificazione magnetica Charles Flynn. Qui il trasformatore viene commutato a diventare l'oscillatore Charles Flynn avvolgimento più un secondo avvolgimento poste di fianco per accoppiamento magnetico come mostrato qui
:

 

 

La fase transistor è auto-oscillante come prima, il trasformatore ora costituito le spire rosso e blu. Tale oscillazione oscilla anche l'armatura magnetica Flynn, producendo una uscita elettrica attraverso le bobine nere a ciascuna estremità della armatura magnetica. Questo è, naturalmente, un'uscita oscillante, o CA, quindi i quattro diodi produrre una raddrizzata (pulsante) di corrente CC che viene levigato dal condensatore collegato ai diodi.

Questo circuito potrebbe essere avviata toccando una fonte da 12 volt molto brevemente ai terminali di uscita sulla destra. Un'alternativa sarebbe quella di sventolare un magnete permanente vicino alle bobine rosso e blu come che genera una tensione in bobine, più che sufficiente per avviare il sistema oscillante e così, diventando autosufficiente. Stephan suggerisce di utilizzare il cristallo piezoelettrico da un accendino e collegandolo ad una bobina supplementare per produrre la tensione di picco necessaria quando la bobina è tenuta vicino alla bobina blu e il meccanismo leggero cliccato.

Un problema sorprendente sarebbe come spegnere il dispositivo dal momento che si gestisce. Per gestire questo, Stephan suggerisce un bipolare On / Off per scollegare l'uscita ed evitare che fornendo la sezione di ingresso del circuito. Per mostrare se il circuito è in esecuzione, un Light-Emitting Diode ("LED") è collegato tra l'uscita e la corrente che scorre attraverso di essa da una resistenza di circa 820 ohm.

Chiunque voglia provare replicare questo dispositivo bisogno di sperimentare con il numero di giri in ogni bobina e il diametro del filo per trasportare la corrente desiderata. Stephan afferma che è necessario disporre di almeno due volte il peso del rame nella (nero) bobine di uscita in quanto vi è in (blu) bobine di ingresso al fine di consentire al dispositivo di produrre energia in eccesso. La prima pagina del appendice indica la capacità di trasporto di corrente per ciascuno dei diametri di filo standard comunemente messi in vendita. Poiché si tratta di un circuito abbastanza recentemente rilasciato, io non sono a conoscenza di eventuali repliche di esso in questo momento
.

 

 

Il “VTA” Generatore di Floyd Sweet.

Un altro dispositivo nella stessa categoria di magneti permanenti in combinazione con bobine oscillanti, è stato prodotto da Floyd dolce. Il dispositivo è stato soprannominato "Vacuum Triode Amplificatore" o "VTA" di Tom Bearden.

 

Il dispositivo è in grado di produrre più di 500 watt di potenza di uscita a 120 Volt, 60 Hz richiedendo meno di un terzo di un milliwatt come potenza di ingresso. La potenza di uscita può funzionare motori a corrente alternata, luci, riscaldatori e quando rettificati, motori a corrente continua.

 

Grazie è dovuto a Horst Weyrich che mi ha recentemente fornito con collegamenti a materiale utile che io non avevo mai visto prima. Questo link: http://www.youtube.com/watch?v=0gM9natKIyY è quello di un video in cui Floyd mostra la maggior parte del processo di condizionamento magnete.

 

Di recente, alcune informazioni aggiuntive sul dispositivo di Floyd dolce, è stato rilasciato pubblicamente da un associato di Floyd che va solo con il suo nome di "Maurice" e che, dopo aver raggiunto l'età di settant'anni ha deciso che è giunto il momento di rilasciare queste informazioni aggiuntive. Queste informazioni si possono trovare in appendice. Non sono a conoscenza di qualcuno che è riuscito a replicare VTA Floyd, ma qui è quante più informazioni che ho in questo momento.

 

Nel video sopra, Floyd parla separa due suoi magneti permanenti condizionata con una "traferro" che è sorprendente come li sta mettendo su lati opposti di una lunghezza di canale di alluminio con pareti spesse e alluminio ha un notevole effetto smorzante magnetica campi:

 

 

 

 

 

 

 

Questa disposizione che sembra completamente pazzo, è confermata da una foto dal laboratorio di Floyd. Come illustrato di seguito:

 

 

 

 

 

Ciò dimostra chiaramente che le estremità aperte del canale non sono tra i due magneti consentendo un campo magnetico libero di fluire tra di loro, ma invece, due spessori di canale di alluminio sono tra i due magneti, che ostruisce il flusso magnetico - abbastanza notevole !!

 

Floyd mostra due bobine utilizzati per condizionare i magneti. La prima è la grande bobina rivolta mostrato qui davanti Floyd:

 

 

 

La seconda bobina non è visto come è all'interno della bobina verticale, seduto piano sul fondo, e consistente in un intero rullo di AWG # 17 (diametro 1,15 millimetri) di filo, qualcosa di simile:

 

 

 

Questa bobina funziona efficacemente come un solenoide aria nucleo, producendo un forte campo magnetico assiale all'interno della bobina più grande che la circonda. Questa bobina interna è azionato da un segnale sinusoidale nella gamma 10Hz a 15Hz, amplificato tramite un amplificatore audio 100 watt che fornisce la corrente necessaria per imporre l'onda sinusoidale su questa bobina bassa impedenza senza distorcere la forma d'onda.

 

Il primo passo è quello di determinare la frequenza di risonanza di ciascuno dei due magneti permanenti da utilizzare. I magneti in ferrite utilizzate risultano essere di circa 6 x 4 x 1 pollice (150 x 100 x 25 mm). Poiché saranno eventualmente utilizzati in coppia, una estremità di ciascuna è contrassegnato in modo che possano essere allineati con l'orientamento corretto dopo il condizionamento. Tale dimensione del magnete sembra avere una frequenza di risonanza di circa 12Hz, ma ogni magnete sarà leggermente diversa.

 

L'interno, bobina di bassa frequenza viene acceso a circa 12Hz, la lunghezza del magnete allineato con il campo magnetico terrestre (cioè, nord / sud), e posto sulla parte superiore della bobina verticale. Un shim ferro come utilizzato nella costruzione nucleo del trasformatore è posizionato verticalmente sopra il magnete come un'indicazione di risonanza:

 

 

Come mostrato nel video, la frequenza dell'onda sinusoidale alimenta l'AWG # 17 bobina è regolata lentamente per trovare il punto in cui lo spessore del ferro vibra più forte. Tale frequenza è notato, e lo stesso avviene per il secondo magnete. Non è probabile che le due frequenze di risonanza sarà lo stesso, e quindi viene utilizzata la frequenza media per la coppia.

 

Successivamente, i due magneti sono collocati in modo attrazione, uno su ciascun lato del canale in alluminio, con le loro estremità marcate alla stessa estremità del canale. Cioè, la faccia nord polo toccherà l'alluminio e il volto polo sud dall'altra toccherà l'alluminio. I due magneti e loro canale alluminio separando vengono poi poste all'interno della bobina principale e allineate in modo che l'esterno polo Nord affaccia verso sud e la fronte esterno meridionale facce polari nord. Le grandi dimensioni delle bobine sono disposte in modo che il centro dei magneti è al centro della bobina esterna:

 

 

Mentre la bobina interna continua ad essere alimentato con una potente onda sinusoidale, la bobina esterna è ora alimentato un flusso di impulsi di tensione 60Hz taglienti. Questi sono generati caricando un condensatore di 250V 16.000 microfarad e poi scaricandola attraverso un SCR (tiristore) collegato alla bobina esterna. È importante che le punte siano tagliente come imposto loro quella frequenza sulla struttura magnetica interna dei magneti. Presumibilmente, se puntando una versione europea 240V, poi la bobina esterna sarebbe impulsi a 50Hz anziché 60Hz americano e il condensatore sarebbe un tipo 450V nominale.

 

Le foto lavorativi prototipo Floyd alimentano un carico, sembrano indicare che una bobina di ingresso ed uno di uscita della bobina come descritto da Ashley Gray sotto, sono gli stessi usati per Floyd come vediamo fili che esce l'estremità aperta del canale.

 

Horst tiene a sottolineare che non è facile fare una replica di lavoro del disegno di Floyd come le persone a www.hyiq.org hanno cercato di replicare per un certo numero di anni, senza alcun successo.

 

 

Ashley Gray della Nuova Zelanda.

Nel mese di aprile 2014, sono stato mandato alcune informazioni su un collega di Floyd Sweet - Ashley Gray di Nelson, Nuova Zelanda. La versione descritto da Ashley sembra essere comprensibili.

 

Il 20 giugno del 1994, Ashley dice:

Dopo un viaggio in America nel 1985, quando mi è stato introdotto per Floyd dolce, sono stato invitato a tornare indietro e lavorare con lui. A quel tempo era stato finanziato da Mark Goldes dell'Istituto Esopo, e Darryl Roberts stava lavorando come coordinatore per l'Istituto a Los Angeles Dopo aver lavorato con Floyd per un certo tempo abbiamo lasciato l'America per l'Inghilterra. A quel punto la "politica" era diventato difficile. Mentre eravamo in Inghilterra, siamo stati contattati da Mark Goldes e detto che Floyd aveva ottenuto alcuni risultati che ci vorrebbero per verificare per loro.

 

Al nostro ritorno in Nuova Zelanda, Darryl Roberts ci ha inviato la nota Lab che aveva registrato durante i primi test del "Space Quanta Modulatore" ed è dettagli costruttivi. Ci è stato chiesto di ripetere gli esperimenti per verificare i risultati. Abbiamo costruito il dispositivo, ma è stato possibile ottenere alcun risultato in quel momento. Alla luce dei nuovi elementi, che era stato rilasciato, ho condotto alcuni ulteriori esperimenti e sono riuscito ad ottenere alcuni risultati interessanti senza calamita 'condizionata', che, per quanto ne sapevo, non è stato utilizzato nel dispositivo originale.

 

Il dispositivo iniziale che ho costruito quando in America, consisteva di due da 1 pollice x 1 pollice (25 x 25 mm) magneti al neodimio montati in un telaio in acciaio. Ci sono stati due 'modulanti' avvolgimenti e un avvolgimento di uscita. Si è guidato da un oscillatore sinusoidale appositamente costruita che era regolabile da 1 kHz a 2 kHz. Non abbiamo avuto alcun output o risultato significativo da questo dispositivo. Floyd ritenuto che questo è dovuto alla forza di campo elevata dei magneti al neodimio ed il percorso magnetico chiuso. Floyd non ha menzionato nulla che sia necessario magnete condizionata.

 

Un secondo prototipo è stato poi costruito, con ferrite di bario dimensioni magneti 6 pollici x 4 pollici x 1 pollice (150 x 100 x 25 mm):

 

 

 

Ashley sembra essere l'uso di magneti che non sono 'condizionata'. Ashley ha avuto quello che io ritengo essere risultati molto significativi dal suo prototipo con una potenza di uscita di 111 watt per un ingresso di soli 0.001 watt (un COP pari a 111.000). Costruire il successo di Ashley ha un corpo in alluminio. La gente l'idea molto sbagliata che l'alluminio non è magnetico perché i magneti non si attaccano ad esso. La realtà è che l'alluminio ha un effetto molto importante sui campi magnetici e può essere utilizzato come schermatura magnetica se abbastanza spessa. Disegno di Ashley utilizza due bobine ad angolo retto tra loro e che lo stile di funzionamento può essere visto in altri disegni privo di energia. In ogni caso, date un'occhiata alla versione costruita da Ashley:

 

 

Il case in alluminio è poco profonda. Le estremità sono 4 "x 2.5" che è 100 x 63 mm. Il diametro della bobina ingresso è 1,5 pollici o 38 mm. Similmente, la lunghezza della bobina di uscita deve essere inferiore a 63 mm.

 

Lo schema che segue può dare un po 'migliore idea delle dimensioni coinvolte nella costruzione. Al momento attuale, magneti di dimensioni che sono disponibili per £ 14 ciascuno nel Regno Unito. Ognuno di essi ha un 8 Kg di trazione e sono molto pesanti. 

 

 

 

Le linee di forza magnetiche fluiscono attraverso la lunghezza della bobina di uscita e attraverso la larghezza della bobina di ingresso. Come si può vedere dallo schema, l'unità è compatta nonostante le grandi magneti. L'input necessario è un'onda sinusoidale buona qualità. Ashley dice anche:

 

Dettagli Da Lab Note di Prime Prove di Successo

 

Configurazione di Prova Originale:

Un generatore di segnale da parte Wavetek, Stati Uniti d'America, è stato utilizzato per pilotare la bobina di ingresso.

Bobina di Ingresso: 1.5" diametro 120 giri #20 gauge (0,812 mm di diametro, la resistenza complessiva circa 1 ohm)

Ingresso = 7,5 volt a 3.l microampere = 23 micro watt

Bobina di Uscita: 1.5" diametro 12 giri #12 gauge (2,05 mm di diametro)

Uscita = 10.4 volt onda sinusoidale a 1,84 Ampere = 19,15 watt a circa 400 Hz

 

Commenti:

Frequenza generalmente influenzato la resistivo 1.8 amplificatore da 20 watt lampadina carico proporzionalmente e la luminosità aumentata con maggiore frequenza, è diminuita con diminuzione della frequenza, tranne in alcuni punti quando è apparso inversamente proporzionale, aumentando la frequenza è diminuita.

 

Prime Modifiche:

Il generatore di segnale è stato sostituito con uno costruito appositamente onda sinusoidale oscillatore di uscita 9 volt. La bobina di ingresso è stato aumentato a 250 giri di # 18 gauge (1,024 millimetri) e la bobina di uscita è stata aumentata a 24 giri di # 18 gauge (1,024 millimetri di diametro) del filo. Magneti, spaziatura, ecc tutti sono rimasti gli stessi.

 

Ingresso:                                7,2 volt a 143 micro Ampere (0.001 watt)

Uscita:    24.2 volt a 4,6 ampere = 111watts. Frequenza 388 e 402 Hz

 

Commenti:

Aumentando l'area del filo esposto a / o occupare il campo magnetico fluttuante l'uscita è stata raddoppiata. Le esatte proporzioni / rapporti tra il volume di riempimento dello spazio di avvolgimento di produzione non erano stati determinati al momento della scrittura. Dimensioni magnete sembra essere meno importante rispetto al volume degli avvolgimenti, diametro del filo, tensione di ingresso e corrente.

 

La corrente è limitata solo dalla impedenza del filo aumenta drammaticamente nel campo magnetico a diverse centinaia di migliaia di ohm, mentre l'impedenza al di fuori del campo magnetico è solo 2 o 3ohms @ 400 Hz. (250 giri # 18 (diametro di 1 mm) fili).

 

La corrente di eccitazione CA è necessaria solo per sostenere I2R perdite come il campo magnetico non richiede alimentazione aggiuntiva, in quanto non viene caricato dai fili passano attraverso il campo.

 

L'unità ha funzionato per 10 a 12 ore senza riscaldamento che si verificano, ma sono stati condotti test di più lunga durata. I test sono stati testimoniati da tre persone.

 

 

Note Tecniche:

La qualità dell'oscillatore è importante - ci dovrebbe essere nessuna distorsione armonica cioè deve essere un'onda sinusoidale pura.

 

Il diodo di segnale divide la corrente nel circuito, ed essendo parallela - mette una piccola corrente microampere nella bobina di alimentazione, nonché la bobina di eccitazione. Questo funziona con i magneti in modo tale che si produce un vettore di complementazione.

 

Quando in prossimità di magneti, i bulbi di carico in uscita vibrano.

 

 

 

 

Il Generatore di Ottica di Pavel Imris.

Pavel ha ottenuto un brevetto statunitense nel 1970. Il brevetto è più interessante in quanto descrive un dispositivo che può avere una potenza di uscita che è più di nove volte maggiore della potenza in ingresso. Raggiunge questo con un dispositivo che ha due elettrodi a punta racchiusi in un involucro di vetro di quarzo che contiene gas xenon in pressione (maggiore è la pressione, maggiore è il guadagno del dispositivo) e di un materiale dielettrico.

 

 

 

 

 

 

Qui, l'alimentazione di una o più lampade fluorescenti standard, viene fatto passare attraverso il dispositivo. Questo produce un guadagno di potenza che può essere spettacolare quando la pressione del gas nella zona contrassegnata '24 'e '25' nello schema precedente è alta. Il brevetto è incluso in questo insieme di documenti e contiene la seguente tabella di misure sperimentali:

 

 

Tabella 1 mostra i dati ottenuti da relative al generatore elettrostatico ottico. La Tabella 2 mostra le prestazioni e l'efficienza della lampada per ciascuna delle prove riportate in Tabella 1. La seguente è una descrizione dei dati in ciascuna delle colonne di Tabelle 1 e 2.

 

 

 

Colonna

Descrizione

B

Il gas utilizzato nel tubo di scarico

C

Pressione del gas in tubo (in torrs)

D

Intensità di campo attraverso il tubo (misurata in volt per cm. Di lunghezza tra gli elettrodi)

E

Densità di corrente (misurata in microampere per mmq. Del tubo di sezione trasversale)

F

Corrente (misurata in ampere)

G

Alimentazione attraverso il tubo (calcolato in watt per cm. Di lunghezza tra gli elettrodi)

H

Tensione per lampada (misurata in Volt)

K

Corrente (misurata in ampere)

L

Resistenza (calcolata in ohm)

M

Potenza di ingresso per lampada (calcolato in watt)

N

Emissione luminosa (misurata in lumen)

 

 

 

 

Table 1

 

 

Generatore

Sezione

Ottica

 

 

A

B

C

D

E

F

G

Test No.

Tipo di lampada a scarica

Pressione di Xenon

Intensità di campo in lampada

Densità di corrente

Corrente

Potenza attraverso la lampada

 

 

(Torr)

(V/cm)

(A/sq.mm)

(A)

(W/cm.)

1

Mo elec

-

-

-

-

-

2

Xe

0.01

11.8

353

0.1818

2.14

3

Xe

0.10

19.6

353

0.1818

3.57

4

Xe

1.00

31.4

353

0.1818

5.72

5

Xe

10.00

47.2

353

0.1818

8.58

6

Xe

20.00

55.1

353

0.1818

10.02

7

Xe

30.00

62.9

353

0.1818

11.45

8

Xe

40.00

66.9

353

0.1818

12.16

9

Xe

60.00

70.8

353

0.1818

12.88

10

Xe

80.00

76.7

353

0.1818

13.95

11

Xe

100.00

78.7

353

0.1818

14.31

12

Xe

200.00

90.5

353

0.1818

16.46

13

Xe

300.00

100.4

353

0.1818

18.25

14

Xe

400.00

106.3

353